Tre passi nel delitto Tre passi nel delitto

Tre passi nel delitto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Una giovane bellissima, che lavora nel mondo dell'arte, viene uccisa nel proprio appartamento a Roma. Tre personaggi coinvolti per ragioni diverse nell'omicidio forniscono la loro interpretazione dei fatti. Chi nasconde la verità. Chi la manipola. Chi sembra non curarsene. Il commissario Davide Brandi è un poliziotto molto abile, e molto ambizioso. È lui che conduce le indagini. A dargli la parola è Giancarlo De Cataldo. Marco Valerio Guerra è l'amante della vittima. Un uomo d'affari ricchissimo, potente, odiato. A dargli la parola è Maurizio De Giovanni. Anna Carla Santucci è la moglie di Guerra. Scoprire il tradimento del marito non l'ha stupita affatto. A darle la parola è Cristina Cassar Scalia. Le loro versioni non concordano. Ma tutte rappresentano un piccolo passo per arrivare alla soluzione del caso.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tre passi nel delitto 2020-09-02 15:22:56 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    02 Settembre, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Prova d’orchestra

Si suole dire che tre è il numero perfetto, forse perché dopotutto è una cifra che simboleggia, in estrema sintesi, il senso dell’esistenza di ognuno, la nascita, la fine, e quanto esiste tra i due estremi.
L’inizio quindi da un lato, la conclusione dall’altro, e il durante al centro, quello che è il più importante di tutto.
Perché è l’intermezzo che costituisce il vissuto trascorso, ciò che è stato costruisce il passato, questo conduce al presente, a sua volta si ripercuote nel futuro.
Quello che è nel mezzo è il remoto da dove è iniziato tutto ed il contrario di tutto, con il suo scorrere determina la fine.
Tre è il numero perfetto, quindi, ed è anche l’emblema, il simbolo, che ricorre in questo romanzo già dal titolo: il racconto di un accidente usuale nella Roma odierna, un delitto passionale.
Un omicidio, anche semplice e banale, perché presumibilmente con tutta evidenza istintivo per decisione improvvisa e rabbiosa, d’impulso, neanche premeditato.
Sono in genere quelli più semplici da motivare e chiarire, assicurandone alla giustizia i colpevoli, investigando nell’immediato tra quanti più vicini alla vittima.
Non un giallo misterioso e impenetrabile, quindi, questo libro, e tutt’altro che un mistero, aggiungerei, ma una bella prova corale, una prova d’orchestra.
Un racconto che prende a pretesto un delitto, un crimine neppure particolarmente efferato, per di più commesso utilizzando come arma del delitto, guarda caso, un terzo di una scultura bronzea, un manufatto artistico rinvenuto sulla scena.
Il senso di atroce sta tutto solo nella vittima, perché è una barbaria ai danni di una giovane e bellissima ragazza, piena di vita, di luce e di colori, di interessi, di preparazione e di cultura artistica, un astro nascente negli ambienti dell’arte della capitale.
La giovane è qui pervenuta dalla provincia, decisa a concretizzare i suoi sogni e a conquistarsi il suo personale, e sfolgorante, posto al sole, una giovane così bella e struggente da potersi definire lei stessa una tela incantevole, di quelle con soggetti diafani, dolci e struggenti, come una piccola fiammiferaia, e come quella esile, fragile, adorabile.
E bersaglio, preda, sacrificio, come spesso divengono soggetti così.
Tre sono i personaggi principali, i protagonisti unici, per prima il poliziotto che indaga sul crimine, quindi il maggiore sospettato dell’omicidio, per inciso l’amante della vittima, e la moglie di quest’ ultimo. All’apparenza il classico triangolo: lui, lei, l’altra.
Quello che rende davvero insolito, atipico e singolare il romanzo, e allo stesso tempo delizioso, di gradevole lettura e attraente per l’intreccio e la struttura, il particolare che gli conferisce la cifra giusta, sta in un altro trittico ancora, quello degli autori.
Un trio di autori, di quelli già noti, e non come giallisti, ma come solisti. E di gran classe.
Cristina Cassar Scalia, Giancarlo De Cataldo e Maurizio De Giovanni, tre voci tra le più calde del nostro Sud, tre autori, oserei dire tre cantautori, si sono seduti insieme ad un pianoforte, ciascuno con la propria sensibilità ha trascritto sulle righe orizzontali di un foglio di musica delle note, quelle più consone alla propria indole di affabulatori, ne hanno ricavato così insieme un originale spartito, una trascrizione a tre per canto, chitarra e pianoforte, dando luogo ad un componimento musicale a tre fiati, dal timbro caldo, tocco arioso e modulazione intonata.
Ognuno di loro tre infatti, autore ciascuno di due capitoli sui sei totali del romanzo, ha elaborato una propria sinfonia, si è dedicato ad un frammento del melodramma ed a descrivere, approfondire, far risaltare un personaggio principale, cesellandolo con le note, ricavandone frammenti di una multiforme personalità, un articolato mosaico musicale che poi tutti e tre insieme si fondono in una unica concorde melodia, vanno mirabilmente ad incastrarsi con quelli degli altri, ricavandone infine una canzone epica e sonante insieme.
Non è da tutti; ci riescono con difficoltà coppie di scrittori di chiara fama come Fruttero e Lucentini, per esempio, ma scrivere all’unisono a tre non è per tutti, riesce davvero arduo incanalare le note in un fluire unico e armonico, altissimo il rischio di stonare, una bella stecca davvero.
A loro tre invece riesce: non un capolavoro, ma una simpatica e ben curata lettura si, senza dubbio.
E volete definirli giallisti? Assolutamente: sono tre scrittori, e di quelli bravi.
Fatti i dovuti distinguo, per intenderci questo non è un romanzo a sei mani, è un concerto di tre tenori, non si esibiscono alle terme di Caracalla come Pavarotti, Carreras o Placido Domingo, e però nessun dorma in ogni caso, loro tre insieme come quelli fondono mirabilmente le loro voci in sintonia senza mancare un’entrata o un accordo, dando luogo ad una prova d’orchestra, non un melodramma ma un’aria, un accordo, un’intesa fantastica nella scrittura a tre.
Domani vincerò si traduce per loro in oggi scriviamo vincenti insieme.
Ognuno degli autori rievoca l’inizio delle storie personali dei protagonisti principali, ne esamina il loro svolgersi, l’evolversi dei fatti, le conclusioni pervenute e conclude con chiusura multipla, perché la verità delle umane vicende non è mai univoca, ma spesso oserei dire tripla.
Insolita, controversa, manipolata.
Giancarlo De Cataldo, in virtù dei suoi trascorsi di magistrato, ci racconta il suo Davide Brandi, dà prova della sua abilità giuridica e di letterato, delineando a chiari tratti la figura del poliziotto incaricato delle indagini, scafato, esperto e competente di metodi e procedure, ma non solo, anche di movimenti adeguati agli ambienti, attento alla carriera e a non commettere passi falsi o politicamente scorretti, sensibile e disincantato ad un tempo, delineato nelle linee con realismo e obiettività di chi conosce uomini e atmosfere della giustizia, esternandoli filtrati dalla propria sensibilità di scrittore.
Maurizio De Giovanni presta voce e ci offre visivamente tratti, figura e l’intimità caratteriale di un protagonista crudo, duro, cinico, quello di Marco Valerio Guerra, il nome di un condottiero ed un cognome che suggerisce conflitto. Nomen omen, il destino nel nome, mai nome fu più azzeccato.
Trattasi dell’amante ufficiale della vittima, il maggior indiziato dell’omicidio della giovane gallerista, un imprenditore di successo, uno di quei mammasantissima dell’economia nazionale, un uomo che si è fatto da solo, con fatica, inflessibilità, rigore, disciplina, e a caro prezzo.
Perché la vittoria, diremmo meglio gli assoluti trionfi in ogni campo, professionale, sociale, di conquista di stratosferico potere economico, si riflette di converso nella situazione difficile, angosciosa, dolorosissima in cui si dibatte la sua anima tormentata e perennemente insoddisfatta, che le durezze dell’esistenza belligerante hanno ridotto ormai a nulla più che un grumo di roccia, intangibile finanche alla lama di un diamante.
Inaccessibilità necessaria, perché ne va dell’esistenza stessa di tutto quanto costruito: una minima crepa, ed è la fine, perché da una crepa può non passare altro che una lama di luce, ma la luce è di per sé sufficiente per la catastrofe. Specie se la fonte della luce è una fiamma di sentimento.
Cristina Cassar Scalia cesella, da donna a donna, tutto l’universo femminile di Carla Santucci in Guerra, la moglie dell’imprenditore. Una donna figlia di un imprenditore arricchitosi con il suo lavoro e però di stampo plebeo, giusto che siamo a Roma, quindi un paria sociale per estrazione ed interesse economici. Con il matrimonio, Carla indossa con soddisfazione l’ambita veste patrizia maggiormente consona al suo charme ed al suo livello, riscatta il suo nome e sale diversi gradini sociali con il matrimonio con l’allora semplice imprenditore rampante Marco Valerio, al quale serve giusto il suo patrimonio per lo slancio finale verso l’empireo economico.
Un matrimonio di convenienza, forse, ma Carla è una donna tosta, decisa, determinata, forse anche innamorata, e l’amore, come la vita di coppia, non ha mai una sola faccia, può averne più di una, due o anche tre.
Tre voci, tre scrittori mettono insieme una storia: poiché le storie sono fatte di persone, ognuno dei tre offre il proprio contributo con un corrispondente personaggio.
La storia scivola bene, suona meglio, scorre fluida, è piacevole a leggersi, non una costrizione editoriale, ma una prova di abilità e di professionalità.
Che funziona, grazie alla professionalità dei tre, che si amalgano bene, al meglio.
Perché ognuno di loro si fa in quattro, in tre cioè, pardon.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Cristina Cassar Scalia – Giancarlo De Cataldo – Maurizio de Giovanni
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre passi nel delitto 2020-07-24 15:07:16 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    24 Luglio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un delitto tre voci narranti

Tre passi per un delitto è un ottimo componimento a firma di tre giallisti importanti: Cristina Cassar Scalia, Giancarlo De Cataldo, e Maurizio De Giovanni.
Una prova decisamente notevole e ben riuscita, a firma di tre ottimi rappresentanti del genere giallo. Una formula inconsueta per un libro che al termine si rivela essere vincente , e che rivela bene i differenti stili di scrittura e di approccio al testo dei tre.
La storia è classica nell’impianto: una giovane donna, Giada Colonna, viene trovata morta nel proprio appartamento a Roma. Giovane e molto avvenente conduceva, all’apparenza, una vita monastica, occupandosi prevalentemente di svolgere, nel migliore dei modi possibili, il proprio lavoro, legato al difficile mondo dell’arte. Ad occuparsi dell’indagine, il commissario Davide Brandi,
“soprannominato “il baronetto”, raccomandato, con la testa nei libri.”
Visitando il luogo del delitto il commissario nota subito un parallelismo con un quadro, denominato “La Piccola Fiammiferaia”. A stupire è:
“il corpo è inguainato in una vestaglia rossa che copre con grazia paradossale i piccoli seni modellati, e lascia scoperte lunghe gambe che la morte ha composto in una curiosa sequenza dinamica. La gamba del quadro, le gambe di lei … come se si corressero incontro, nella loro perturbante immobilità.”
Le riflessioni sono immediate: la ragazza era l’amante del potente di turno? Chi è la vittima? Per cui:
“Hai acceso le passioni e le hai pagate. Il delitto passionale per eccellenza. “
Tre sono i personaggi sui quali ruota l’intero apparato scenografico: il commissario Brandi, uscito dall’abile penna di Giancarlo De Cataldo; l’amante della vittima, Marco Valerio Guerra, descritto da Maurizio De Giovanni; e Anna Carla Santucci, moglie di Marco, dipinta da Cristina Cassar Scalia. Dove si nasconde il colpevole? Qual è la verità, difficile in un mondo tutto ricchezze ed apparenza?
Un giallo ben costruito e ben elaborato. La narrazione mette in evidenza i diversi stili di scrittura e di approccio degli scrittori; accomunati, però, da una ottima sapienza narrativa e di intreccio. Un giallo classico di intrigante ed accattivante lettura. Consigliato come lettura estiva, da gustare per la raffinatezza e lo charme letterario. Una ottima prova a tre!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il profumo sa chi sei
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lockdown
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri