Narrativa straniera Fantascienza Artemis. La prima città sulla luna
 

Artemis. La prima città sulla luna Artemis. La prima città sulla luna

Artemis. La prima città sulla luna

Letteratura straniera

Autore

Editore

Casa editrice


Jazz Bashara è una criminale. O qualcosa di molto simile. La vita su Artemis – la prima città costruita sulla Luna – può essere davvero difficile a meno di non essere molto ricchi. Ma Jazz non ha un sostanzioso conto in banca e si deve barcamenare tra piccole truffe e affari di contrabbando, visto che con il suo stipendio ufficiale riesce a malapena a pagare l’affitto. Per di più, ha dei progetti ambiziosi e per realizzarli le serve del denaro. Un bel po’ di denaro. Così, quando le si presenta l’opportunità di mettere a segno un grosso colpo che le consentirebbe di sistemarsi una volta per tutte, Jazz, nonostante gli evidenti rischi, decide di non tirarsi indietro. La ricompensa è una cifra da capogiro, ma l’impresa si rivela più pericolosa del previsto e lei si ritrova invischiata in una spirale di intrighi e cospirazioni letali. E a quel punto la sua unica possibilità di salvezza sarà rischiare il tutto per tutto, ben sapendo che in gioco non ci sono solo i suoi sogni di riscatto, ma il destino stesso di Artemis…

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Artemis. La prima città sulla luna 2018-08-24 10:54:33 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    24 Agosto, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Crimini e misfatti lunari

Jasmine Bashara è una giovane donna, intelligente, esuberante e intraprendente che cerca di farsi strada nella vita e, in particolare, di diventare ricca per potersi concedere tutti gli agi che, per ora, può solo sognare. Sin qui non ci sarebbe nulla di strano se Jasmine, che tutti chiamano Jazz, non fosse una delle poche artemisiane, ovvero una delle cittadine residenti ad Artemis, la prima città sulla Luna. Chiamarla città è un po’ esagerato, visto che si tratta solo di uno striminzito habitat sotto cinque “bolle” di alluminio che, tra piani sopra e sotto il suolo, riesce a contenere, al massimo, un paio di migliaia di persone. L’economia artemisiana si basa su due proventi principali: il turismo (sono molti i terrestri che sognano di dare una sbirciatina da vicino al luogo, musealizzato, ove atterrò l’Apollo 11) e la produzione di alluminio. Quest’ultima fonte di reddito, però, è in forte contrazione, giacché dopo la costruzione delle bolle, la domanda è parecchio calata. Jazz, dopo aver rotto con il padre, uno dei saldatori più esperti di Artemis, s’è messa a fare il corriere, consegnando la merce che giunge periodicamente sulla Luna ai clienti che l’hanno ordinata. In realtà i suoi introiti sono ampiamente rimpinguati dal contrabbando di tutti quei beni dei quali, per ragioni di sicurezza, è bandita l’importazione ad Artemis: liquidi infiammabili, come le bevande alcoliche o il combustibile per accendisigari (e, quindi, anche sigarette, tabacco e, ovviamente, hashish), materie plastiche o chimiche pericolose, etc.. Ma, anche con questa sostanziosa integrazione, gli incassi sono pochi ed è difficile tirare avanti, figuriamoci raggiungere la somma che la ragazza si è prefissa per la propria “tranquillità economica”. Ciò almeno sino a quando uno dei suoi migliori clienti, il ricchissimo industriale Trond, non le offre la bellezza di un milione di slug (la pseudo-valuta locale; al cambio, sei slug valgono un dollaro) per sabotare la fabbrica di alluminio che lui vorrebbe acquisire. L’impresa è pressoché impossibile, ma Jazz è piena di iniziative e sembra potercela fare. Purtroppo la ragazza non sa che al “gioco”, davvero grosso, partecipano anche molti altri soggetti, decisamente poco raccomandabili: dal momento in cui accetterà la proposta la sua vita sarà costantemente in pericolo.
Dopo “Il Sopravvissuto - Il Marziano” Weir si cimenta nuovamente con un romanzo di anticipazione, questa volta con i ritmi del racconto d’azione e del thriller ad alta tensione.
Ho volutamente usato l’accezione “di anticipazione”, invece che “di fantascienza”, poiché l’A., anche in questo caso, ci trasporta in un futuro assai prossimo (seconda metà di questo secolo) ed ogni circostanza, ogni “invenzione” utilizzata nel romanzo, è scientificamente corretta e correttamente giustificata sulla base delle odierne conoscenze. La stessa città lunare di Artemis non differisce di molto di quello che potrebbe essere o sarà, nei prossimi decenni, il primo stanziamento umano sul nostro satellite. Quindi l’ambientazione e le situazioni descritte sono altamente credibili e non richiedono alcuna sospensione della innata incredulità come avviene nella tipica della fantascienza classica, ma, anzi, consentono una agevole immedesimazione.
Ne è risultato, così, un romanzo molto gradevole ed accattivante che trascina il lettore con l’incalzare sempre più frenetico delle vicende, sino ad una conclusione non del tutto prevedibile.
Mi è piaciuto particolarmente lo stile narrativo utilizzato. Come nella sua opera prima Weir, fa raccontare la storia in presa diretta da Jazz personalmente. Lei usa un linguaggio giustamente spiccio e scabro, che potrebbe essere definito da “strada” (se su Artemis esistessero le strade e non solo stretti corridoi nei quali passa a stento una golf-car, unico mezzo ruotato ammesso, o, addirittura, una persona di media corporatura) poiché lei è una ragazza della strada, cocciuta e ribelle, cresciuta in un ambiente duro e difficile. Ama esprimersi, quindi, in modo diretto usando, spesso, un fare da “maschiaccio” per nascondere la sua fragilità.
I dialoghi sono divertenti e briosi, anche nei momenti di massima tensione ed i personaggi, molto ben riusciti e credibili.
In definitiva “Artemis” è una piacevole lettura; perfetta per passare qualche ora distensiva e senza pensieri.
Concludo con un paio di osservazioni degne della rubrica “L’eco del pignolo” e con una tiratina d’orecchie alla traduttrice.
Il termine silicone, in italiano, è usato solo per definire i composti polimerici inorganici della catena silicio-ossigeno e non per l’elemento chimico silicio (Si) che, solo in inglese, è chiamato silicon. Il vetro, quindi, si produce col silicio. E’ improponibile sintetizzarlo dal silicone.
Inoltre l’ossigeno non è un combustibile, ma un comburente, cioè un elemento che, favorendo l’ossigenazione, consente di tener vivo il processo di combustione.
Un po’ più di attenzione alla chimica non avrebbe guastato, visto che il romanzo si appoggia grandemente sui ragionamenti scientifici.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... il precedente "Il Marziano" e, in genere, a chi ama la fantascienza intelligente e ben documentata; tenendo comunque presente che è un romanzo di pura evasione.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Artemis. La prima città sulla luna 2018-01-15 09:13:49 Mian88
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    15 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Artemis

La vita su Artemis è molto costosa, Jazz Bashara, che vi risiede sin dall’età dei sei anni, lo sa molto bene. Per sopravvivere e poter realizzare il suo sogno, quindi, non può accontentarsi del lavoro di corriere. Deve arrotondare, e quale miglior modo se non quello di dedicarsi al contrabbando? Fino a qui, la realtà della protagonista scorre rapida in quel labile confine tra legalità e illegalità, tra alti e bassi, fallimenti – quali quelli di non riuscire a diventare un EVA – e piccole gratificazioni. Qualcosa però è in agguato ed è in attesa di modificare interamente la sua vita. Una proposta, un incarico che immediatamente percepisce essere pericoloso, che sa benissimo essere illecito ma che per un milione di slug certamente non può rifiutare. E come potrebbe? Non può continuare a vivere in quella che lei definisce una “bara” senza nemmeno un bagno privato di cui servirsi, non può continuare a rimandare il suo progetto per la persistente e costante penuria di denaro. Ha inizio così l’avventura di questa giovane ragazza che si ritroverà invischiata in cospirazioni e intrighi letali.
Dopo il successo de “Sopravvissuto. The martian – L’uomo di marte “ Andy Weir torna in libreria con un elaborato che devo confessare non riesce a convincere. La lettura è rapida perché caratterizzata da uno stile narrativo fluido ma disturbante perché tutt’altro che erudito, perché poco curato dal punto di vista formale e persino caratterizzato dall’utilizzo spropositato di espressioni gergali e di parolacce. Al tutto si somma una trama scontata con una protagonista che stanca e che fa storcere il naso a più riprese, un’eroina che non si innova né evolve e che è contornata da una serie di altre figure scarne e indefinite.
Di conseguenza, lo scritto va avanti ma non conquista. Non sono solita paragonare i testi dei singoli autori, ma in questo caso ho riscontrato un calo significativo rispetto a quella precedente pubblicazione che mi aveva appassionato e fatto divertire. Mentre con “The martian” ho riso a crepapelle e le vicende mi hanno catturata dall’inizio alla fine senza remore e senza indugi, con “Artemis. La prima città sulla Luna” le titubanze sono state proporzionalmente maggiori rispetto che al contenuto e allo svolgimento. Peccato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La follia Mazzarino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri