Sempre tornare Sempre tornare

Sempre tornare

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

È l'estate del 1991, Daniele ha diciassette anni e questa è la sua prima vacanza da solo con gli amici. Due settimane lontano da casa, da vivere al massimo tra spiagge, discoteche, alcol e ragazze. Ma c'è qualcosa con cui non ha fatto i conti: se stesso. È sufficiente un piccolo inconveniente nella notte di Ferragosto perché Daniele decida di abbandonare il gruppo e continuare il viaggio a piedi, da solo, dalla Riviera Romagnola in direzione Roma. Libero dalle distrazioni e dalle recite sociali, offrendosi senza difese alla bellezza della natura, che lo riempie di gioia e tormento al tempo stesso, forse riuscirà a comprendere la ragione dell'inquietudine che da sempre lo punge e lo sollecita. In compagnia di una valigia pesante come un blocco di marmo, Daniele si mette in cammino, costretto a vincere la propria timidezza per chiedere aiuto alle persone che incontra lungo il tragitto: qualcosa da mangiare, un posto in cui trascorrere la notte. Troverà chi è logorato dalla solitudine ma ancora capace di slanci, chi si affaccia su un abisso di follia, sconfitti dalla vita, prepotenti inguaribili. E incontrerà l'amore, negli occhi azzurri di Emma. Ma soprattutto Daniele incontrerà se stesso, in un fitto dialogo silenzioso in cui interpreta e interroga senza sosta ciò che gli accade, con l'urgenza di divorare il mondo che si ha a diciassette anni, di comprendere ogni cosa e, su tutto, noi stessi: misurare le nostre forze, sapere di cosa siamo fatti, cosa può entusiasmarci e cosa spegnerci per sempre.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sempre tornare 2022-04-24 20:59:52 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    24 Aprile, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ulisse torna a Roma

Sempre tornare descrive il viaggio di Daniele 17enne da Misano a Roma in autostop. Incipit bellissimo, il resto meno appassionante di altri suoi romanzi, però non male. Spicca il desiderio di nuovo, di conoscere e di esplorare dell'adolescente. Daniele-Ulisse ha radici ben piantate nella famiglia, per fortuna. Si sente che è un bravo ragazzo che a molti fa piacere incontrare e aiutare. Emma invece, la solare Emma che ospita Daniele in una tappa del suo viaggio, Urbania, ha perso la madre e a differenza di Daniele non le importa di avventurarsi in acque pericolose da cui sarà più difficile, anzi forse sarà impossibile il ritorno.
Il viaggio di Daniele non pare esplorazione di luoghi ma di tipi umani, per cui il libro sembra quasi una visita allo zoo dove nelle varie gabbie si incontra l'uno o l'altro tipo umano, tra questi Emma che in gabbia non ci vuole stare e dunque viaggia anche lei, ma chiusa nella cabina della sua dipendenza da roipnol e in fuga dai ricordi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Sempre tornare 2022-02-23 16:35:41 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    23 Febbraio, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Daniele e il primo viaggio della sua vita

«I piani che costruiscono con tanta cura e fantasia sono fatti per essere stravolti dagli eventi. Basta pochissimo.»

Torna in libreria Daniele Mencarelli vincitore del Premio Strega giovani con “Tutto chiede salvezza”. “Sempre tornare” si somma al titolo eletto ma anche a “La casa degli sguardi” e completa quella che è la trilogia dedicata dallo scrittore al suo trascorso di vita. Si tratta di una trilogia chiaramente ideale e narrata in archi temporali diversi ma in ciascun titolo troviamo un tassello differente di quella esistenza travagliata del poeta. Se “In tutto chiede salvezza” questo è un ventenne sottoposto a TSO, in “La casa degli sguardi” lo ritroviamo inserviente venticinquenne in quel dell’Ospedale Bambino Gesù a causa dei suoi eccessi con alcol e i tentativi fallimentari di riprendersi e tornare sulla retta via. In “Sempre tornare” ci ritroviamo davanti a un Mencarelli adolescente, di anni diciassette e in procinto di dedicarsi a quella che è la sua prima vacanza da solo senza genitori.

«Io è come se c’avessi dentro un cane che s’è perso il padrone, con quella nostalgia, come se c’avesse vissuto insieme. E lo cerca ovunque. In certi momenti il profumo del padrone si fa più intenso, allora tutto diventa una presenza innamorata, ma sono lampi, bruciature di luce, in quegli istanti vedo la mano che ha piantato gli alberi.»

Come spesso accade, però, non tutto va come vorremmo. Daniele è assetato di risposte per tutte quelle domande che lo accompagnano nel quotidiano vivere. Torna indietro in queste pagine anche per cercarle, queste. È irrequieto, sente che alcune cose a lui sfuggono e che quei contorni non riesce a capirli, a farli suoi. Tuttavia, ben presto, si separa dagli amici e a causa di “una brutta figura” occorsa nella notte precedente che lo cataloga ancora una volta come diverso, come fuori luogo. Ecco allora che con la sua valigia verde pisello e il suo bagaglio personale di dubbi, si ritrova a fare l’autostop in direzione Roma conscio e consapevole di aver lasciato a quegli amici da cui si è staccato non solo i propri documenti ma anche il denaro in suo possesso.
Da qui ha inizio un romanzo che è fatto di strade, di incontri, di percorsi, di disillusioni e sogni, di sentimenti anche scomodi che spesso bussano alla porta del cuore chiedendo di uscire con forza inesorabile. È un percorso fatto di dolore e di ricerca, una meta continua cercata e ricercata che viene a comporsi qui di un altro tassello che poi si sommerà ai successivi presenti nei titoli di cui sopra. Daniele osserva con sguardo acuto chiunque incontra, osserva, scruta, memorizza e ascolta. Cerca una verità, interpella anche Dio al fine di trovarla. Procede piano piano in quella continua ricerca che però è sempre più chiaro che arriverà in un modo diverso rispetto a quel che vorremmo o che semplicemente auspichiamo.
Dal punto di vista stilistico non mancano quelle pillole poetiche che sono proprie della sua penna. Forse un poco meno coinvolgente ed empatico ma per chi già conosce l’autore, un ritorno “a casa”. Per chi invece non lo conoscesse “Sempre tornare” è un ottimo trampolino di lancio per avvicinarsi a uno scrittore la cui capacità evocativa e coinvolgente è innegabile.

«Non so cosa, ma le parole e la realtà hanno qualcosa in comune, come un filo rosso, come se attraversasse lo stesso sangue.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza
Il carcere
Sempre tornare
Fiorire tra le rocce
Caro Pier Paolo
Libri che mi hanno rovinato la vita
Il tempo di vivere con te
Case, amori, universi
Gli anni forti
Mille scarpe da lucidare
Splendi come vita
Il pane perduto
L'ospite