Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Troppo freddo per Settembre
 

Troppo freddo per Settembre Troppo freddo per Settembre

Troppo freddo per Settembre

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Cacciarsi nei guai, poi, quando tutto sembra perduto, risolvere la situazione con un colpo di genio e una buona dose di follia: non fa altro Gelsomina Settembre, detta Mina, tanto coscienziosa quanto incantevole – e suo malgrado provocante – assistente sociale presso il Consultorio Quartieri Spagnoli Ovest (per inciso, del Consultorio Est non c’è traccia). Sempre per una buona causa, però, per correre in aiuto di chi è stato meno fortunato di lei, cresciuta fra gli agi dell’alta borghesia, senza problemi a parte una madre e un fisico «ingombranti». Poco importa se, come accade in questo freddo gennaio, ciò significa mettersi contro una famiglia dal nome pesante, di quelle che nei vicoli della città vecchia decidono ogni cosa. Mina non si tira indietro, anzi, trascina con sé – in una missione di soccorso che corre parallela alle indagini della magistratura, condotte da una sua vecchia conoscenza – le amiche più care. E due uomini resi temerari solo dall’adorazione che hanno per lei.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (3)
Contenuto 
 
3.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Troppo freddo per Settembre 2021-01-13 12:31:35 Mian88
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    13 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mina

Con “Troppo freddo per settembre” torniamo a scoprire delle avventure di Gelsomina Settembre, detta Mina, protagonista nata dalla penna di Maurizio de Giovanni e già conosciuta con “Dodici rose a settembre”. Per scelta di vita assistente sociale, Mina si accontenta del suo stipendio che non le consente di staccarsi dalla casa materna, si strugge per il bel ginecologo Domenico, il bellone alla Kevin Costner la cui fila fuori dalla porta tutto è tranne che determinata dalle sue qualità mediche e si trova a non riuscire a rifiutare un appello d’aiuto quale quello della donna che si affaccia alla sua porta in quella fredda mattina di gennaio. Durante la notte un anziano ex docente è stato rinvenuto privo di vita a causa delle esalazioni provenienti da una stufa che utilizzava per riscaldarsi in quella soffitta dove era solito prendere sonno. A macchiare la sua carriera il fatto di aver denunciato un suo studente fresco di maturità per una rapina a mano armata. Quest’ultimo è stato condannato e si è fatto molti anni di galera. Il caso vuole che sia stato scagionato proprio in prossimità della morte dell’ex docente e che sia ancora invischiato e legato a personalità della malavita che sarebbe meglio evitare. La donna che bussa alla porta di Mina altro non è che sua madre. Può forse rifiutarle il suo aiuto?
Seconda avventura con protagonista Gelsomina il volume è caratterizzato da un buon giallo, atmosfere ben delineate e una trama ben costruita e che ripercorre passo passo esattamente quella che è la metrica narrativa a cui lo scrittore ci ha abituato negli anni. Non nascondo però di aver faticato, a differenza che con il primo episodio, un po’ nella lettura tanto da aver pensato di abbandonarlo. Questo è stato dato dal fatto che ho trovato le vicende abbastanza prevedibili ma anche dal fatto che non ho ritrovato quel mordente e quel fascino che generalmente, seppur in modo diverso, caratterizza le opere del napoletano. Per quanto la protagonista sia piacevole e le avventure interessanti perché comunque concentrate su quel male e quelle oscurità che si celano dietro la facciata del perbenismo, ho trovato il titolo intriso di molti cliché, un po’ scontato e facilmente intuibile anche e proprio per come costruito. Chi conosce l’autore ne riconosce il marchio ma se ha letto tanto o tutto di lui ne è anche stancato, sente di aver bisogno di qualcosa di diverso, di una innovazione. Cosa che non c’è o almeno non si può ottenere solo cambiando di volta in volta protagonista.
L’elaborato si presta a una lettura di intrattenimento, manca dell’emozione, strappa un sorriso innanzi alle situazioni simpatiche ma non grasse risate e non riesce a tenere incollati tra le pagine. Non convince pienamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Troppo freddo per Settembre 2020-10-09 20:54:10 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    09 Ottobre, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fuori posto, forse pure fuori tempo

Tra i protagonisti dei racconti seriali meglio conosciuti dagli affezionati lettori dello scrittore napoletano Maurizio De Giovanni, Gelsomina Settembre detta Mina, rappresenta un caso a sé.
È una normale giovane e bella ragazza dei quartieri bene della sua città, Napoli, ai giorni nostri, assistente sociale per scelta di vita, una convinta decisione nata da subito, consolidatasi nel tempo, facilitata dall’indole caratteriale della donna, empatica e altruista, sensibile e recettiva delle esigenze altrui, specie di quelli più sfortunati di lei. E sì che la ragazza motivi per lamentarsi personalmente della sorte ria che le è toccata, ne avrebbe più di uno.
In servizio permanente effettivo in organico comunale, di ruolo a tutti gli effetti, benché assolutamente precaria per quanto concerne il rispetto della saltuaria corresponsione dei miseri emolumenti a cui ha diritto, Mina si spende incredibilmente al meglio delle proprie indubbie capacità professionali ed umane presso un fatiscente consultorio, sito in uno dei quartieri più difficili e problematici, nel centro storico della città partenopea.
L’autore la raffigura del tutto diversa dai conosciutissimi, malinconici e tenebrosi loro malgrado, commissari di polizia, tormentati da una forma particolare di sensibilità umana, accentuata dalla professione, in azione nella Napoli del ventennio fascista.
La ritrae discorde anche dai baldi agenti in servizio in un turbolento commissariato della Napoli dei giorni nostri, in tutta apparenza una raffazzonata armata Brancaleone, nei fatti un gruppo di agenti di polizia solidali, coesi, efficienti, onesti e coscienziosi.
E però, tutto quanto detto è solo apparenza: in sintesi, siano poliziotti di ieri e di oggi, o ex agenti dei servizi, tutti i personaggi di De Giovanni sono uniti e indissolubilmente simili a Mina Settembre, una giovane donna insolita e singolare, sfortunata e soccombente nelle diatribe quotidiane, tanto avvenente quanto timida, perseguitata dal succedersi di escatologiche giornate sfortunate.
Qual è dunque il comune denominatore delle storie e dei personaggi di Maurizio de Giovanni?
Sempre e comunque, in sottofondo o in primo piano, la vera unica ed assoluta protagonista dei racconti di De Giovanni è la sua città, Napoli, e le sue mille meraviglie e contraddizioni senza uguali.
Come Ricciardi e come i Bastardi di Pizzofalcone, Mina Settembre non è altro che un osservatorio, un punto di vista sopraelevato, nascosto ma privilegiato, tramite il quale Maurizio de Giovanni, celato ai più, osserva indisturbato tutto quanto di umano, di tenero, di affettuoso e nel contempo di incredibile, assurdo, inverosimile, finanche estremamente duro, spietato, crudele e violento può offrire la città, e i suoi abitanti, a chi sa osservarla davvero, senza scadere in biasimi e giudizi.
La città racconta mille e un episodio, lieto o triste che sia, a chi sa capirla, a chi la conosce per davvero nella storia e nel suo divenire.
A chi ne ascolta con rispetto e devozione le vicende, appena sussurrate a orecchie fidate, trasmesse dal passaparola di vicolo in vicolo, tra gli antichi e incantevoli decumani della città antica, deflagrando infine in tutta la loro possanza in cronaca, in narrazione, in resoconto, straripando come fiume in piena nelle arterie viarie più moderne e recenti, diffondendosi ovunque vi sia chi desidera porsi in ascolto, oserei aggiungere in doveroso silenzio e deferenza.
Maurizio De Giovanni con attenzione e rispetto ascolta e riporta quanto viene esposto, più che uno scrittore, egli è un trascrittore, uno scriba che estrinseca sui fogli quanto la città stessa gli rivela quotidianamente, ne capta i più intimi accordi che riecheggiano dal profondo, dalle pulsioni irregolari e sbalorditive che risalgono dai recessi vulcanici insiti nella struttura stessa di una città che non ha uguali nel mondo. Una città dove accade tutto, ed il contrario di tutto, e nessuno se ne meraviglia.
Dove una giovane donna con un bellissimo decolté ricorre a mille sotterfugi per celarlo alla vista di inopportuni.
Dove un medico dai lineamenti di bel tenebroso del cinema svolge il suo lavoro con correttezza, competenza, rigore e disciplina, ma neanche si accorge che la clientela tanto numerosa quanto sanissima che affolla il suo ambulatorio, è lì richiamata solo dal suo sex appeal più che per le indubbie capacità professionali.
Dove le signore dei quartieri alti, rigide, classiste, algide e chiuse al sicuro nelle loro fortezze di privilegi, non esitano per mero affetto e sentimenti di incrollabile e antica radicata amicizia come mai può esistere tra le persone, a porsi pericolosamente in gioco, a rischio stesso della vita, interagendo fosse pure per celia con persone e ambienti lontani anni luce dal loro quotidiano.
C’ è chi dice che nella serie con Gelsomina Settembre, l’autore abbia voluto cimentarsi, più che nel giallo, nel comico e nell’esilarante, in ciò scadendo di qualità e perdendo molto del suo usuale stile qualitativo o format che dir si voglia.
Nulla di più sbagliato, a mio modesto parere: Maurizio De Giovanni non è un autore di genere, è uno scrittore a cifra tonda, già aveva dato prova in precedenza di saper esibire con maestria momenti di fine umorismo in contesti tutt’altro che ilari, senza per questo perdere di qualità e pathos.
Per esempio, basti ricordare come nella serie dei romanzi con Ricciardi protagonista, che libri lievi e leggiadri certo non sono, sia stato abile nell’infilare tra capitoli struggenti e malinconici, paragrafi con duetti tra il brigadiere Maione e l’informatore Bambinella, spassosissimi in sé; o ancora ricordiamo certe esilaranti gaffe e ridicolaggini dell’agente Aragona, nella serie dei Bastardi, in ultimo finanche nelle passeggiate quotidiane di Davide Pardo e il suo cane Boris nella serie di Sara Morozzi.
Lo scrittore napoletano non da adesso ha dato prova di saper esprimere tutto quanto di emozionante è insito nel trascorrere dell’esistenza umano, e poiché la vita sa far ridere e piangere alternativamente, così nei suoi libri si alternano momenti e sentimenti diversissimi, comici e tormentati.
Il tutto riconduce ad un unico quadro: esistono posti e quartieri della città, dove convivono persone di cuore e persone di disperazione. Le seconde fanno del male, e fanno male.
“…stiamo parlando di gente che fa forniture di patologie a domicilio in quantità industriale…”
Un uomo, un vecchio professore in pensione, un reietto dalla società e dalla propria famiglia, viene ritrovato defunto nella miserabile soffitta in cui trascorreva la notte, apparentemente per un tragico incidente, respirando le micidiali esalazioni provenienti da una vecchia stufa accesa per riscaldarsi, nella gelida notte di un freddissimo gennaio.
Solo che…anni prima il professore aveva denunciato un suo ex alunno, fresco di maturità, come autore di una rapina a mano armata. Cosa poi confermata dagli inquirenti, per cui il ragazzo è condannato a scontare vari anni di carcere. Guarda caso, la morte dell’anziano coincide con la scarcerazione del ragazzo; e poiché il giovane, già orfano di padre caduto durante un regolamento di conti tra malavitosi, e solo per questo già etichettato come predestinato a delinquere, è inoltre il genero, avendone sposato l’unica figlia, e nel contempo il pupillo, il delfino prossimo erede al trono di un potente e crudele boss della malavita organizzata, va da sé che è il primo sospettato.
In certi ambienti, infatti, la vendetta è un piatto che letteralmente si serve freddo, il denunciato attende di essere libero per compiere di persona la rappresaglia nei confronti dell’infame delatore, ritorsione che non può essere delegata a nessun altro, secondo il contorto codice d’onore di certi ambienti.
La madre del giovane, però, con un atto di coraggio e di incoscienza insieme, in certi quartieri rivolgersi alle istituzioni è una vera e propria infamia, un disonore ed una ingiuria grave per l’ordine malavitoso, chiede l’aiuto a Mina Settembre.
E Mina risponde, e quell’infame sorrise.
Gelsomina Settembre crede ancora nell’uomo e ne ricerca il lato buono, fosse pure un barlume, si ostina a credere che le cose possano anche essere profondamente diverse da come appaiono, che un giovane possa davvero crescere, redimersi, maturare, conseguire una laurea in carcere, possa e debba essere aiutato a sfuggire ad un destino delinquenziale che non è, non deve essere, non può essere la sola e unica norma invariabile, solo perché si è nati e cresciuti in certi posti e in certi frangenti.
“Siamo nati fuori posto, forse pure fuori tempo…se dobbiamo fare un sogno, in quel sogno non c’è niente di ciò che ci circonda adesso…non ci stanno soldi facili…Non c’è sangue e non c’è paura.”
La realtà è gelida, l’ambiente è troppo freddo per Settembre, e allora l’assistente sociale provvede ad alzare la temperatura, si lancia a testa bassa, fa fuoco e fiamme con forza e con convinzione: dopotutto, lei ha studiato, certamente avrà letto, che so, “Il conte di Montecristo”.
Magari, chissà, il professore defunto era niente altro che un educatore vecchio stile, un moderno Abate Faria, ed il giovane camorrista un Edmondo Dantes, e Dantes, lo sappiamo, era innocente.
La presunzione d’innocenza fino a prova contraria è un pilastro della società che si dice civile, pertanto è aiutata, supportata, tenuta al caldo, in un gelido mese di gennaio, dall’assistente sociale Gelsomina Settembre.
Come è giusto che sia, e per fortuna.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Maurizio De Giovanni
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Troppo freddo per Settembre 2020-09-22 08:20:35 ornella donna
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    22 Settembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mina Settembre

Maurizio De Giovanni torna in libreria con Troppo freddo per Settembre. Protagonista una nuova creatura di carta. Si chiama Mina Settembre e fa l’assistente sociale a Napoli, in una zona difficile. Lavora, infatti, al Consultorio Quartieri Spagnoli Ovest, una realtà a sé, dove i drammi e le deviazioni sono all’ordine del giorno. Lei è una bella donna, precoce, sensuale, suo malgrado, perché lei vorrebbe avere un corpo efebico e passare sempre inosservata. Costantemente preda delle critiche feroci di una madre, Concetta, una specie di generale in sedia a rotelle che nessuno riesce a sopportare, è costretta a vivere in famiglia visto l’esiguo stipendio di cui gode. Innamorata in silenzio del ginecologo del Consultorio, una specie di Kevin Costner all’italiana, si trova ora alle prese con un caso umano disperato. Una madre sofferente chiede il suo aiuto blaterando di un possibile omicidio, di un figlio perduto e traviato dalla mafia che non perdona, suo malgrado. Che fare?
Parallelamente un professore viene trovato morto dalla portinaia nel sottotetto abusivo che occupa pur avendo la proprietà dell’alloggio sottostante. Sembra un tragico avvelenamento da monossido di carbonio, ma sarà proprio così? Un sottile filo invisibile collega, infatti, i due fatti appena descritti. In che cosa consiste? Riuscirà Mina a riportare una parvenza di normalità in tanto caos?
Un bel giallo, nulla da eccepire. Atmosfere ben descritte, trama ben congegnata. Tuttavia il romanzo pare essere privo di un certo non so che. Non possiede il fascino indiscusso del commissario Ricciardi o di Sara, neppure la verve, l’ironia, la forza e il coraggio dei Bastardi di Pizzofalcone. In sottofondo sono trattati argomenti di stretta attualità, circa la nostra società, quali la condizione degli anziani oggi, l’educazione e lo studio dei bambini, e la degenerazione umana per il male. Senza la solita fascinazione che caratterizza le precedenti opere di un autore prolisso e di grande merito. Ma è soltanto una mia sensazione, credo che chi ama il genere e l’autore si trovi, comunque, a leggere una vicenda che merita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri