Narrativa italiana Romanzi autobiografici Una giovinezza inventata
 

Una giovinezza inventata Una giovinezza inventata

Una giovinezza inventata

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La storia di una ragazza borghese, che vive con rabbia ed al tempo stesso con astrazione la propria educazione alla vita. Sul filo dei ricordi Romano ricostruisce la Torino ovattata degli anni venti con le sue atmosfere, i suoi luoghi, tracciando non il ritratto di un'epoca ma quello di un tempo della vita. L'educandato femminile, le amicizie, il primo amore, i tentativi di porre le basi per il futuro, le incertezze di una personalità ancora acerba sono narrate con distacco oggettivo, fino all'evidenza di una pungente ironia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una giovinezza inventata 2015-02-23 08:10:32 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    23 Febbraio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un fascino algido

Romanzo autobiografico di cui forse non ho colto tutta la bellezza. Un romanzo ben scritto, una donna che vorrebbe essere fuori dagli schemi ma .... Forse i romanzi autobiografici sono a doppio taglio nel senso che per apprezzarli pienamente bisogna trovarsi in sintonia e provare simpatia o attrazione per il narratore. Questo a me non è successo, anzi. Lalla mi sembra una donna fredda, sofisticata, intellettuale.Dalle sue pagine traspare un interesse soprattutto per se stessa (forse introspettivo ma anche narcisistico), mai un trasporto affettivo verso un'amica, un essere umano. Anche A. il suo innamorato dell'epoca sembra uno specchio attraverso il quale lei cerca di scoprire qualcosa di sé (il desiderio?). Di tutti gli uomini che attraversano le pagine e anche di tutte le donne non sembra amarne nessuno. Si salva solo Giovanni, l'unica persona vera tra quelle che incontra: boriosi, vanesi, mezze tacche, tutti in qualche modo adoranti. Non so, è una donna che apparentemente rifiuta le frivolezze della femminilità ma in realtà il suo approccio al mondo mi sembra freddamente superficiale. Forse scrive bene, ma la sua è una scrittura fredda, sobria. Io nei libri cerco un po' più di calore umano. Nella scrittura cerco empatia. Probabilmente se non ho questo tramite affettivo fatico a capire un romanzo. Certo, si coglie la ricercatezza linguistica e stilistica che isolate da un contenuto che faccia presa mi lasciano abbastanza indifferente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una giovinezza inventata 2015-01-17 15:16:16 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    17 Gennaio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Riscoprire la giovinezza

" ... i personaggi sono tutti veri (...). Ma insieme si può dire che tutto è 'inventato' , nel senso che questa è la mia verità poetica (...). Del resto la verità dell'artista non è verità storica, ma la verità delle impressioni, e queste impressioni nel mio libro sono assolutamente autentiche " ( Lalla Romano ).
" Inventata " anche come colta oltre le apparenze, ad un livello più profondo.

Siamo con l'autrice più proustiana della nostra letteratura e, secondo me, forse la più grande fra gli scrittori italiani della seconda metà del '900.
Lalla Romano, in quest'opera, 'racconta' la propria formazione, come donna e come artista, nella Torino dei tardi anni '20 , dove arrivò dalla provincia (Cuneo) per gli studi universitari, dapprima ospite dello zio, il famoso matematico Peano, poi residente in un pensionato per signorine e signore sole.
Il libro è quindi autobiografico, non per il gusto di raccontare vicende personali, ma perché, secondo l'autrice, la sua vita è tutto quello che ha, è se stessa, e può esprimersi artisticamente solo "nell'eterno presente delle grandi emozioni segrete" e diventare specchio di un frammento universale.
Si tratta di un 'romanzo di formazione' di una ragazza che vuole realizzarsi fuori dagli schemi che all'epoca facilmente incasellavano una donna ; nello stesso tempo c'è un continuo disvelamento delle apparenze, per cogliere la realtà più autentica, anche se talvolta dolorosa.
Lei riponeva molta fiducia in se stessa ("nessuno avrebbe potuto aver ragione di me contro la mia volontà"). Era convinta "che le circostanze esteriori non avessero reale importanza", tanto che considerava "il fascismo soprattutto una buffonata". Ma di fronte a uno scherzo, afferma: "...non avrei mai immaginato che mi seccasse tanto: per la ragione, soprattutto, di doverlo ammettere".
Emergono poi una storia d'amore e una d'amicizia, con un finale di austera bellezza : una lezione di vita.

Lalla Romano fa propria l'idea di Joubert di "mettere un intero libro in una pagina, una pagina in una frase e quella frase in una parola". Per cui lo stile è di affascinante levatura, in armonia col contenuto, essenziale e antiretorico, come per l'Ermetismo, diretto e folgorante.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a tutti.
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Parole nascoste
Ricordatemi come vi pare
Il fuoco che ti porti dentro
Il dolore non esiste
Dare la vita
Come d'aria
Tempesta
Vecchiaccia
Stirpe e vergogna
Proust e gli altri
Una persona alla volta
I due palazzi
Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza