Narrativa italiana Romanzi autobiografici Mio padre votava Berlinguer
 

Mio padre votava Berlinguer Mio padre votava Berlinguer

Mio padre votava Berlinguer

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

"Continuo a scrivere papà, scrivere veloce, con la parola che attacca la parola, la riga che rincorre la riga, con lo spazio che si accorcia, e con le cose da dire che pretendono di essere raccontate." È una confessione al padre, questo libro. Un padre operaio-calzolaio sordomuto, scomparso, ma che è ancora vivo nel ricordo e nelle parole di chi ha preso la penna per fissarlo per sempre, per iscriverlo nei dati sfuggenti della vita. È un padre, quello di cui si parla, che votava Berlinguer, ma, prima che per una scelta ideologica, per la consapevolezza che lui era "una brava persona", e questo giudizio continua a premere sulla realtà rimasta, di oggi, e a porre problemi. Un buon padre, certo, anche se l’alcol era una delle sue debolezze. E un figlio che ripercorre una sua vita di cadute e risalite, private e pubbliche, alla luce del sole. Pino Roveredo in questo nuovo libro racconta se stesso più che mai.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mio padre votava Berlinguer 2012-10-31 17:47:56 ant
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ant Opinione inserita da ant    31 Ottobre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amore vero di un figlio verso il padre

Volevo segnalare questo libro per la massiccia dose di poesia contenuta all'interno. Ho trovato veramente struggente e affascinante il modo di raccontarsi dell'autore, una scrittura fluida e allo stesso tempo molto cruda e veritiera che, a mio parere, arriva dritta al cuore dei lettori. Il testo ha questo titolo che potrebbe sembrare "troppo politico e di parte", non è così... Berlinguer vuole essere il simbolo e l'emblema di quella razza in estinzione che sono(state...sigh) le brave persone in politica, infatti l'autore poi cita anche: Zaccagnini,Pertini, T.Anselmi,Almirante etc.
La trama: si tratta di un racconto autobiografico, con le cadute, le risalite, le fasi di stanca e tutte quelle sensazioni umane che chi vive intensamente può provare, su tutto però spicca l'amore viscerale del figlio verso il padre e la descrizione di quest'ultimo senza sconti, con tante debolezze e anche virtù.
La narrazione dicevo è a mio avviso molto poetica, infatti oltre alle argomentazioni molto valide di varia natura, per dare senso al titolo del libro e al contenuto dell'opera, lo scrittore, intervalla il racconto con estrapolazioni dal testo di "Qualcuno era comunista" di G. Gaber.
Voglio estrapolare anch'io un passaggio che mi ha colpito, e che presumo espliciti la sensibilità e la profondità di Roveredo, in più ricordare che lo scrittore prima di diventare tale ha svolto i lavori più disparati(macellaio,operaio,elettricista, etc)...
...."Mi avevano affidato un incarico di operatore/animatore in una delle casette sparse nell'ex manicomio di San Giovanni, dove gli internati vivevano con la decenza dei residenti.
Ricordo che, da subito, mi meravigliai per una piccola figura di donna,Cecilia, accostata a una finestra . Mi raccontarono che stava lì da sessant'anni. Un giorno Cecilia era preoccupata perché Berto, uno della casetta, aveva un problema cardiaco, le dissi che avevano inventato il trapianto di cuore, e che oggi toglievano l'organo ammalato e mettevano quello sano, e lei mi chiese...-"Ma con il cuore...mettono anche l'amore?...
Ecco questa era Cecilia, con tutta la bellezza di una libertà mentale che noi, cosiddetta gente normale, per via di tutti i labirinti, le barriere e le ottusità mentali, sicuramente non abbiamo"....
Molte suggestive ho trovato anche le digressioni a riguardo del suo esordio da scrittore, e la chiave di volta che fu una lettera scritta alla redazione del Maurizio Costanzo Show. Bellissime anche le storie riguardanti i piccoli, grandi successi dei 3 figli di Roveredo e le descrizioni caratteriali di questi ultimi.
Da promuovere sicuramente
(...qualcuno era comunista perché con accanto questo slancio ognuno era come più di se stesso, era come due perone in una. Da una parte la personale fatica quotidiana e dall'altra il senso di appartenenza a una razza che voleva spiccare il volo per cambiare veramente la vita. No niente rimpianti...Forse anche allora molti avevano aperto le ali senza essere capaci di volare...)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri con all'interno tanta realtà tramutata in poesia
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri