Narrativa straniera Fantascienza Witch & Wizard. Il fuoco
 

Witch & Wizard. Il fuoco Witch & Wizard. Il fuoco

Witch & Wizard. Il fuoco

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

In un mondo dominato dal Nuovo Ordine, il regime autoritario che ha abrogato le leggi democratiche e proibito qualsiasi forma di libertà, due ragazzi lottano per la propria sopravvivenza e per la salvezza dell'umanità intera. Hanno combattuto con coraggio, ma hanno fallito. Nel giro di pochi giorni, Whit e Wisty Allgood sono stati costretti ad assistere all'esecuzione dei genitori e all'arresto di tutti i membri della Resistenza. Ed è solo l'inizio. Perché una nuova minaccia grava su di loro, ancor più pericolosa e sfuggente: la Peste del Sangue, un'epidemia letale che in pochissimo tempo si è diffusa a macchia d'olio in tutta la città. E Wisty è stata contagiata. Disperato, Whit non ha altra scelta se non quella di andare alla ricerca di un incantesimo abbastanza potente da guarire la sorella.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
1.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Witch & Wizard. Il fuoco 2015-05-01 12:28:00 Bruno Elpis
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    01 Mag, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il troppo stroppia o storpia?

Per me James Patterson è principalmente l’autore dei gialli truci che hanno per protagonista il profiler Alex Cross e dei rosa-legal che ruotano intorno alle donne del club omicidi. Con curiosità ho voluto fare un salto anche nella sua nuova serie fantasy-distopica, della quale “Il fuoco” costituisce la terza puntata.

La mia curiosità è stata castigata da un romanzo che non decolla: né originale, né accattivante, il libro non ha saputo coinvolgermi.
Troppo scontata nei cliché e nell’atmosfera distopica, la storia vive sui due personaggi dotati di poteri magici che cercano di contrastare il clima di terrore seminato da un despota malefico (“Con un colpetto del dito, l’Unico può incenerire ogni bimbo che vede”) e dai suoi gerarchi, impegnati a praticare l’arte della repressione violenta avvalendosi delle tecniche che già resero tristemente celebre l’Inquisizione (“I militari del regime del Nuovo Ordine continuano a brutalizzare la cittadinanza”).
Mentre la peste dilaga, Witch soccorre la sorella Wisty colpita dal morbo, cercando di ripristinare l’abilità che la caratterizza (“Wisty mi fa l’occhiolino… Quando si tratta di trasformare i corpi, i roditori sono la sua specialità”); i due fuggiaschi vengono aiutati da una famiglia (“I Neederman sembrano scomparsi e al loro posto c’è un branco di topi scatenati che si disperde in tutte le direzioni”) che appartiene alla Resistenza opposta al nuovo ordine.

L’unico valore aggiunto di questa lettura è un approfondimento che mi ha ispirato la scelta del titolo del presente commento, che ha per soggetto il presenzialismo parossistico degli scrittori “che vendono”: si dice “Il troppo stroppia o il troppo storpia?”.
L’Accademia della Crusca risponde: entrambi! “Il verbo stroppiare è la variante popolare di storpiare. Tutti i vocabolari dell’italiano contemporaneo, infatti, mettono a lemma la voce storpiare e segnalano stroppiare come variante popolare con metàtesi, che è il fenomeno fonetico per cui uno o più suoni possono cambiare posizione all’interno di una parola (particolarmente frequente in presenza di una laterale /l/ o di una vibrante /r/, come ad esempio frumento > furmento ecc.).”
E allora, forte di questa consapevolezza etimologica, dico a Patterson che il troppo stroppia o storpia, decida un po' lui!

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri