Narrativa italiana Romanzi erotici Per tutto l'amore. Prima e dopo di te
 

Per tutto l'amore. Prima e dopo di te Per tutto l'amore. Prima e dopo di te

Per tutto l'amore. Prima e dopo di te

Letteratura italiana

Autore

Editore

Casa editrice

Ha scelto, Linda: vuole Tommaso senza riserve, con tutto l’amore di cui è capace. Così, dalla campagna veneta Linda si ritrova a correre lungo il fiume Tago, seguendo il profilo morbido delle colline di Lisbona. Certo, l’ingresso nel jet set internazionale frequentato da Tommaso è un po’ turbolento e per niente trionfale. Linda deve imparare a modulare il suo carattere spigoloso con la sottile arte del compromesso. Tommaso la desidera con un’intensità travolgente. Anche se a volte la sua passione per lei assume contorni quasi morbosi, e si trasforma in un gioco dalle regole perverse che sembra appannare la loro vita perfetta. Perché è perfetta: di questo Linda è sicura. Almeno finché il destino decide di incrinare il loro delicato equilibrio. E questa volta ha gli occhi familiari e dolci di chi ti è sempre stato accanto e non hai mai creduto potesse renderti davvero felice.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
3.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Per tutto l'amore. Prima e dopo di te 2014-10-26 14:02:57 mia77
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
mia77 Opinione inserita da mia77    26 Ottobre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per tutto l'amore di Irene Cao

Finalmente ritrovo la Cao della trilogia erotica italiana. Una scrittrice che sa scrivere in modo fluido ed esaustivo e sa descrivere molto bene i paesaggi che incontra durante i suoi romanzi: prima Venezia, Roma, Stromboli e la campagna veneta; ora Lisbona, con tutto il suo fascino. Una scrittrice che ama la musica e l’arte e le fa amare anche ai suoi lettori, che ama la buona cucina (e alletta nostri palati con gustose e sopraffine ricette), che ama il sesso senza vergognarsene (per fortuna una donna non ipocrita) ed infatti il filone della sua duologia sono i sette vizi capitali: EVVIVA! Ed ora veniamo al romanzo, che non voglio descrivere o riassumere, ma commentare. Vediamo la già conosciuta Linda (donna forte e volitiva, che rappresenta quasi il maschio alfa), che rinuncia alla propria libertà e indipendenza per compiacere il suo uomo, che non le fa mancare nulla, ma la intrappola in una prigione dorata (sigh), che a lei sta molto stretta. Linda costretta a seguirlo a Lisbona (dove lui viene trasferito per lavoro) e ad impersonare il ruolo della donna del boss. Una Linda che deve imparare l’arte del compromesso (cosa che lei non ama fare), perché costretta a vivere in un ambiente dove l’apparenza e l’etichetta hanno la meglio sulla spontaneità e sull’essere veri e sinceri. Insomma: una spersonalizzazione di sé a favore dell’altro. Amo Linda perché è una donna vera, viva, umana e passionale. Mi ha molto dato fastidio l’atteggiamento del suo uomo, Tommy, che rappresenta invece la perfezione e il controllo. Non mi convince appieno neppure l’altro, Alessandro, perché un po’ troppo “hippy” per i miei gusti, però lo preferisco al freddo e algido Tommy. Sicuramente l’idea di un uomo che ti accetta per come sei, senza la minima intenzione di cambiarti, è allettante. Linda e Alessandro, amici da sempre e vicini nel cuore e nell’anima (“ Ti parlo nel silenzio e so che mi ascolti”). Il romanzo è molto carino, naturalmente restando nel filone dei romanzi “leggeri” e l’ho letto in un pomeriggio. Ho amato l’idea che il vero amore non debba essere perfetto, ma unico. E non ti chiede mai di cambiare (sarebbe bello se fosse realmente così!).
Alcune frasi o espressioni che mi sono piaciute:
- “Sa che non lo rivedrà più, ma sa anche che porterà per sempre il suo marchio sulla pelle. Perché con i corpi, prima che con le parole, si stipulano patti che durano per l’eternità”;
- “Lui, con il viso segnato da tutte le strade che ha percorso…”;
- “E’ un abbraccio magnetico, che sa di qualcosa che è già nostalgia”;
- “Fidati di me… Con una maschera addosso, a volte, si può essere molto più veri”;
- “Alessandro la lascia fare. Sa che non servono parole, adesso. Lui è lì per lei, per raccogliere il suo dolore e portarlo lontano, dove non può più farle male. E’ venuto da chissà dove, dalla distanza che lei stessa aveva costruito fra loro”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Per tutto l'amore. Prima e dopo di te 2014-07-27 22:40:51 Sophie
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Sophie Opinione inserita da Sophie    28 Luglio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Poco ma buono

Vorrei davvero dare 5 stelle, solo per l'adorazione che provo per Irene Cao.
La storia e' bella, i personaggi e l'ambientazione bellissimi, e la penna di irene ancora di più.
Però...
Però è poco. Questa storia meritava molte più pagine. Ci avrei visto 3 libri e molto più spessi.
Non so se sia " colpa" della casa editrice, ma il risultato e' di un racconto-riassunto di una storia che poteva dare molto di più. Poteva essere più dettagliato e profondo.
Momenti come il divorzio, l'unione con un altro uomo, cambiare paese e vita ecc...non si possono svolgere in una manciata di pagine.
Sarebbe sato un libro da 5, e se non fosse di Irene 4 scarso.
Comunque se avete letto il primo, vale comunque la pena di leggere il secondo.
Buona lettura

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Per tutto l'amore. Prima e dopo di te 2014-07-17 21:10:36 Foschia75
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Foschia75 Opinione inserita da Foschia75    17 Luglio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi non sbaglia in amore?

Per tutti gli sbagli... a cui ci spinge l'amore.
Per tutto l'amore ... che ci porta a sbagliare.
L'amore è imprevedibile, irresistibile, ci porta a inciampare, a soffrire. Ma come potremo amare senza prima sbagliare, senza prima perderci per poi capirne il valore? L'amore è come la vita, una strada tortuosa e affascinante, dove è facile sbagliare, perdersi e poi ritrovarsi, perché non è mai troppo tardi per tornare a casa.

Siamo arrivati alla fine di questa intensa storia, e mi dispiace, perché c'erano tutti i presupposti per scrivere un terzo libro. Si, forse ai personaggi di Irene ci si affeziona talmente tanto che vorresti continuare a sbirciare nelle loro vite, sapere come sarebbe stato se...
Irene Cao, a distanza di appena un anno, ci propone una nuova intensa e attraente storia sensuale, capace di farti perdere la cognizione del tempo, di leggere un intero libro in una sera, perché il suo stile e il suo modo di intrecciare le situazioni, non ti permette di chiuderlo sino a quando non sei costretta perché arrivata all'indice.
I primi dettagli che mi vengono in mente quando penso alle storie di questa autrice, sono i luoghi, gli atteggiamenti dei suoi personaggi, il suo personale modo di vedere la vita attraverso gli occhi di Linda, perchè sono fermamente convinta che quando plasma un personaggio, in esso ci sia molta parte della sua personalità, e questo mi affascina parecchio. Linda corre, ascolta buona musica, ama il vento tra i capelli, il sole sul viso, un aperitivo con gli amici, la semplicità, la sincerità, la spontaneità... come si fa a non immedesimarsi in una donna così? Come si fa a non sentirsi parte della storia?
Penso che il successo dei suoi romanzi stia proprio in questo, nel realismo col quale racconta storie d'amore intense, tormentate. L'amore può avere mille volti, innumerevoli sfaccettature, l'amore è passione, lussuria, ma a volte è anche compromesso, sacrificio, abnegazione. Attraverso Linda, Irene ci porta a conoscere l'evoluzione psicologica dell'amore, attraverso gli sbagli, gli errori di valutazione, perché l'amore è soprattutto imperfezione, innata incoscienza che ti spinge a toccare il fondo prima di aprire gli occhi. L'amore, quello vero è così, l'hai sotto gli occhi, ma guardi sempre all'orizzonte, ti abbeveri alla fonte degli eccessi prima di scoprire che la sorgente era sotto casa.
Non è mai troppo tardi, per vivere come la tua natura chiede. E Linda è una creatura che ha bisogno di input forti per capire cosa veramente le è indispensabile. Tommaso e Alessandro sono le due facce dell'amore, la gabbia dorata e la libertà, l'ovvio e l'assurdo... ma non date subito per scontato che libertà faccia coppia con ovvio. Perché Irene vi dimostrerà che non è tutto già scritto e scontato, o perlomeno magari lo è ma il sentiero per arrivarci non è affatto lineare, come non lo è la vita reale.
L'autrice aveva promesso che in questo secondo romanzo l'eros sarebbe stato il "padrone di casa", e come sempre ha mantenuto la promessa. L'erotismo c'è eccome, descritto con calma, dovizia di particolari e senza veli, tutto calato in una cornice affascinante come quella di Lisbona, che Irene ha saputo magistralmente farci assaporare come ha fatto con la campagna trevigiana prima, e con Venezia, Roma e Stromboli nella trilogia precedente. Senza tralasciare la buona cucina, l'arte (questa volta moderna!) e il design.
L'unico appunto che "devo" fare è al finale. Perché penso che Irene abbia avuto due possibilità (che non è poco): la prima quella di poter lasciare aperto uno spiraglio per un terzo libro (i presupposti c'erano tutti se avesse modificato leggermente il finale); la seconda non prendendo in considerazione un terzo libro, ma curando un pelino di più certi stati d'animo dei personaggi (e di conseguenza certe situazioni "affrettate"), che meritavano più spazio. Ho divorato questo libro senza rendermene conto, ma arrivata al dolce.... mi è mancato il cucchiaino, per raccogliere le sensazioni di un momento fondamentale.
Nonostante questo piccolo neo (del tutto personale), adoro lo stile di questa autrice, che già all'esordio aveva dato prova di saper creare emozioni, investendo i suoi personaggi di un compito molto delicato, portare le sue sensazioni e emozioni fino al lettore. E questa è una delle sue caratteristiche migliori, arricchita dall'ambientazione e dalla cultura che ci appartiene in modo così vivido.
Peccato che questa duologia sia già finita, perché immergermi nei romanzi di Irene Cao, mi viene spontaneo, ti invita nell'erotismo con una naturalezza e un'immediatezza che ultimamente faccio fatica a trovare nel panorama offerto dal genere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io e Mr Wilder
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il club Montecristo
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La città di vapore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La donna gelata
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro delle case
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piranesi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il gioco delle ultime volte
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il silenzio
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Senza colpa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orfeo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rabbia semplice
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sembrava bellezza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)