Narrativa italiana Romanzi storici Il dolore del mare
 

Il dolore del mare Il dolore del mare

Il dolore del mare

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Nella piccola isola ligure di Palmaria gli echi del mondo arrivano attutiti ma non meno feroci. Elvira, sposa giovanissima a cui la guerra ha sottratto il marito caduto nelle trincee del Piave, cresce il figlio Ermes con premura, trasmettendogli i valori di un regolato universo familiare nel quale le donne sono da secoli il fulcro di una vita dura strappata agli scogli e al mare. Ma i tempi sono infausti, e anche sull'isola si consuma lentamente il dramma di gente semplice e indifesa, ignara del flagello che sta per esplodere. Alberto Cavanna racconta gli anni difficili fra i due conflitti mondiali visti dalla prospettiva di un'appartata comunità isolana: un piccolo mondo antico, forgiato dal lavoro e dalla quotidiana lotta con la natura, destinato a essere risucchiato nell'abisso della storia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il dolore del mare 2016-03-13 02:47:57 Maria
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Maria    13 Marzo, 2016

Commento

"Il Dolore del mare" di Alberto Cavanna è un testo dalle mille sfaccettature preziose. La più importante novità è la presenza di molte figure femminili. La protagonista è una donna: Elvira, che nella sua semplicità è una figura epica e tesse “una trina d’amore benedicendo le cose della vita che non potevano essere cambiate, ma solo sofferte” Queste figure femminili sono vive, i loro sentimenti sono espressi con forza e semplicità entriamo nella vicenda e vivendo le loro storie ci sembra di percorrere sentieri, partecipare al lavoro ed alla vita di una volta, anni vicini, ma lontanissimi. Come in tutti i suoi libri una parte importantissima la ha il mare con la sua saggezza e questa volta al centro della storia c’è l’isola Palmaria nel periodo che va circa dal 1910 al 1938.

L’Isola,che nel nostro vissuto di persone residenti alla Spezia e non, ha una grande malia, è presentata da una donna speciale: la maestra Alina che era sempre vissuta in città nel quartiere umbertino e che si trova ad essere scelta come insegnante ed a trasferirsi alla Palmaria. Alina, appena approdata al Terrizzo, capisce che l’isola ha un tempo tutto suo, composto da tante realtà contrastanti, che ha una bellezza femminile, che non ha direzioni, che, anche se piccola, non conosce né inizio né fine, che bisogna lasciar fare agli uomini per poi seguirli nel loro cammino.

Un’altra realtà importante è la guerra che è combattuta dagli uomini, ma che le donne sentono arrivare con timore e paura, finisce una guerra con tutti i drammi segue una dittatura e poi di nuovo la guerra, le donne soffrono, sentiamo anche noi gli urli e la enorme disperazione quando arriva il postino a portare la notizia della morte di mariti e figli. Le donne hanno il lavoro quotidiano al saladero, gli uomini il duro impegno nelle cave oppure nei cantieri navali alla Spezia. La vita nell’isola è scandita da ritmi sempre uguali, dalle stagioni e dall’arrivo e partenza del traghetto.

Ci sono pochi momenti di felicità, per Elvira c’è la delicata storia d’amore con Radames e la nascita del figlio Ermes.

La scrittura del libro è magistrale, bisogna soffermarsi sulle frasi, sulle parole, sulle descrizioni per assimilarne bene tutta la struttura e comprenderne la complessità.

La bellezza di questo libro del quale non voglio più che accennare la trama, è che ognuno può trovare ed approfondire una parte o dei personaggi che gli sono più congeniali. Per questo può essere consigliato ad un grande numero di lettori. C’è, come abbiamo scritto la parte storica, inquadrata nella storia italiana e nelle vicende dell’isola, la descrizione della vita quotidiana di una volta, molto approfondita, le storie dure della famiglie e delle donne, le storie d’amore e di maternità delicate e sofferte, il senso del patriottismo e della partecipazione alla guerra, l’antifascismo, la scuola di una volta con l’educazione dei giovani fascisti e l’emancipazione di un ragazzo attraverso la cultura, una religione che accoglie, non critica, aiuta e consola, il senso filosofico del tempo che accompagna la nostra vita e, sopratutto il mare che contorna l’sola, la rende meravigliosa, fornisce lavoro, accoglie il dolore, l’amore, la solitudine, l’angoscia e tutte le storie, sublimandole.

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Eredi Piedivico e famiglia
I giorni di Vetro
Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono