Narrativa italiana Romanzi Vento scomposto
 

Vento scomposto Vento scomposto

Vento scomposto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Steve Booth è un professionista severo e riservato: con il suo team si occupa di diritto di famiglia, infanzia abbandonata e ogni sorta di abuso. E quando un amico gli sottopone il caso del merchant banker Mike Pitt, accusato di aver abusato della figlia Lucy di quattro anni, Steve accetta con riluttanza.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.3  (7)
Contenuto 
 
3.9  (7)
Piacevolezza 
 
3.4  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Vento scomposto 2014-11-26 11:04:05 Beverly987
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Beverly987 Opinione inserita da Beverly987    26 Novembre, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Società scomposta

Vento Scomposto mi è piaciuto tantissimo e mi ha fatto riflettere. Avevo qualche riserva perché, da giurista, temevo di non riuscire a staccare con il lavoro, invece mi ha sorpreso. Il romanzo tratta un caso giudiziario inglese e i temi sono molto interessanti: l'abuso di minore, il ruolo degli assistenti sociali in queste vicende e quello dei medici. Lo stile è scorrevole e l'attenzione è sempre mantenuta viva, in un continuo oscillare tra colpevolezza e non colpevolezza. I personaggi sono stati ben delineati, persone diverse tra loro, con vite e caratteri peculiari che finiscono inevitabilmente per incidere sulla trama. L'autrice ha inoltre colto l'occasione per presentare uno spezzato di società molto interessante, non solo londinese. Lo stile è secco, frasi brevi, rapidi cambi di scenario, inizialmente mi ha spiazzata un po', ma una volta fatta l'abitudine sono stata completamente rapita dal ritmo delle pagine e l'ho divorato. Consente di soffermarsi a pensare sugli imprevisti della vita, quelli che non possiamo controllare, e sulle lacune del sistema giudiziario, anzi, meglio, sulle lacune di noi esseri umani in quanto tali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama le materie giuridiche e psicologiche...ma anche a chi desidera leggere un ottimo romanzo!
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Vento scomposto 2010-05-19 15:59:16 Dilo
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Dilo Opinione inserita da Dilo    19 Mag, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vento scomposto

Per chi ha letto i libri della Horby comincio con il dire che questo tratta argomenti completamente diversi e anche l'ambiantazione è diversa. Si passa da un'isola all'altra, dalla Sicilia alla Gran Bretagna. E' un bel libro, non bisogna farsi spaventare dalle 400 pagine perché scorrono via che è un piacere.
Il racconto è pieno di particolari e anche le storie che ruotano intorno alla vicenda dei Pitt alla fine hanno un loro perché. Lo consiglio perché invita alla riflessione su problemi che fanno sempre più parte del quotidiano, problemi come la pedofilia, la giustizia, donne picchiate ed epoca del dubbio.
Mi raccomando attenti ai particolari

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
lo consiglierei a persone che lavorano con i minori dagli avvocati, agli assistenti sociali passando per gli psicologi
Trovi utile questa opinione? 
42
Segnala questa recensione ad un moderatore
Vento scomposto 2010-01-14 16:27:51 grazia riva
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
grazia riva Opinione inserita da grazia riva    14 Gennaio, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

La legge ostacola la verità

Un libro che a volte può sembrare complicato perchè è difficile raccontare le bizzarrie e le tortuosità della psiche umana. I difficili rapporti tra istituzioni e le persone; soprattutto se si tratta di problemi emotivi, come le molestie e gli abusi sessuali sui minori, ogni soggetto parte in causa della vicenda, psicologi, assistenti sociali, insegnanti, legali, parenti, devono lottare con le loro paure più recondite e gli spettri della loro mente, con i propri traumi, i propri ricordi e i propri pregiudizi.
E così la rincorsa verso la verità si appanna, si ammanta di lati oscuri o inesistenti, di accuse e significati mostruosi; oppure non permette di avere gli occhi ben aperti sulle atrocità commesse.
Di tutto ciò ne fanno le spese naturalmente le vittime: i bimbi e gli adulti se innocenti. Alla fine la verità, in questo caso, verrà a galla: ma a quale prezzo? E se la prossima volta non ci fosse nemmeno un finale che scagioni gli innocenti?
Intrigante e scritto benissimo.
Ma non per tutti: è consigliato a chi ama addentrarsi nella psiche umana, a volte contorta e sofferente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama storie "vere", a chi sa apprezzare le tortuosità dell'animo umano. A chi sa quanto la legge assomigli a noi uomini: non è quasi mai giusta e tantomento perfetta.
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Vento scomposto 2009-10-21 17:53:58 Ilovebook
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Ilovebook    21 Ottobre, 2009

da leggere

Libro molto curato nella trama e nei particolari, assolutamente da leggere se si hanno interessi in campo giuridico e sociale, mostra come a volte la eccessiva diligenza di scuola/servizi sociali puo` alterare e quasi distruggere l`esistenza di un nucleo familiare, ma anche come il confine tra verita` giuridica e realta` sia spesso labile e di complessa individuazione. assolutamente diverso dagli altri testi dell`autrice, probabilmente in parte paragonabile solo alla "tensione" (seppur diversa) della Mennulara nell`arrivare a scoprire la fine della storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altri libri tratti da storie vere o di cronaca.
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Vento scomposto 2009-04-20 18:18:46 Arcangela Cammalleri
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Arcangela Cammalleri Opinione inserita da Arcangela Cammalleri    20 Aprile, 2009
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vento scomposto di Simonetta Agnello Hornby

Nei ringraziamenti l’autrice dichiara di aver scritto il romanzo prima in inglese e dopo in italiano; la traduzione in italiano non è stata una mera traduzione, ha dovuto reinventare il tono, il passo, il ritmo della storia, dichiara il suo sforzo per rispettare in entrambe le lingue, l’anima intrinseca, l’armonia del linguaggio, la pertinenza del lessico. Un lavoro di cesello e di consulenza psichiatrica.

Nello scrivere questo romanzo ha attinto alla sua esperienza di avvocato, di docente universitario e di giudice.

Nella nota introduttiva, l’autrice ci informa che il Children’s Act del 1989 ha rivoluzionato il sistema legale inglese: il minore ha diritto a un suo tutore legale e a un avvocato a spese dello stato, come i suoi genitori, con lo scopo di sostenere le famiglie e tutelare i minori. Ma negli ultimi 20 anni molte inchieste pubbliche su tragedie causate dall’inefficienza dei servizi sociali, dovute al pesante intervento dello stato sugli organismi di controllo, all’assunzione da parte degli organici dei servizi sociali di personale di agenzie o proveniente dall’estero, inesperto e al ricorso di perizie di psichiatri infantili in situazione che nulla hanno a che fare con la malattia mentale di un minore, hanno sconvolto il pubblico inglese. “Troppi assistenti sociali sono incompetenti e arroganti, troppe famiglie di utenti sono considerati alla stregua di oggetti e non come persone, troppi periti godono di un senso di impunità, al riparo come sono del giudizio pubblico, in quanto i procedimenti sui minori avvengono a porte chiuse per proteggere il minore. E, tristemente, troppe volte la voce del minore rimane inascoltata”.

Con questa premessa inizia l’odissea legale della famiglia Pitt. Vivono a Londra, nel quartiere elegante di Kensington, Mike che lavora alla City come merchant banker, Jenny, consulente di una prestigiosa catena di negozi e le due figlie, in età scolare, Amy e Lucy. In questa, dorata, vita alto-borghese, la calma apparente di questa famiglia viene sovvertita dai sospetti della maestra d’asilo di Lucy che ravvisa nei disegni della bambina segnali di abusi sessuali da parte del padre.

Inizia un periodo nero per Mike e la moglie; vengono interrogati, controllati e passati al vaglio dai servizi sociali, i quali nella loro miope ostinazione innescano un meccanismo tortuoso che trascinano i due coniugi in un incubo che sembra non finire. Per uscire da questo labirinto di accuse ed infamie, Mike si affida all’assistenza legale di Steve Booth, avvocato specializzato in diritto di famiglia che lavora per una clientela disagiata e multietnica di Brixton.

Questo romanzo è completamente diverso dalle prime tre opere della scrittrice, dalla Sicilia con passione in affreschi di famiglia e storie di donne dal passato misterioso all’Inghilterra di oggi, in un contesto forense e di dibattimenti giuridici; storia di costume e inchiesta sociale si frappongono e rilevano le competenze precipue dell’Agnello Hornby, la quale si muove su un terreno usuale con stile e perizia specifica. Si alternano gli ambienti alto-borghesi e i quartieri di periferia, le aule di tribunale e i luoghi cittadini quali mercati, giardini. Il romanzo è costruito sulle esperienze di giurista dell’autrice, attinge ad un materiale sociale e umano che conosce nei loro intimi conflitti famigliari. E’ l’occhio dell’esperto quello che si compenetra in questa umanità in bilico tra innocenza e colpevolezza, è l’osservatorio privilegiato della giustizia che si basa su prove, ma anche su pregiudizi, sospetti o intuizioni fuorvianti, è lo stile specialistico scevro da architetture metaforiche e soluzioni linguistiche fantasiose e permeate da molteplici variazioni. Ne risulta una storia fredda non particolarmente ricca di patos e tensione, i frammenti di vite rappresentati sono ridotti a clienti con cui non solidarizzare, ma piuttosto risolverne tecnicamente le problematiche. Non traspare l’anima della scrittrice, ma la competenza disciplinare e il distacco professionale di chi opera in uno specifico settore. Simonetta nella trilogia precedente aveva abituato noi lettori a storie insaporite da un linguaggio duttile, ricco di sfumature, laddove la libertà espressiva coglie l’ineffabile, l’immanenza dell’esistenza senza la presunzione di decretarne il valore di verità; ma in questa opera prevale l’oggettività dei fatti, la necessità di regolare la molteplicità degli eventi, quando sono alterati dalla fallacità e dalla vulnerabilità umane.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri d'inchieste giudiziarie e di dibattimenti forensi.
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Vento scomposto 2009-04-10 10:20:57 gracy
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
gracy Opinione inserita da gracy    10 Aprile, 2009
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

vento...pesante

Il libro è suddiviso in piccoli capitoli, succinti e dispersivi, attorno alla storia dei Pitt tanti drammi satelliti mai esasperanti malgrado le tematiche scottanti (pedofilia, incesti, violenze familiari in genere). La scrittrice è stata troppo fredda, troppo "inglese",ha narrato le storie in un linguaggio molto "tecnico", pur tuttavia ha fatto capire che il mondo dei minori è molto delicato e suscettibile ad errori anche irreversibili.Comunque, consiglio la lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
letteratura forense
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Vento scomposto 2009-03-04 19:11:17 kabubi81
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
kabubi81 Opinione inserita da kabubi81    04 Marzo, 2009
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un po' "faticoso"...

Sì, dico "faticoso" perchè i molti personaggi e i dettagli sul funzionamento delle pratiche giuridiche rendono il tutto un po' pesante e poco scorrevole, anche se la storia è interessante e il dubbio sulla colpevolezza del padre si dipana solo alla fine... Comunque speravo meglio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri