Narrativa straniera Letteratura rosa Marjorie Morningstar
 

Marjorie Morningstar Marjorie Morningstar

Marjorie Morningstar

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Diciannove anni, una cascata di ricci castani, grandi occhi azzurri e un sogno ambizioso: quello di non essere più una studentessa come tante nella New York degli anni '30, ma di diventare l’attrice più acclamata di Broadway. Mentre i genitori, che vivono in un lussuoso grattacielo con vista su Central Park, desiderano che la figlia si inserisca nei salotti più raffinati della città e sposi un buon partito, Marjorie disdegna i bei ragazzi facoltosi che la corteggiano, si iscrive a un corso di teatro e inizia a frequentare l’ambiente bohémien che dovrebbe portarla al successo. È così che incontra il carismatico Noel Airman, drammaturgo e compositore di scarsa fortuna, ma tanto affascinante quanto inaffidabile e sfuggente. Guidata dalla passione per Noel, Marjorie intraprenderà una strada tortuosa e incerta, che da New York la condurrà su una nave per Parigi, nel tentativo di ritrovare l’uomo che ama sopra ogni cosa e di dar vita finalmente ai suoi sogni... Romanzo di culto in America per generazioni, Marjorie Morningstar è una storia emozionante sull'ambizione, la ribellione e il grande amore.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Marjorie Morningstar 2018-12-02 10:21:03 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    02 Dicembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

sognando l'Amercia

Marjory è una sognatrice. Giovane donna ebrea americana degli anni ‘40 del 1900 è la classica persona che tiene il piede in due scarpe. Da un lato è legata alla famiglia, alle tradizioni che le ha insegnato la sua religione. E’ una brava ragazza, che desidera una famiglia e per quanto possibile compiacere i genitori. Dall’altro lato è un’artista modera e spregiudicata. Si barcamena tra il desiderio di diventare un’attrice famosa, modifica il suo nome in qualcosa di più esotico e accattivante, frequenta le famiglie “bene”, ma occhieggia gli artisti dissoluti. Nel 1955 Wouk: un uomo di cinquant’anni si cimenta con i desideri, gli errori e le scelte di una giovane donna dai diciassette fino a poco più di vent’anni. L’esperimento è riuscito abbastanza bene. Lo scrittore è riuscito a trattare con la delicatezza che solo una ragazzina può avere anche argomenti scomodi. Ne esce una figura di donna di base piuttosto ingenua e idealista, che fa le sue scelte nonostante non siano sempre razionali, accetta gli sbagli e alla fine prende decisioni sagge e ponderate. Lo stile del romanzo sente abbastanza la sua età e i temi trattati appaiono per noi fuori tempo. Mi è sembrata comunque una lettura gradevole, interessante spaccato della prima metà dello scorso secolo negli Stati Uniti. Una voglia di rivalsa e di modernità che un’Europa a cavallo di due guerre non si poteva permettere e non si sarebbe potuta permettere ancora per molto tempo si sente attraverso tutte le pagine. Allo stesso tempo si sente la difficoltà a mettere un piede nell’ignoto e ad approfondire quello che sta succedendo all’esterno. Dopotutto l’Europa e lontana e per la giovane Marjory la maggior difficoltà dell’essere ebrea resta quella di non poter mangiare le uova col prosciutto. La speranza che i giornali esagerino nella loro cronache d’oltreoceano aiuta a fare soni tranquilli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lazarus
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri