Narrativa straniera Fantascienza Il secondo libro dei robot
 

Il secondo libro dei robot Il secondo libro dei robot

Il secondo libro dei robot

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Dopo la celeberrima antologia "Io, robot" del 1950, cardine della storia della fantascienza, Asimov pubblicò una secondo raccolta di racconti dedicati al mondo delle intelligenze artificiali, tema che ha sempre stimolato la sua fantasia. Fondati su un'accuratissima base scientifica, i racconti di Asimov vivono di una sottile ironia, ma anche di un'acuta analisi del progresso tecnologico di cui l'autore, pur affascinato, non esita a mostrare l'inquietante rovescio. Protagonisti sono ancora una volta quei "mostri" di metallo così simili all'uomo grazie ai quali il più prolifico e famoso scrittore di fantascienza di tutti i tempi riesce a svelarci molti lati della nostra bizzarra natura. Ma soprattutto ci regala una serie di stupende storie che sanno essere di volta in volta inquietanti, commoventi e divertenti.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il secondo libro dei robot 2015-10-18 21:18:04 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    18 Ottobre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Metallo ed emozioni

Con la prima raccolta di racconti sui robot (datata 1950 ed intitolata “Io, robot”), Isaac Asimov inaugurava all'epoca una visione in controtendenza: rispetto ad una fantascienza fatta di pericolosi invasori di metallo o comunque di bellicosi mostri meccanici, egli proponeva macchine fabbricate dall'uomo semplicemente per servirlo.
Robot vincolati dai loro creatori – gli scienziati della U.S. Robots and Mechanical Men Corporation – alle famosissime “Tre leggi della robotica”:
1. Un robot non può recare danno ad un essere umano, né permettere che, a causa della propria negligenza, un essere umano subisca danno;
2. Un robot deve sempre obbedire agli ordini degli esseri umani, a meno che contrastino con la Prima Legge;
3. Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché questo non contrasti con la Prima o la Seconda Legge.
In quel primo libro – oggetto di una recente trasposizione cinematografica interpretata da Will Smith – il “gioco” di Asimov era di verificare l'applicazione delle suddette leggi in nove situazioni-limite che diventavano appassionanti esercizi logici proposti ai lettori.

Ne “Il secondo libro dei robot”, Asimov riprende lo stesso schema in otto racconti e, per la metà di essi, la stessa protagonista umana: la dottoressa Susan Calvin, specializzata nel decifrare la psicologia dei robot e dei loro cervelli positronici.
In realtà, le prime quattro storie fungono da introduzione al mondo futuristico ideato dalla scienziato e scritture naturalizzato statunitense. “Al-76”, in particolare, è la narrazione di un divertente paradosso: quello di un robot programmato per svolgere un compito sulla Luna e che, liberato per errore sulla Terra (che non riconosce), è determinato comunque a compiere la sua missione tecnica. Tra i primi racconti spicca anche “Se saremo uniti”, rilettura della guerra fredda come minacciosa corsa alla progettazione di umanoidi da parte delle superpotenze Usa e Urss.
Nella seconda metà del libro entra in scena Susan Calvin, la donna frustrata e poco attraente che si dimostra geniale quando si tratta di interpretare il comportamento robotico in funzione delle Tre leggi: ogni apparente condotta “deviata” è spiegabile alla luce delle stesse.
Stavolta però, a differenza del primo libro, ad essere privilegiata non è l'interpretazione logica nell'applicazione delle Tre leggi bensì il “corto circuito” creato da emozioni e sentimenti. Per imprevedibili difetti di fabbricazione, per scherzo del caso o per l'esigenza di assecondare quanto più possibile i desideri umani, si assiste all'esistenza di un robot bambino, allo scontro tra un professore universitario e un robot correttore di bozze, e così via.
Mentre “Io, robot” si incentrava sulle implicazioni, spesso imprevedibili, delle leggi innestate dall'uomo nel nucleo costitutivo di ciascun robot, è evidente come questo secondo libro verta sul dualismo tra uomini e robot , sul conflitto interiore di una umanità combattuta tra la paura di ciò che è diverso e la tentazione di antropomorfizzare ogni forma di vita (anche artificiale).
Alla fine, pur restando godibile (specie nei racconti citati), “Il secondo libro dei robot” appare meno omogeneo del primo e forse, per questo, meno coinvolgente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Asimov (che nel genere fantascienza è un unicum).
Trovi utile questa opinione? 
211
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri