Con molta cura Con molta cura

Con molta cura

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

"Io sono nient'altro che la cura che faccio. E non sono solo nel farla. La cura presuppone l'esercizio quotidiano dell'amore. Non c'è altra vita che questa, adesso, questa vita meravigliosa che permette altra vita. In una ghirlanda magica, un rimandarsi continuo. Mi travolge un'onda di gratitudine senza fine. Curarsi, praticare con metodo ed efficienza la cura che devi obbligatoriamente fare, vuol dire star bene, in linea di massima. L'esercizio quotidiano dell'amore, questo infine auguro a tutti, a tutte. Non c'è altro, credete. Se non avete sottomano l'opportunità di una cura da fare - scherzo, ma fino a un certo punto! - potete sempre però prendervi cura. Prendervi cura di voi stessi, e di quelli cui volete bene. E magari anche degli altri. Non c'è davvero altro, credete. Questo è davvero importante, penso allora: non è vita minore questa mia, che adesso mi è data, è vita e capacità e voglia di sorridere alla vita."



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Con molta cura 2019-09-04 14:51:52 Pelizzari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    04 Settembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Band of brothers

Severino Cesari è stato un giornalista ed editor italiano molto apprezzato per le sue doti, per la sua capacità di catturare il presente e per la sua cultura, amante dei libri come pochi. In questo libro è racchiuso il mondo dei suoi pensieri negli anni della malattia, durante i quali parlarne su un comune social media gli ha fatto bene, gli ha dato forza, perché le storie di tutti, intrecciate, richiamate le une alle altre, sono di fatto una ghirlanda amorosa. Per lui è stata una comunità, nel senso più bello di condivisione e vicinanza. I messaggi che ci offre, con delicatezza, con umiltà, sono moltissimi: l’importanza del parlare della malattia, ovvero dell’aprirsi, del non chiudersi; l’indispensabilità del reagire, anche nei momenti che sembrano più brutti, anche con piccoli gesti, che racchiudono a volte l’impossibile; il valore di seguire una cura guidata, con costanza e perseveranza, accettando l’aiuto di chi ti sta attorno; la potenza del prendersi cura del proprio male, qualunque esso sia, per non permettergli di diventare padrone di te stesso. Questa sua testimonianza, strutturata a piccoli blocchi, come una specie di diario, coerentemente con le forze di cui disponeva, ci fa capire che curarsi non necessariamente vuol dire guarire, ma vuol dire mille altre cose, da affrontare con semplicità e forza. Da guerrieri. Perché in questo tipo di lotte abbondano i termini di origine militare. Il libro contiene alcune divagazioni, sul tema dei migranti, sul caso di Giulio Regeni, sulle popolazioni dei terremotati nel Centro Italia ed anche un paio di racconti, nonché tante citazioni letterarie, nate dal suo lavoro e dalla sua passione, che ha fatto di lui un vero e proprio rabdomante, capace di captare le parti più belle della letteratura, farle sue e viverle, come se fossero mille vite. Su tutto, sempre presente, nell’ombra e nella luce, l’amore della moglie Emanuela, che, con tutte le sue attenzioni, lo ha sempre accompagnato, sostenuto, aiutato, facendosi carico di compiti anche pesanti, con risolutezza e brio, a modo suo. Perché tutti devono trovare un proprio modo in queste fasi della vita. La coincidenza ha voluto che leggessi queste pagine proprio in questi giorni. Il pensiero va, inevitabilmente, a lei. Nadia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I due palazzi
Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza
Il carcere
Sempre tornare
Fiorire tra le rocce
Caro Pier Paolo
Libri che mi hanno rovinato la vita
Il tempo di vivere con te
Case, amori, universi
Gli anni forti
Mille scarpe da lucidare
Splendi come vita
Il pane perduto