Narrativa italiana Romanzi storici I tre inverni della paura
 

I tre inverni della paura I tre inverni della paura

I tre inverni della paura

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di I tre inverni della paura, romanzo di Giampaolo Pansa edito da Rizzoli. Nevica sangue nei tre inverni della paura. Sono le stagioni più dure della guerra civile italiana e dell'interminabile dopoguerra. Tedeschi, fascisti e partigiani combattono con obiettivi diversi, ma compiono le stesse atrocità. È questo disordine crudele a travolgere Nora Conforti. Diciotto anni, ragazza di famiglia ricca, Nora si rifugia con il padre sulle colline fra Reggio Emilia e Parma. Non immagina che proprio lì incontrerà il primo amore e subito dopo gli orrori di due guerre in grado di sconvolgere la sua esistenza. Giampaolo Pansa ci racconta una storia che nasce da lunghi anni di ricerche sulla Resistenza e sulle sue tante zone d'ombra. Un affresco della borghesia agraria emiliana, nell'arco di sei anni infernali, dal giugno 1940 alla fine del 1946. E' una ricostruzione controcorrente di un'epoca feroce. "I tre inverni della paura", vissuti tra il Po e l'Appennino reggiano, narrano il duello brutale fra due totalitarismi. Quello fascista che cerca di sopravvivere con l'aiuto dei nazisti. E quello comunista che prolunga ben oltre il 25 aprile una spietata strategia del delitto. Ma nella memoria del lettore resterà l'umanità dei personaggi che affiancano Nora. Accanto a figure che appartengono alla storia, come Togliatti, De Gasperi, i capi delle bande rosse e nere, il vescovo Socche, il partigiano bianco detto "il Solitario", si muove la gente comune di quegli anni. Le donne chiamate a sopportare il peso più grande della guerra. I bambini messi di fronte al terrore politico. I giovani schierati su trincee opposte. L'asprezza dello scontro fra ricchi e poveri. Le vittime del dopoguerra che emergono dalle fosse segrete, fantasmi capaci di turbarci ancora oggi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 8

Voto medio 
 
2.4
Stile 
 
2.8  (8)
Contenuto 
 
2.6  (8)
Piacevolezza 
 
2.1  (8)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I tre inverni della paura 2013-08-12 08:35:35 HobbitdellaContea
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
HobbitdellaContea Opinione inserita da HobbitdellaContea    12 Agosto, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo che divide

Dividono sempre le tematiche di Pansa perchè il messaggio che vuole trasmettere è sempre molto ostico e per qualcuno proprio indigeribile.
Di certo il romanzo non è assolutamente all'altezza degli altri suoi scritti come: Il sangue dei vinti o Carta straccia o La grande bugia e il risultato è quello di una storia un pò confusionaria con una protagonista,a mio avviso,insopportabile che non rende giustizia al contenuto così carico di significato e insegnamenti.
Tuttavia è una lettura che consiglio perchè permette una riflessione:se avessi vissuto anch'io quel momento di profondi mutamenti...che cosa avrei fatto?se fosse stata la mia famiglia ad essere minacciata o i miei cari a morire in guerra così lontani da casa in una terra che non ci appartiene come avrei reagito?e ci si accorge che a volte le ragioni degli uomini vanno oltre la Storia....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
I tre inverni della paura 2011-02-07 19:03:38 ...* carpe diem* ...
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
...* carpe diem* ... Opinione inserita da ...* carpe diem* ...    07 Febbraio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una sofferenza!!

a qualcuno questa mia opinione probabilmente potrebbe sembrare azzardata e superficiale. infatti il libro tratta argomenti non facili e sicuramente non allegri,ma ci sono tanti modi di narrare la storia e sicuramente quello scelto da Pansa è il peggiore!
questo libro secondo me è un ibrido tra un saggio e un romanzo,ma la parte romanzata è assolutamente inverosimile e spesso noiosa. i dialoghi sono impossibili perchè credo che nessun essere umano normale sarebbe in grado di ricordarsi tante date e tanti nomi.
insomma. leggere questo libro è stata una sofferenza e non l'ho lasciato a metà solo testardaggine.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
a nessuno!
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
I tre inverni della paura 2010-12-08 15:37:21 laurama
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
1.0
laurama Opinione inserita da laurama    08 Dicembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

saggio senza contradditorio

mi aspettavo qualcosa di meglio.
è un saggio sull'esperienza partigiana soprattutto in emilia romagna, presentata quasi esclusivamente nell'aspetto negativo della deviazione criminale di alcuni gruppi, trascurando completamente il valore civile della resistenza.
il tentativo di 'travestirlo' da romanzo è, a mio modesto parere, mal riuscito.
sarebbe stato più leale nei confronti dei lettori, presentarlo per quello che è: un saggio monotematico e senza confronto di opinioni sulla guerra civile scoppiata in seno alla seconda guerra mondiale.
non c'è integrazione tra il racconto-fantasia e il resoconto-storia.
la protagonista, nora, chiede e il personaggio di turno risponde con il racconto di un evento.
mi piacerebbe sapere cosa ne pensano coloro che con coraggio hanno partecipato al movimento partigiano per la loro e la nostra libertà.
laura m.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
I tre inverni della paura 2010-11-11 19:51:25 Cristina V
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cristina V Opinione inserita da Cristina V    11 Novembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

drammatico.


Questo è il primo romanzo di Pansa che ho letto.
Lettura non facile, e non tanto per il lessico, quanto...per il contenuto duro, da "digerire".
La parte romanzata direi che è stata utilizzata per raccontare la STORIA, ben più pregnante. Infatti la storia della forte ed indomita Nora e della sua famiglia, per quanto piacevole,( non mi è sembrata per nulla una soap opera, come qualcuno l'ha definita!) era un pretesto per raccontare i momenti durissimi della guerra civile in Emilia.
Per questo motivo , a Nora si affiancano nella storia molti personaggi reali e noti,come Togliatti, De Gasperi; la vicenda di un paese, di una famiglia , si allarga per diventare la vicenda di un popolo intero.

Si racconta la guerra, con date, nomi, cognomi; ma si racconta soprattutto il dolore della gente ; la paura della morte, delle ritorsioni, delle incursioni, ; lo sgomento, l'incertezza del futuro.

Resistenza: argomento interessante per chi, come me, proviene da una zona- le Langhe piemontesi- dove la lotta partigiana è stata aspra e senza esclusione di colpi..
Accompagnata durante l'infanzia da lunghi e dettagliati racconti da parte del nonno , sono venuta a conoscenza di numerosi episodi che erano rimasti nella cosiddetta "zona d'ombra"...quelli che i libri di storia non menzionano.
Ebbene, mi ha sconvolta ,con la lettura di questo libro, scoprire che in Emilia questi episodi erano moltiplicati per cento, mille...che la paura non proveniva solo più dal regime nazista, ma anche dai cosiddetti "partigiani rossi", che hanno insanguinato paesi e campagne, ben oltre il 25 aprile.

Un romanzo sulla Resistenza, rigorosamente documentato,di forte impatto emotivo e da leggere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
I tre inverni della paura 2009-05-04 13:53:37 silvana romano
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da silvana romano    04 Mag, 2009

i tre inverni della paura

Una pericolosa quanto inutile opera di revisione storica: si è disposti a descrivere i soldati nazisti come vittime che "vedono le loro famiglie sparire sotto i bombardamenti a tappeto degli anglo-americani... dunque è quasi fatale che non abbianoriguardo per nessuno". Non si spende una parola per la lotta partigiana e per quanti quella guerra non l'hanno cominciata e voluta. Si innestano queste affermazioni nel contesto di un romanzeto rosa neanche appassionante e si pretende di far luce sulla storia. Più che un fallimento narrativo, una vergogna

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
17
Segnala questa recensione ad un moderatore
I tre inverni della paura 2008-12-26 19:27:37 andreacurioso
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da andreacurioso    26 Dicembre, 2008

ottimo per ricordare

un libro che non stanca, un libro che serve per capire un'epoca tragica ma ancora presente, nonostante gli sforzi che si facciano per dimenticarla

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
I tre inverni della paura 2008-09-17 23:14:57 Eugenia
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Eugenia    18 Settembre, 2008

I tre inverni della paura

sembra la sceneggiatura di una soap opera

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Lyala
Trovi utile questa opinione? 
28
Segnala questa recensione ad un moderatore
I tre inverni della paura 2008-06-08 22:43:58 Felix
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Felix    09 Giugno, 2008

L'assedio di fort Apache

Se Pansa voleva scrivere una sorta di Via col vento ambientato nel periodo della Resistenza e della guerra civile, leggendo “I tre inverni della paura”, pare di notare che gli sia riuscito piuttosto di comporre una sorta di saga dell’assedio di Fort Apache.

Tutto il romanzo infatti è incentrato non solo sul personaggio femminile di Nora, ma anche nel posto in cui lei si rifugia: la sua villa di campagna, assediata da una serie interminabile di delitti e ritorsioni che perdurano durante e dopo la fine della guerra e di cui anche lei, alla fine, risulta vittima.

L’autore alla fine, pare che la voglia far morire per forza, inevitabilmente, come se fosse l’ennesima ed ultima vittima sacrificale dell’odio vendicativo rosso che non si placa nemmeno dopo che il Migliore,il gran capo, si è scomodato personalmente per dire a tutti che la stagione del sangue che nevica o scorre a fiumi, deve finire.

La cornice descrittiva e letteraria in questo romanzo ci appare piuttosto debole, almeno rispetto agli intermezzi storici con cui Pansa riprende molte delle storie già raccontate in precedenza nei suoi libri più famosi come “Il sangue dei vinti”, “Sconosciuto 1945” o “La grande bugia”. Il pezzo forte del romanzo sono infatti le narrazioni che riprendono eventi già in parte noti ai suoi lettori e che però, attraverso la chiave narrativa dei personaggi che, volta per volta si avvicendano animando il microcosmo che ruota intorno a Nora: la protagonista, trovano un più denso spessore espressivo.

Ciò che manca però in maniera evidente è una ricerca introspettiva sulla controparte, quella dei “cattivi” che sono sempre e comunque descritti come “brutti e sporchi”, senza alcuna analisi dall’interno della loro personalità o delle loro motivazioni, tutte accomunate nel gran calderone dell’odio ideologico di classe, denso di livore e preconcetto, fino al scadere nella pura criminalità estorsiva. Quasi fossero stati tutti antesignani di Al Capone anziché, come molti furono, sostenitori di una parte politica importante che contribuì validamente alla nascita della nostra democrazia e alla stesura della Costituzione. Sinceramente la descrizione di Margaret Mitchell dei nordisti e dei loro eccidi, ci appare molto più convincente e realistica, oltre che efficace.

E’ comunque un libro che si legge volentieri, forse meglio se non si è mai letto alcuno dei precedenti, e che comunque non va certo confuso con il capitolo della genesi della bibbia del vero democratico

Pansa dice di non capire chi demonizza la storia ma in questo romanzo, forse più che con gli altri, mi pare francamente che abbia lui demonizzato a rovescio la storia, dipingendo un quadro senza toni chiaroscurali, dove i buoni stanno tutti da una parte e i cattivi non escono mai dalla loro.

E guarda caso, i cattivi oltre ad essere brutti e sporchi sono sempre dipinti da Pansa come poveri, anzi, miserabili e per di più, rancorosi.

Un romanzo che appare stilisticamente scorrevole, asciutto, espressivo, ma un po’ monocorde e melenso, specialmente quando insiste nel celebrare le buone virtù del bel tempo andato della borghesia agraria della bassa padana. E poco o nulla racconta della miseria e della dignità dei poveri, se non quando, un po’ scodinzolando, si mettono al servizio dei loro padroni.

Neanche il bell’eroe morto in Russia si pone il problema di avere invaso un paese in cui i nazifascisti hanno fatto terra bruciata con milioni di morti, specialmente nella popolazione civile.

Insomma un romanzo che ci appare scritto un po’ in fretta, e che sicuramente andava meditato di più, lasciando maggiore spazio e respiro alla narrazione letteraria e poetica, all’intreccio, al paziente lavoro introspettivo, e che rischia invece di scadere a tratti nel fumettistico, specialmente nelle descrizioni degli ambienti famigliari.

Eroe anche lui perdente, un po’ come tutti, è Nelson che alla fine sposa Nora, pur avendo come ideale solo quello di poter concludere buoni affari, un sostanziale maneggione, anche se tutto d’un pezzo, che rappresenta sicuramente l’emblema di un’Italia che si salva sempre e comunque pensando gli affari propri, anzi, anteponendoli a tutte le bandiere.

Pansa pur non capendo come la storia si possa ridurre ad uno scontro tra “angeli” e “diavoli”, nella sostanza, ce la ripropone così, solo che i diavoli sono, nella sua prospettiva, cromaticamente più convincenti: tutti rossi, brutti, sporchi e cattivi.

Anche questa in fondo è una notte dove tutte le vacche sono rosse anziché nere, e producono sangue ed odio pastorizzato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
non farsi intossicare dall'odio
Trovi utile questa opinione? 
43
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Jane va a nord
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo tutto l'anno
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri