Le disobbedienti Le disobbedienti

Le disobbedienti

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Che cosa unisce Artemisia Gentileschi, stuprata a diciotto anni da un amico del padre e in seguito protagonista della pittura del Seicento, a un'icona della bellezza e del fascino novecentesco come Frida Kahlo? Qual è il nesso tra Élisabeth Vigée Le Brun, costretta all'esilio dalla Rivoluzione francese, e Charlotte Salomon, perseguitata dai nazisti? C'è qualcosa che lega l'elegante Berthe Morisot, cui Édouard Manet dedica appassionati ritratti, alla trasgressiva Suzanne Valadon, l'amante di Toulouse-Lautrec e di tanti altri nella Parigi della Belle Époque? Malgrado la diversità di epoca storica, di ambiente e di carattere, un tratto essenziale accomuna queste sei pittrici: il talento prima di tutto, ma anche la forza del desiderio e il coraggio di ribellarsi alle regole del gioco imposte dalla società. Ognuna di loro, infatti, ha saputo armarsi di una speciale qualità dell'anima per contrastare la propria fragilità e le aggressioni della vita: antiche risorse femminili, come coraggio, tenacia, resistenza, oppure vizi trasformati in virtù, come irrequietezza, ribellione e passione. Elisabetta Rasy racconta, con instancabile attenzione ai dettagli dell'intimità che disegnano un destino, la vita delle sei pittrici nella loro irriducibile singolarità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le disobbedienti 2022-02-06 18:40:30 archeomari
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    06 Febbraio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

DONNE IN LOTTA CON IL LORO TEMPO

Sei donne, sei artiste che hanno dovuto farsi strada nel mondo per affermare il proprio talento e la propria indipendenza: Artemisia Gentileschi, Elisabeth Vigée Le Brun, Berthe Morisot, Suzanne Valadon, Charlotte Salomon, Frida Kahlo. Coraggiose, tenaci, irrequiete, ribelli, caparbie e passionali.
Elisabetta Rasy traccia una breve, ma intensa biografia delle sei artiste, diverse tra loro, per nazionalità, estrazione sociale, periodo in cui vissero, temperamento. Accomunate però dalla lotta contro condanne, incomprensioni dovute al momento storico e culturale in cui sono vissute.
Il libro apre ogni biografia con un autoritratto, purtroppo riprodotto in bianco e nero. La Rasy con la sua penna riesce a metterci davanti agli occhi la vita ispirata da quelle pitture.
Mi rendo conto che arricchire il libro con qualche inserto fotografico avrebbe fatto lievitare di non poco il prezzo di copertina, che è modesto, per volere dell’editore o dell’autrice stessa, perché lo scopo è parlare di queste donne attraverso la loro arte e i momenti salienti delle loro esistenze. Quanto ai dipinti si fa come ho fatto io: li ho cercati in rete ed è stato bellissimo, soprattutto perché prima avevo letto le descrizioni della Rasy. Tuttavia, rimango dell’idea che almeno l’autoritratto di presentazione delle varie pittrici sarebbe dovuto essere a colori, utilizzando magari una carta speciale, che avrebbe poi fatto individuare ad occhio la struttura del libro. Ad ogni pittrice un tratto del carattere che la contraddistingue: “Coraggio” per Artemisia Gentileschi, “Passione”per Frida Kahlo, “Irrequietezza” per Berthe Morisot, e così via.
Grazie a questo libro ho conosciuto artiste che non avevo mai sentito prima nominare, né ho mai studiato, a parte la Gentileschi e la Khalo: a scuola l’arte, la letteratura che studiamo, e non solo, tranne che per l’età contemporanea, passa sotto silenzio il nome di grandi donne dal talento che non aveva nulla da invidiare a quello degli uomini.
Come diceva Virginia Woolf in “Una stanza tutta per sé”, se una donna avesse avuto il genio di Shakespeare sarebbe stata derisa, avrebbe trovato ostacoli invalicabili per affermare il suo genio, senza un uomo in società avrebbe fatto una fine miseranda e poco onorevole, finendo probabilmente suicida in un fiume. Il genio ha bisogno di trovare sfogo altrimenti per una donna è una doppia condanna.
Una delle artiste di cui ho letto volentieri e con ammirazione la biografia è stata Artemisia, violata dall’aiutante del padre, costretta a sposare il suo stupratore e imparare le cose del mondo e il “posto” delle donne sin da bambina:

“Era quello il mondo brutale dei maschi che Artemisia aveva imparato a conoscere sin da bambina (…) . Erano uomini che parlavano del sesso cosiddetto “gentile” con prepotente oscenità e dei rapporti con le femmine con una volgarità arrogante, e poi dipingevano bellissime madonne, sante umanamente sofferenti e splendide e gloriose eroine dell’antichità (…) . Gli angeli del turpe Caravaggio erano figure gentili, a volte danzanti (…).

A ventisette anni, coraggiosa e ribelle, è già un’artista affermata. Ma anche la Vigée Le Brun, sottile delicata per cui “ dipingere e vivere sempre state una stessa parola”, la sofferente e bella e certamente più famosa Frida Kahlo, consumata dall’amore per il marito dongiovanni Diego Rivera e dal desiderio mai realizzato di diventare madre. L’amore segreto e magico della Morisot e di Manet, la storia di Suzanne Valadon, figlia bastarda di una serva che da modella diventa lei stessa pittrice, una donna che “ha raccontato la sua verità di donna e ha raccontato le donne, il loro corpo,la loro intimità in un modo nuovo, diverso dalla tradizione”.

Una lettura interessante, adatta a tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a tutti, soprattutto a chi ama l’arte e la storia delle donne.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La malalegna
Come vento cucito alla terra
La fortuna
La scelta
La tigre di Noto
L'alta fantasia
Le disobbedienti
L'amante del doge
L'inverno del pesco in fiore
Trema la notte
Il cielo sbagliato
La malinconia dei Crusich
Archimede. Il matematico che sfidò Roma
Di luce propria
La banda degli uomini
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio