Narrativa italiana Romanzi autobiografici Breve storia del mio silenzio
 

Breve storia del mio silenzio Breve storia del mio silenzio

Breve storia del mio silenzio

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Un bimbo che a quattro anni perde l'uso del linguaggio, da un giorno all'altro, alla nascita della sorella. Da quel momento il suo destino cambia, le parole si fanno nemiche, anche se poi, con il passare degli anni, diventeranno i mattoni con cui costruirà la propria identità. Breve storia del mio silenzio è il romanzo di un'infanzia vissuta tra giocattoli e macchine da scrivere, di una giovinezza scandita da fughe e ritorni nel luogo dove si è nati, sempre all'insegna di quel controverso rapporto tra rifiuto e desiderio di dire che accompagna la vita del protagonista. Natalia Ginzburg confessava di essersi spesso riproposta di scrivere un libro che racchiudesse il suo passato, e di Lessico famigliare diceva: «Questo è, in parte, quel libro: ma solo in parte, perché la memoria è labile, e perché i libri tratti dalla realtà non sono spesso che esili barlumi di quanto abbiamo visto e udito.» Così Giuseppe Lupo – proseguendo, dopo Gli anni del nostro incanto, nell'“invenzione del vero” della propria storia intrecciata a quella del boom economico e culturale italiano – racconta, sempre ironico e sempre affettuoso, dei genitori maestri elementari e di un paese aperto a poeti e artisti, di una Basilicata che da rurale si trasforma in borghese, di una Milano fatta di luci e di libri, di un'Italia che si allontana dagli anni Sessanta e si avvia verso l'epilogo di un Novecento dominato dalla confusione mediatica. E soprattutto racconta, con amore ed esattezza, come un trauma infantile possa trasformarsi in vocazione e quanto le parole siano state la sua casa, anche quando non c'erano.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Breve storia del mio silenzio 2020-06-22 08:44:59 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    22 Giugno, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'abisso tra silenzio e parole

«L’abisso era il silenzio e le parole erano appese al filo che ci penzolava sopra. Parlare era come salire cu una funivia agganciata a questo filo: ci si lascia andare nel vuoto e via con le lettere, una dietro l’altra.»

Figlio di due genitori insegnanti in una pluriclasse nella campagna di Marotta, un edificio circondato da alberi di noci e con qualche biga di paglia a far da contorno e in cui le aule altro non erano che perenni palcoscenici in cui gli alunni “imparavano la vita”, Giuseppe Lupo ripercorre le tappe della propria formazione e in particolar modo di quel periodo di mutismo causato, all’età di quattro anni, dal sopraggiungere della nascita di una sorellina. L’arrivo di questa nuova compagna di vita rappresenta un qualcosa di sconosciuto per il bambino, è un qualcosa che con i suoi appena quattro lustri di esistenza non sa gestire e che per questo vive come un qualche cosa di inspiegabile.

«Due pedagogie, due vocabolari. In mezzo mi trovavo io.»

Il mutismo di questo primo periodo, poco a poco, viene meno e grazie a una serie di escamotage e al semplice tempo che passa portando consapevolezza, lascia il posto di nuovo alla parola che torna a far capolino tra le labbra del giovane protagonista. È figlio di maestri, il piccolo, cresce tra miti e leggende, favole ben diverse da quelle dei suoi compagni, eppure, si avvicina ai grandi romanzi soltanto quando una paura ancora più grande irrompe nella quotidianità spezzando il filo conduttore che le conduceva: la terra che trema. Una terra che scuote, spezza, disintegra, spazza via. Una terra che con il suo franare sotto ai piedi fa capire quanto la vita sia soltanto un flebile alito che può venirsi a interrompere in un qualsiasi momento e per qualsiasi ragione. Ecco perché le parole proferite dal padre assumono il sapore dell’essenziale: “ora che siamo salvi si può raccontare”. È da qui che inizia il viaggio tra le letture, partendo da “Cristo si è fermato a Eboli” e arrivando, già in anni universitari, ai “Promessi sposi” e a quella parola “sugo” che indusse alla riflessione sul come Manzoni parlasse di questo parlando di matrimoni anche se in verità si “riferiva a un altro tipo di pomodoro, quello dei fatti narrati, che sono il meglio di un libro, il suo frutto”.
Passano gli anni e da Atella, in Basilicata, la scena si sposta in Lombardia e affronta una nuova fase, quella della maturità adulta.

«Io lo capivo da mia madre che si avvicinava in punta di piedi per infilare una rosa nel portafiori e non azzardava un saluto più espansivo di una mano aperta e presto richiusa, un gesto che poteva sembrare frettoloso e invece conservava l’umiltà di non sentirsi all’altezza del mestiere.»

Giuseppe Lupo torna in libreria dopo “Gli anni del nostro incanto” con un testo autobiografico che si sposta dalla precedente esperienza con l’esplorazione degli anni Sessanta attraverso lo strumento del romanzo e abbraccia quel connubio di odori, gusti, sapori, ricordi propri dell’infanzia. Ci racconta, ancora, il suo desiderio di diventare scrittore, quel sogno fatto di tentativi, timori, cadute, certezze.

«Se proprio devo trovare una ragione per cui amo i segni delle scritture, tutti indistintamente, questa ragione io la trovo in quel tamburo che provocava il galoppo del cuore e ci avvertiva che non eravamo soli sulla faccia della terra.»

Il risultato è quello di uno scritto intenso, ricco di spunti di riflessione, avvalorato da una penna erudita e pregiata che accompagna pagina dopo pagina come un soffio leggero che solletica il cuore. Un elaborato da assaporare un poco alla volta, da vivere sulla propria pelle e da custodire.

«La considero un luogo dove ho cominciato a vivere, sia pure una vita disegnata da altri.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri