La versione di Fenoglio La versione di Fenoglio

La versione di Fenoglio

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Due personaggi inattesi, ironici, umanissimi. Una sequenza di racconti polizieschi, un'illuminante riflessione sul senso del lavoro investigativo, ma anche, soprattutto, un'esplorazione romanzesca e toccante nei territori del rimpianto, della colpa, delle illusioni perdute. Ricoverato in un reparto di Ortopedia per risolvere un vecchio problema, il maresciallo Pietro Fenoglio si trova a dividere la stanza con Giulio, un ventiquattrenne che gli appare disorientato, privo di coordinate, in difficoltà nel rapportarsi con gli altri, con la vita, con il destino. In maniera inaspettata tra i due nasce una confidenza, addirittura un'amicizia. Fenoglio narra al ragazzo alcune delle esperienze più singolari e avvincenti della sua lunga carriera d'investigatore fuori dagli schemi, e Giulio scopre un universo di storie, un'umanità sconosciuta – in cui il bene e il male si scambiano continuamente di posto – ma soprattutto un'idea del mondo e un criterio per tentare di decifrarlo. Pagina dopo pagina prende forma il ritratto di un eroe imperfetto, quasi riluttante rispetto alla propria vocazione. E si delineano i contorni di un metodo che, dalle indagini, muove verso un ragionamento sul valore, soprattutto morale, dell'errore e del dubbio.

Recensione della Redazione QLibri

 
La versione di Fenoglio 2019-03-28 16:20:35 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    28 Marzo, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

… Cambieremo il caso in destino.

«Chi aveva detto che le storie, se non si raccontano si disseccano a poco a poco, si sbriciolano e scompaiono nel nulla? L’unico modo per preservarle è raccontarle. Chi lo aveva detto?» p. 22

Due uomini di diversa età e con due diversi punti di vista sulla vita che si incontrano per caso, sono i nuovi protagonisti nati dalla penna precisa e curata di Gianrico Carofiglio e contenuti ne “La versione di Fenoglio”. Il primo è il Maresciallo dei Carabinieri Pietro Fenoglio, ex studente di Lettere presso la facoltà di Torino, che a sedici mesi dalla pensione a causa di una severa artrosi all’anca, con decorso quasi fulmineo, si vede costretto prima ad operarsi e poi a sottoporsi ad una serie di sedute di riabilitazione, il secondo non è altro che Giulio Crollalanza, reduce da un incidente stradale a sua volta operato per l’inserimento di una protesi all’anca, di anni ventitré, studente di giurisprudenza prossimo alla laurea (due esami e la tesi), figlio d’arte e con un futuro già spianato, un futuro che tuttavia non vuol intraprendere perché come comprendere cosa voler fare della propria vita, come comprendere quale strada sia giusta e quale sbagliata per noi?

«Ma sai, per quanto pensiamo di essere superiori a certi meccanismi, questi ci condizionano. Possiamo essere abbastanza lucidi da osservarli in noi stessi eppure incapaci di contrastarli davvero» p. 9

«Mi ha molto incuriosito. A volte mi domando in che modo la gente scopra la propria strada, perché io temo di non riuscire a trovare la mia. Ammesso che esista una mia strada. […] Non sono sicuro che il paragone funzioni. Si può giocare bene a calcio senza averlo visto in televisione. Non si può scrivere – credo – senza aver letto molto. Non ricordo chi ha detto che ogni vero scrittore è seduto su una catasta di libri altrui. Diciamo che la lettura è un presupposto necessario, anche se non sufficiente, per scrivere qualsiasi cosa» p. 16-17

Come poter crescere? Come acquisire quella postura morale che significa accettare la responsabilità di essere vivi? È un qualcosa che ha a che fare con la dignità di essere donne e uomini di fronte al caos dell’universo, di essere sconvolti dai fatti che quotidianamente ci accadono, di essere preda di dubbi e incertezze che sembrano minare tutte le nostre sicurezze per incrementare quelle crepe che ci portiamo dentro e contro cui lottiamo. E forse, nessuno ha una vera risposta per tutti questi quesiti, oppure, più semplicemente, una risposta non c’è perché viene da sola o non arriva mai. Sta di fatto che tra una seduta di riabilitazione e l’altra, sotto la vigile e attenta sorveglianza di Bruna e in una Bari tra le retrovie, tra i due nasce un rapporto di complicità, una voglia di raccontare e di ascoltare, uno scambio sincero che in modo diverso arricchisce entrambe portando ad una personalissima crescita.
Perché se Giulio è in quella fase in cui non ha certezze sul futuro e su se stesso, non riscontra in sé qualità degne di nota o pregi di alcun genere, è schiacciato dalla famiglia e dalla volontà di un padre autoritario e di una madre accondiscendente e sua volta dura, Fenoglio è attanagliato dalle paure di un’età che sembra essere arrivata troppo presto e che sembra avere il sapore di una conclusione amara. Non si sente più un uomo appetibile, ha un matrimonio alle spalle finito male, ha tanti timori per quei giorni in cui non sarà più in servizio e per quei tentativi con cui cercherà di riempire il tempo e così, narra. Parla al ragazzo di come ha cominciato, del perché ha cominciato, del come si investiga, del com’è entrato nel nucleo investigativo, di quali sono i stati i casi più salienti della sua carriera, di quali sono gli stratagemmi per riconoscere un bugiardo da una persona che sta dicendo la verità, di come condurre un interrogatorio, dell’importanza dell’osservare e del non rifuggire, degli incontri, della casualità o non casualità di questi, dell'importanza delle storie e di come queste debbano essere raccontate per non essere perdute e molto altro ancora.
“La versione di Fenoglio” è un romanzo rapido e di facile lettura che si esaurisce in poche ore ma che lascia il segno. In questo è possibile ritrovare il Carofiglio delle investigazioni e della procedura penale che tanto affascina con i suoi gialli e le sue inchieste ma anche un Carofiglio più introspettivo che si interroga sulla vita, sul tempo che passa, sul destino, sulle insicurezze, sull’esperienza e tanto tanto altro. Aspetto quest’ultimo, che per mio gusto personale, ho particolarmente apprezzato.
Un perfetto mix tra le due essenze di uno scrittore che sa farsi apprezzare ogni volta con semplice genuinità.

«… Cambieremo il caso in destino.» p. 167

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.7  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La versione di Fenoglio 2019-06-05 09:25:03 Bradamante
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bradamante Opinione inserita da Bradamante    05 Giugno, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La versione di Carofiglio

Leggo sempre Carofiglio con grande piacere. Lo stile piano, la cura nella ricerca delle parole, i personaggi vividi che rimangono nella memoria. La versione di Fenoglio in questo senso non delude ed è una ottima lettura estiva, anche se forse risulta un po' più debole rispetto ad altri romanzi dell'autore.
In sostanza potrebbe sembrare che Carofiglio avesse alcune brevi storie da parte e che le abbia cucite insieme, creando un contenitore dato dalla circostanza della riabilitazione ortopedica del carissimo Maresciallo Fenoglio e dell'incontro con un giovane che frequenta lo stesso centro per un problema fisico similare. Questo è lo spunto per ascoltare i bei racconti di investigazione del maresciallo. In sostanza per gli appassionati di Carofiglio come la sottoscritta questo libro è una nuova strenna da tesorizzare, ma non lo consiglierei a qualcuno che si sta accostando per la prima volta a Carofiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il ciclo di romanzi sull'avvocato Guerrieri
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

La versione di Fenoglio 2019-05-02 16:23:44 cesare giardini
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    02 Mag, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Come si conduce un'indagine.

Un anziano maresciallo dei carabinieri alle soglie della pensione, Pietro Fenoglio, e un giovane studente, Giulio Crollalanza (il cognome, gli fa notare il maresciallo, è più o meno la traduzione di “ Shakespeare”) si incontrano in un centro fisioterapico per la riabilitazione dopo un intervento di protesi all’anca. Si instaura tra i due una bella amicizia, c’è una istintiva simpatia reciproca che va maturando tra un esercizio e l’altro, sotto la guida esperta di Bruna, fisioterapista cinquantenne di bella presenza, al cui fascino discreto (lo si intuirà alla fine del romanzo) il bravo Fenoglio non è del tutto indifferente. Il ragazzo è colto, intelligente, sensibile, disorientato di fronte alle scelte che la vita gli propone e coglie nel temporaneo rapporto con l’esperto e saggio maresciallo la grande opportunità di capire la qualità e l’importanza che possono avere i rapporti con il prossimo, la difficoltà di saper distinguere il vero dal falso, l’ambiguità delle certezze apparenti. Il maresciallo ha una lunghissima esperienza di indagini e ne racconta a Giulio alcune vissute in prima persona, a dimostrazione che molte volte le apparenze ingannano e che quello che appare certo non sempre lo è. Ed ecco che prendono vita nel racconto di Fenoglio due casi sorprendenti. Il primo capitato quando il maresciallo era ancora alle prime armi e si era avventurato, non convinto della colpevolezza di un presunto assassino di un medico, in un’indagine personale risolta con l’individuazione del vero colpevole; il secondo caso occorsogli anni dopo quando, non convinto appieno della colpevolezza di un giovane nel ferimento di una prostituta, aveva scoperto nel protettore il vero colpevole. Mai fermarsi, per comodità o indifferenza, alle apparenti certezze di una prima indagine superficiale, ma andare sempre a fondo, esaminando riscontri diversi con rigore e professionalità. Non sempre succede, afferma Fenoglio, perché si vuole subito un colpevole da assicurare alla giustizia e tranquillizzare così l’opinione pubblica, influenzata dai polizieschi in TV e dalla loro banalità. Gianrico Carofiglio, scrittore e magistrato, propone con il suo romanzo un vero e proprio trattato su come si dovrebbe svolgere un’indagine, esaminando con cura ogni prova, rifiutando certezze prefabbricate, confrontando testimonianze, nella consapevolezza che il mondo reale è popolato da buoni e da miserabili, in una penombra nella quale è spesso complicato fare luce.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I libri di Carofiglio, specialmente quelli che riguardano le indagini del maresciallo Fenoglio (ad es. Una mutevole verità).
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La versione di Fenoglio 2019-03-28 18:34:45 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    28 Marzo, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La ricerca della verità nell'investigazione

La versione di Fenoglio è l’ultimo libro edito di Gianrico Carofiglio. Un libro dotto e colto, per quello che potrebbe considerarsi un manuale dell’investigazione.
Il Fenoglio di cui si allude nel titolo è il “maresciallo” dei Carabinieri, di origini piemontesi, già protagonista de Una mutevole verità, per proseguire poi con L’estate fredda.
Qui è quasi in pensione, ed è reduce da un malanno grave che lo obbliga a fare della fisioterapia. Incontra così un giovane ragazzo, Giulio, e intrattiene, da subito, con lui un fitto dialogo. Inizia una conversazione romanzata basata su un confronto a due voce dove emerge preponderante l’esperienza, anche di vita, del maresciallo frapposta all’indecisione e alla fragilità del giovane che, pur essendo molto intelligente e preparato, della vita e dei suoi meccanismi infidi non sa nulla. Il maresciallo narra del passato, di quando giovane ed inesperto gli fu affidata una inchiesta, in cui lui travolge naturalmente i metodi consueti. Ma non solo, sono storie che:
“se non le racconti, si dissecano poco a poco, si sbriciolano e scompaiono nel nulla.”
Un libro che stupisce. Un narrato stupendamente scritto ed elaborato, che Antonio D’Orrico ne “La lettura” ha definito come un:
“romanzo-saggio-manuale”.
Insomma un mix di generi, intrigante e sapientemente costruito e strutturato in profondità. Un libro che avvolge ed immerge non in una storia, ma in tante, tante vicende. Co un unico tema in comune: la ricerca della verità, sempre in ogni caso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per conoscere bene il Maresciallo Fenoglio si può leggere: Gianrico Carofiglio, Una mutevole verità e L'estate fredda.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vita in parole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Stelle minori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
I tredici passi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divino amore
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Il cuoco dell'Alcyon
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Tutto sarà perfetto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Bugie e altri racconti morali
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ninfa dormiente
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il sussurro del mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La scuola
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al Tayar
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri