Narrativa straniera Letteratura rosa Cancella il giorno che mi hai incontrato
 

Cancella il giorno che mi hai incontrato Cancella il giorno che mi hai incontrato

Cancella il giorno che mi hai incontrato

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Anni fa, alla scuola di recitazione, tra loro sono state scintille. Lei era la brava ragazza. Lui il bad boy del campus. Ma recitando Romeo e Giulietta insieme si sono trovati e amati. Sembravano destinati a stare insieme, proprio come i personaggi che impersonavano. Fino a che Ethan ha tradito la fiducia di Cassie e le ha spezzato il cuore. Sono passati cinque anni, e di nuovo, senza saperlo, si trovano insieme a mettere in scena Romeo e Giulietta. Costretti a confrontarsi con il passato, dovranno fare i conti anche con il fatto che insieme fanno ancora scintille.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (4)
Contenuto 
 
3.3  (4)
Piacevolezza 
 
3.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cancella il giorno che mi hai incontrato 2017-06-03 20:27:28 Sandra Maggiore
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Sandra Maggiore Opinione inserita da Sandra Maggiore    03 Giugno, 2017
  -   Guarda tutte le mie opinioni

TEATRO A LUCI ROSSE

Leisa Rayven, Cancella il giorno che mi hai incontrato. Titolo scontato, ma interessante.
Ho trovato questo libro sostanzioso nella mia adorata biblioteca di fiducia. A volte, quando sono indecisa se inserire o meno un romanzo nella mia lista di prossimi acquisti, vado in biblioteca. Non sempre trovo quello che cerco, ma in questo caso è stato più un tentativo a mente leggera che un obiettivo mirato.
Allora, partiamo da ciò che mi è piaciuto. Lo stile di Leisa Rayven è maturo, interessante, scorrevole. Non c’è confusione tra passato e presente. I protagonisti “prima” e “dopo” sono ben scissi e riconoscibili. Il teatro è un luogo di lavoro coinvolgente e affascinante, perfetta ambientazione per un romanzo rosa. Ci sono tensione, duro impegno individuale, ostacoli da superare e chimica tra colleghi da far emergere. Quale fanbook o fanmovie o fanfictioniana non si è mai sentita attratta dall’idea di recitare, o comunque lavorare, fianco a fianco con una star? Quindi, ribadisco, ambientazione ideale.
Ora, arriviamo ai punti che mi sono piaciuti di meno. La protagonista, Cassandra Taylor, è troppo ossessionata dal sesso. Non importa tanto che sia vergine ed ormonalmente frustrata, questo è comprensibile data la sua giovane età e la sua inesperienza. Tuttavia, la mano è troppo calcata sul fabbisogno fisico. Sembra quasi che il teatro e lo spettacolo in sé siano solamente lo sfondo di questa prima necessità, perciò scompaiono, così come il tema stesso.
Preciso subito che leggo i romanzi erotici (anche se non rientrano fra le mie categorie preferite), e che perciò conosco il genere. In questo libro il sesso non è espresso in modo esplicito o addirittura volgare, per cui non può essere classificato come un romanzo erotico. Allo stesso tempo, però, non è neppure un rosa, poiché la questione principale rimane il sesso, non tanto l’amore tra i due protagonisti. Direi che è un ibrido fra i due generi, ecco, una sottocategoria.
Spiccano i due personaggi principali, Ethan Holt e Cassandra Taylor, e la loro straordinaria e incontenibile chimica sessuale. Tutti gli altri personaggi sono comparse, non fanno veramente parte della storia, e ruotano intorno a loro con un flusso a dir poco artificioso. Com’è possibile che siano tutti interessati al loro rapporto? Al fatto che vadano a letto insieme oppure no? Non hanno una loro storyline, un proprio spazio personale all’interno delle pagine, per cui il libro pare tanto un banco di nebbia che ha per punti fissi solo Ethan e Cassandra. Potrebbe rivelarsi positivo, per alcuni lettori. Personalmente mi è parso poco realistico.
Vi è una complessità apparente riguardo il personaggio di Ethan Holt. Bello e dannato, ferito e chiuso, spinto ad aprirsi e a lasciarsi trascinare dalla passione di una Cassandra vogliosa. Ma per quale motivo? Semplice, SESSO. Lei lo desidera, lo trova irresistibile. Il sentimento è reciproco. Ma Ethan è restio a lasciarsi andare. Perciò le nega il rapporto fisico completo fino alla fine del libro. Benché gli orgasmi ci siano. Poveri di contenuto, ma ci sono.
Non mi è piaciuto il fatto che l’unica cosa evidente sia la rispettiva attrazione fisica. C’è ben poco romanticismo, tante ammissioni lasciate a metà, un esagerato flirt interessato. La tipica alchimia che si viene a creare quando due persone vogliono disperatamente consumare un rapporto fisico, e l’unica cosa che le lega veramente è quel desiderio travolgente.
Primo importante dettaglio: Ethan l’abbandona dopo averci fatto sesso. Una cosa che lei non è mai riuscita a perdonargli. È comprensibile. Questo errore gravita tra loro come un pianeta senza vita. Eppure, a parte il terrore atavico di essersi innamorato di lei, non viene spiegato per quale motivo se ne sia andato subito dopo averci fatto l’amore. Non è il tipico atteggiamento di qualcuno che ha ottenuto ciò che lo ha tenuto sveglio la notte per così tanto tempo? Un comportamento meschino? Un impulso soddisfatto e sedato? Mah.
Secondo dettaglio: Ethan si ammala, Cassandra si reca a casa sua per prendersene cura, la madre di Ethan gli telefona, risponde Cassandra, e subito si preoccupa di dirle che non sono andati a letto insieme? È una fissa, allora! Quale madre si sentirebbe a proprio agio nel sentirsi dire una cosa del genere dalla presunta fidanzata del proprio figlio? Io lo troverei inopportuno e mi sentirei a disagio.
Terzo dettaglio: nel capitolo numero 13 Ethan si presenta alla festa organizzata dopo la prima di Romeo e Giulietta ubriaco fradicio. Eppure, pochi minuti dopo, è inaspettatamente lucido, al punto da poter parlare serenamente di sentimenti con Cassie. Implausibile.
Quarto dettaglio: il personaggio che mi è piaciuto di più e che a suo modo ha avuto un po’ di spazio (pochissimo) è Eric, il compagno di Mark Fiori, il regista. Un profondo conoscitore della storia, amante dell’antiquariato. Davvero intrigante.
Quinto dettaglio: il lieto fine roseo mi è piaciuto. Anche se rispetto alla storia è stato stroncato un po’ troppo bruscamente, per non dire prematuramente.

Mi limito a constatare le incongruenze. Tutte le storie, anche quelle che non mi sono piaciute, mi hanno regalato qualcosa.

Lo consiglio, ma senza grosse aspettative.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Cancella il giorno che mi hai incontrato 2015-08-28 14:31:47 Valerina28
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerina28 Opinione inserita da Valerina28    28 Agosto, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

tragica e dolcissima allo stesso tempo

Sono una sentimentaleo. Se mi chiedere che cosa cerco in un bel libro io vi rispondo: "una storia d'amore travolgente che mi faccia piangere e che mi tolga il fiato". Ahimé, non sono molte, e si possono contare sulle dita di una mano quelle che mi hanno fatto emozionare seriamente. Ciò non significa che questo libro non mi abbia colpito. Quello di Leisa Rayven è un romanzo travolgente e passionale che non lascia scampo sin dalle primissime pagine; la storia d'amore tra i due protagonisti è complessa e singolare, tragica e dolcissima allo stesso tempo. Inutile sottolineare come il finale del libro lasci con un incredibile bisogno di avere il seguito al più presto.
La particolarità di "Bad Romeo" è che gli avvenimenti narrati nel libro si alternano tra il passato e il presente dei due protagonisti. Entrambi attori di spiccoe, Ethan e Cassie si trovano sul set della commedia romantica di Brodway che dovranno interpretare. Tra loro basta uno scambio di sguardi perché si sprigionino fuochi d'artificio, ma ciò non accade perché sono le vittime dell'ennesimo colpo di fulmine. I due hanno un passato assieme. Un passato che ancora li sconvolge, segnato da una passione così dirompente da essere insopportabile. Ma il lettore è del tutto ignaro del loro passato solleticando costantemente la sua curiosità. Mossa molto furba Leisa, ma anche una mossa molto crudele che ti fa innervosire ed infervorare, facendoti sentire l'unica persona a non sapere cosa sia successo nel loro passato.
Sei anni prima di questo incontro, la diciannovenne Cassie decise di abbandonare la strada sicura e piatta che i genitori avrebbero voluto intraprendesse, per iscriversi nella più prestigiosa scuola di teatro di New York. Lì pensava di trovare un sogno, ma non sapeva che si sarebbe imbattuta anche nell'amore. Quello vero e disarmante, quello che fa paura e lascia cicatrici.
Cassie aveva passato la vita a compiacere gli altri, fingendo di essere una persona che in realtà, non era. Tranne che con Holt, con lui riusciva ad essere se stessa e a sgretolare quel potente muro dell'insicurezza.
Holt. Ostinato, implacabile, bellissimo e senza cuore. E' il suo compagno di corso con cui sul palco formava una coppia insuperabile, con un'affinità che non ha precedenti, ma che non poteva infondere dietro le quinte.
Questo fino a che i due non sono stati scelti per interpretare i ruoli di Romeo e Giulietta.
Tra deliziosi tuffi nel passato e strazianti stralci del presente. Il romanzo racconta la storia di Ethan e Cassie: gli amanti dal destino beffardo, le anime gemelle che bruciano di desiderio e si scontrano continuamente in una perpetua lotta tra passione e ragione, tra sentimento e paura. Con un livello di sensualità che tocca le stelle e ti inebria. Da non perdere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cancella il giorno che mi hai incontrato 2015-04-12 23:52:48 Lady Aileen
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Lady Aileen Opinione inserita da Lady Aileen    13 Aprile, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Complicated Romeo

Cancella il giorno che mi hai incontrato è il primo volume di una serie new adult (per ora sono solo due) The Starcrossed series. I volumi sono strettamente collegati in quanto la storia tra i due protagonisti si dipana volume dopo volume.
Le vicende sono raccontate attraverso il punto di vista (l'unico) di Cassandra, un'attrice ormai affermata, che scopre di dover lavorare accanto all'attore Ethan, l'uomo che ha amato tanto in passato ma che alcuni anni addietro, senza una spiegazione apparente, l'ha lasciata. Da persona fiduciosa e solare, Cassandra si è trasformata in una donna cinica e refrattaria a legami profondi. Nonostante tutto, accetta di lavorare per dimostrare di essere forte ma prove dopo prove scoprirà ben altro...
La storia presenta un continuo alternare presente e passato, infatti, mentre nel presente il lettore cerca di capire se per i due protagonisti ci sia una seconda possibilità di tornare insieme, Cassandra decide di raccontare come è cominciata la sua storia d'amore attraverso il suo diario.
L'idea generale mi è piaciuta e l'autrice è decisamente molto brava nel descrivere quello che riguarda il mondo legato al teatro e agli attori (avendo esperienze in merito) ma non sono rimasta molto colpita dallo sviluppo della storia.
Il focus del libro è concentrato esclusivamente sui protagonisti e sulla loro relazione e tutto viene trattato in maniera lenta (è un continuo tira e molla e molte domande rimangono senza risposta nonostante il volume sia corposo).
Il finale non è esattamente dei più belli perché avviene in maniera tronca, se l'autrice non avesse deciso di scrivere un sequel, si potrebbe anche immaginare come finisce la storia.
Lo stile è scorrevole (forse un po' troppo numerosi i continui salti temporali) e semplice.
Il titolo inglese secondo me è un po' fuorviante perché non c'è alcun ragazzo dannato ma solo una persona complicata con un passato fatto di un tradimento e un abbandono. Invece Cassandra l'ho apprezzata più nel presente, nel passato sembrava avere troppo un chiodo fisso.
Carina come storia ma poteva essere sviluppata in un volume singolo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cancella il giorno che mi hai incontrato 2015-03-11 10:10:02 JuliettaFlabber
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
JuliettaFlabber Opinione inserita da JuliettaFlabber    11 Marzo, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

CTRL-ALT+CANC

Uffi..un libro tanto bello e non sapere da dove cominciare. ?

Ci sarebbero tante cose da dire su Cassandra Taylor e Ethan Holt. Attualmente attori di fama internazionale alle prese con la rappresentazione di una famosa commedia romantica. Ma c’è un sempre un prima… Cos’erano prima di diventare star internazionali??

Entrambi ex studenti del Grove Institute di Westchester che si incontrano e si scontrano per la prima volta alle audizioni per l’accesso all’istituto di recitazione. Tra loro viene riscontrata da subito una fortissima alchimia da palcoscenico. Infatti verranno presto scelti come protagonisti per la rappresentazione della recita di fine anno: Romeo e Giulietta, sarà proprio questa tragedia di Shakespeare a far crescere i protagonisti non solo come a attori ma come coppia. Nonostante le resistenze di lui, e le numerosissime (troppo numerose) dichiarazioni di lei riusciranno a cavarsela??

Il racconto è un’alternarsi di eventi, tra il (tormentato) passato e il (tormentatissimo) presente. Proprio per questo mi risulta ancora più difficile poter riassumere la storia senza rischiare di fare grossissimi SPOILER.

Quindi, dopo essermi arrovellata il cervello ed aver perso numerosi neuroni ci rinuncio. Mi limito a trasmettere il mio piccolo parere personale: Bella storia, nuova, nonostante l’idea di Romeo e Giulietta sia già stata sfruttata all’infinito.
Personalmente ammetto, di aver preferito il personaggio maschile a quello femminile perchè quest’ultimo è risultato troppo “carico” per i miei gusti. I sentimenti di Cassie sono stati esasperati. Ad un certo punto ho cominciato a credere fosse una maniaca..forse definirla maniaca è esagerato ma sicuramente è MOOOLTOOO frustrata!

Consiglio la lettura di questo bellissimo libro a tutti quelli che amano il romance e desiderano passare qualche ora con gli occhi a cuoricino!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri Young Adult e New Adult
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri