Narrativa italiana Romanzi storici Il rogo della Repubblica
 

Il rogo della Repubblica Il rogo della Repubblica

Il rogo della Repubblica

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Venezia, 6 luglio 1480. Tre ebrei di Portobuffolè, un piccolo paese del trevigiano, vengono bruciati vivi tra le due colonne di piazza San Marco. Il senato della Repubblica di Venezia li ha giudicati colpevoli di aver ucciso un bambino cristiano per impastare col suo sangue le focaccine pasquali. Un episodio unico nella storia millenaria della città lagunare, ma una tragedia che l’Europa ha visto ripetersi in ogni tempo e luogo. Andrea Molesini ricostruisce il processo politico grazie ai verbali conservati nell’Archivio di Stato e alterna con maestria, in una trama ricca di colpi di scena, personaggi storici e d’invenzione.



Recensione della Redazione QLibri

 
Il rogo della Repubblica 2021-06-02 14:56:55 silvia71
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    02 Giugno, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Colpevoli o innocenti?

Correva l'anno 1480 quando la Repubblica di Venezia processa e condanna a morte tre cittadini veneti di fede ebraica. L'accusa è grave e desta orrore tra i fedeli cristiani; sono stati identificati come gli artefici del rapimento di un bambino cristiano per compiere un sacrificio rituale di sangue durante il periodo pasquale.
Accuse fondate o fango gettato su innocenti nell'eterna lotta tra credo religiosi ed interessi economici da tutelare?

Partendo da eventi storici tracciati dalle cronache del tempo, Molesini imbastisce un racconto mixando il realismo del dato storico al colore e sentimento dell'immaginazione, facendo calcare la scena a personaggi realmente vissuti unitamente ad altri che egli stesso costruisce con grande maestria.

Il percorso narrativo diventa una bolgia della cattiveria, dell'ipocrisia, della viltà umana, una rappresentazione della peggior parte dell'uomo “lupo”, pronto a sbranare il prossimo per un favore politico, per convenienza economica o per cieca sottomissione ad un credo.

La scrittura è graffiante con i termini e con le immagini, dagli intrighi dei palazzi ai bassifondi dove si svolge la vita più grama; dai bordelli sordidi alle carceri, dalle stanze delle torture alle esecuzioni sulle pubbliche piazze, dallo strazio dei vinti all'esultanza dei vincitori.
Ma dove alberga la morte, la doppiezza e la falsità, che valore potrà assumere la vittoria?
Un quesito che emerge prepotente alla stretta finale e che assale il lettore rendendolo partecipe di tutto il buio narrato.

Un romanzo storico crudo che denota il carattere della penna di Molesini ed apre le porte alla riflessione storico-politica e non solo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
1.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il rogo della Repubblica 2021-07-07 12:15:29 silvia t
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
silvia t Opinione inserita da silvia t    07 Luglio, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sagome di cartone mal rappresentate.

Di certo non è facile calarsi nella Venezia del 1400, sopratutto se non si è degli storici e sopratutto se non sia ama la storia, come me.

Non voglio farla troppo lunga, non ho amato questo libro, per niente e anche se non amo scrivere di cose che non ho apprezzato, questa volta voglio fare un’eccezione, perché ho colto, nello stile una sorta di altezzosità dell’autore.

Il piano di lettura più interessante è sicuramente quello narrativo, fatto cronaca noto ai più (non a me per le motivazioni di cui sopra) che svela, in qualche modo, come nonostante siano trascorsi seicento anni, l’umanità sia mossa sempre dalle stesse passioni e pulsioni.

Quello che stride in modo fastidioso è il lessico in generale e i dialoghi in particolare: troppo moderno, un veneziano nel 1400 non può pensare quelle parole, non può rivolgersi alle altre persone con quelle frasi.

E’ dunque molto difficile immergersi in quel tempo e a nulla servono le ridondanti descrizioni dei luoghi e degli odori perché anche se la mente cerca disperatamente di figurarsi quei luoghi le parole ti trasportano su un set cinematografico, in cui tutto è posticcio; visibilmente posticcio.

I personaggi, tutti monodimensionali, sono attori che sotto il trucco svelano il loro tempo, quello contemporaneo.

Una nota particolare la merita il protagonista che almeno nelle intenzioni dovrebbe subire un processo di crescita psicologica, una redenzione di manzoniana memoria, ma che appare del tutto inadeguata nei tempi e sopratutto nei modi.

Lievi accenni di vitalità e di leggerezza si possono trovare nella descrizione dei bambini, ma troppo poco per creare davvero empatia verso almeno uno dei personaggi descritti che finiscono per diventare sagome di cartone mal rappresentate.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri