Narrativa straniera Narrativa per ragazzi Mentre noi restiamo qui
 

Mentre noi restiamo qui Mentre noi restiamo qui

Mentre noi restiamo qui

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Mentre i coraggiosi Prescelti - gli indie, con i capelli perfetti e i vestiti vintage - tentano di salvare il mondo dall'Apocalisse, in uno sperduto paesino di provincia Michael, un ragazzo normale che studia e che, al massimo, combatte contro la noia, ha desideri più semplici: per esempio riuscire a baciare Henna, di cui è innamorato da sempre, aiutare la sua problematica sorella Mei, e studiare per gli esami senza perdere l'amicizia con Jared, il migliore amico che sembra nascondergli più di un segreto. Tra apparizioni di daini dagli occhi illuminati d'azzurro, attacchi di zombie e misteriose morti dei Prescelti, Michael scoprirà che, anche se tutto attorno a lui sembra avvicinarsi alla catastrofe, le vite ordinarie come la sua possono rivelarsi le più straordinarie di tutte.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mentre noi restiamo qui 2020-05-11 08:32:36 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    11 Mag, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Di tutto, ma poco

"The Rest of Us Just Live Here" è un romanzo di formazione che prende di mira gli stereotipi del genere hurban fantasy mettendo al centro della narrazione i personaggi che solitamente si trovano sullo sfondo, mentre gli eroi (qui chiamati genericamente "indie kids") sono impegnati a salvare il mondo da minacce aliene e soprannaturali.

«He doesn't see us-the indie kids never really see us, not even when we're sitting next to them in class [...].»

La trama segue le ultime settimane di liceo per quattro amici, mentre la sottotrama fantasy ci narra dell'invasione ad opera dei malvagi Immortals; a differenza di ciò che mi sarei aspettata, le vite dei protagonisti si trovano spesso influenzate dall'altra storyline, dimostrando come spesso nelle storie fantastiche (siano essere raccontate nei libri o mostrate nei film e nelle serie TV) si tenda a dimenticare le morti o gli incidenti collaterali alle persone comuni.
Voce narrante della storia è il diciassettenne Michael "Mike" Mitchell, affetto da una forte ansia che sfocia in comportamenti ossessivi compulsivi: si trova bloccato in loop insensati a causa della tensione causata dalla prospettiva di dover lasciare ciò che conosce in termini di persone e luoghi per cominciare il percorso universitario. Sono rimasta positivamente colpita dal modo in cui la sua condizione viene affrontata, sia da lui che chiede aiuto agli amici e alla famiglia,

«"I know", I say. "I've been getting stuck in these kind of...loops lately and it's getting harder and harder to get out of them."
"Even when it's hurting you?"
"Even when I know it's stupid. [...] actually makes it worse."»

sia dalla madre che subito decide di mandarlo da un professionista fidato, sia dal medico che affianca alla terapia dei medicinali. Allo stesso modo, il disturbo alimentare della sorella "Melinda" Mel non viene trattato in modo superficiale, e risulta molto positivo per il target di riferimento come lei cerchi il supporto del fratello anziché nascondergli il problema.
Uno degli aspetti più positivo del romanzo è dato proprio dal modo diretto con cui vengono rappresentate molte minoranze e diversità, normalizzandole in modo educativo:

«Funny how you can forget that every family isn't like yours.»

Oltre ai due fratelli abbiamo Jared -ebreo e dichiaratamente gay- che vive solo con il padre, ed Henna -metà finlandese e metà afroamericana- impegnata a superare il lutto per la "scomparsa" del fratello. Nel complesso il gruppo dei protagonisti è davvero gradevole: mostrano un'ottima affinità tra loro e la comprensione reciproca gli permette di affrontare tutte le problematiche al meglio, anche nell'ottica del difficile mondo scolastico statunitense che viene spesso deriso da Mike.

«We're all college prep, so most of the hard work had to be done early enough to prove to colleges we'd be worth indebting ourselves forever to them.»

L'ironia del narratore riesce ad arricchire una narrazione altrimenti davvero piatta a livello stilistico, dal momento che le descrizione dei luoghi sono del tutto assenti e quelle dei personaggi abbastanza scarne; il sarcasmo con cui Mike si prende gioco di molte situazione paradossali, come la superficialità delle istituzioni religiose,

«There's a bunch of huge churches clustered together, trying to blend in with all the family-themed restaurants, because salvation is as easy as chicken wings, I guess.»

strappa un sorriso ed invita il giovane (in teoria) lettore a farsi qualche domanda sulla società in cui vive. Il senso dell'umorismo dell'autore si palesa anche nei brevi paragrafi a inizio capitolo in cui si riassumono in poche parole gli eventi riguardanti gli indie kids e la loro missione; Ness ne approfitta anche per deridere i molti cliché del genere hurban fantasy in particolare, e di gran parte della narrativa per ragazzi degli ultimi anni in generale:

«[...] then he tells her she's beautiful in her own special way and that's when she knows she can trust him; [...]»

Questo romanzo viene in parte sminuito da un finale molto conveniente, che chiude in modo affrettato le diverse sottotrame; positivo invece che si lasci aperta la vicenda principale, dal momento che riguarda le vite stesse dei protagonisti. Un altro elemento fastidioso è il tentativo di questi ultimi di fermare gli Immortals, seppur in modo blando, perché il lettore è portato a considerare poco quell'aspetto della storia e si confonde su a chi spetti combattere gli invasori.
Un aspetto non troppo negato a mio avviso, ma sicuramente da bocciare per chi ama stupirsi mentre legge un romanzo è l'eccessiva anticipazione degli eventi data dalla sovrapposizione tra la storia di Mike e amici e quella degli indie kids. Personalmente trovo ben più discutibile l'eccessivo numero di tematiche che l'autore inserisce nel testo, con il risultato che la maggior parte vengono affrontate solo in modo molto superficiale, come l'alcolismo nel caso del padre di Mel e Mike o lo stress nei bambini che, come la piccola Meredith, si trovano con un gran numero di impegni e attività extrascolastiche a causa delle ambizioni esagerate dei genitori.


NB: Libro letto in lingua originale

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri