Donnafugata Donnafugata

Donnafugata

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Donnafugata è un luogo, a due passi da Ragusa, tra carrubi secolari, muri a secco e campagna scoscesa. Donnafugata è un tempo, l'Ottocento, tra dominazione borbonica, moti di fierezza popolare e alba della dignità operaia. Donnafugata è un casato, tra i più antichi di Ibla, che di quella terra e quei giorni incarna gioie, patimenti e futuro. Alla sua testa c'è lui, il barone Corrado Arezzo De Spucches, di cui il libro è quasi un diario privato: da quando, ginocchia sbucciate e balia Annetta appresso, scappava bambino da don Gaudenzio e quella camurria del suo rosario; agli anni in cui, ragazzo, compie gli studi a Palermo e lì fa sua la voglia di rivoluzione; a quelli in cui, marito, padre e poi nonno, vive e invecchia «circondato dalle fimmini», amandole tutte teneramente e sopravvivendogli con il cuore spaccato. Prefazione di Giuseppina Torregrossa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Donnafugata 2021-01-13 15:08:25 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    13 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il barone Corrado

Sulla scia di classica memoria de Il Gattopardo, Costanza Di Quattro pubblica Donnafugata, un romanzo storico di grande atmosfera e fascino. Corredato da una bella ed interessante prefazione di Giuseppina Torregrossa.
Racconta il percorso di vita del barone Corrado Arezzo, nato nel 1824 e morto nel 1895, percorrendo così quasi tutto l’Ottocento siciliano. Testimone suo malgrado dei cambiamenti avvenuti in Sicilia, ne paga un forte, quanto iniquo, tributo con la sua filanda, decidendo così di ritirarsi nel suo palazzo di Donnafugata:
“Ripuliti i vetri, i lampadari, i pavimenti di franco e pece, spolverate tutte le persiane, le scale strofinate con la liscia di acqua bollente e sapone. (…) Nulla era lasciato al caso: ogni suppellettile, ogni oggetto, ogni quadro, ogni orologio da tavolo, ogni sedia, ogni poltrona trasudava la volontà di un gusto preciso e puntuale. “
Ma chi è stato veramente il barone Corrado? Certamente un uomo di spicco,
“Dove è finito quell’uomo illuminato che ha guidato generazioni di idealisti? Dove è finita la sua forza, la tua voglia di andare oltre le avversità della vita, di sentirti e farti vedere più forte degli altri? Dove sei finito tu, con il tuo umorismo costante con la tua ironia tagliente, con le tue stelle e i tuoi sogni. Dove è finito il mio amico pungente di poche parole ma precise, affilate e necessarie …”
Sposato ad una donna che gli è stata imposta per dovere, con la quale instaura immediatamente un forte rapporto fisico, destinato a cementare l’unione con affetto e profondità, nonostante gli scarsi presupposti dell’inizio. E’ un uomo che ha , quindi, attraversato quasi tutto l’Ottocento, con le conseguenze che si hanno.
Un libro che colpisce nel profondo. L’autrice fa ricorso all’analessi più volte, va avanti ed indietro nel tempo con perizia e metodo. Spesso il capitolo fa ricorso alla forma diaristica, ma è sempre in sé e per sé forma compiuta. La storia è fondamentale nelle narrazione:
“Raccontare il furore risorgimentale del protagonista, le nobili frequentazioni e le discussioni appassionate con patrioti del calibro di Michele Amari; la cocente delusione per il fallimento dell’amministrazione sabauda e la vergogna per le false promesse di libertà e giustizia; la sensibilità artistica, che portò Corrado all’Internazionale di Dublino a rappresentare l’Italia.”
Ma non è solo questo: accanto vi è la storia privata del barone, il racconto dei suoi affetti; dei suoi dispiaceri, della perdita della sua amata figlia, ma la compensazione con le nipoti, generazioni su cui investire. Nel complesso un libro dove si mescola pubblico e privato con uno stile di scrittura elegante e preciso. Per chi ama la Storia, le saghe familiari, elaborate con affettazione e ricca precisione sintattica. Bellissimo il raffronto tra vita umana e la rosa:
“non siamo altro che rose. Duriamo il tempo di un sorriso, di un ricordo da custodire, di un notte da ricordare. E quando ci voltiamo indietro di noi resta solo la scia debole di un profumo che è stato intenso.”.
Di gran fascino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri