Narrativa straniera Racconti L'universo in un granello di sabbia
 

L'universo in un granello di sabbia L'universo in un granello di sabbia

L'universo in un granello di sabbia

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

Couto ricorda con commozione e affetto la città della sua infanzia devastata da un ciclone tropicale nel marzo 2019. Analizza le debolezze e inefficienze dei governi africani, sottolineando le forzature della giustizia, l'incertezza dei diritti civili, la posizione subalterna della donna. L'ammirazione per le figure di Samora Machel, primo presidente del Mozambico indipendente, e di Nelson Mandela, lo porta ad annotare la loro più grande qualità: quella di voler conoscere e parlare con i propri avversari per capire il nemico e le ragioni che lo muovono. Sono questi alcuni dei temi del volume, che risplende della capacità di Mia Couto di costellare le sue riflessioni di piccole storie che nascono all'improvviso e hanno, in poche righe, la compiutezza e la felicità di un microracconto. Come quello della sarta portoghese che segue in Africa il figlio unico mandato da Salazar a combattere i negri, o quello del cacciatore di un villaggio nella foresta che, cieco, vede attraverso i sogni e chiede al fratello di fare una visita oculistica al suo posto dicendo «abbiamo gli stessi occhi». O la storia della balena spiaggiata su una costa del Mozambico, a cui i poverissimi abitanti strappano le carni prima ancora che sia morta. L'indole dello scrittore diventa uno strumento per immergersi nella complessità dei nostri tempi e nella trasversalità delle loro dinamiche.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
L'universo in un granello di sabbia 2022-04-30 19:53:59 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    30 Aprile, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

La mia Africa

«Per dare più verità al mio nuovo libro, avevo bisogno di sentire il posto, di rivisitare i ricordi, di ascoltare le voci di strada. Avevo bisogno di vedere la città.»

Quella di Mia Couto è una scrittura atavica. Da sempre le sue opere colpiscono il lettore per la capacità introspettiva e la propensione all’analisi critica di un mondo circostante che nel suo essere delineato non risparmia e non perdona. È uno stile, dunque, che si conforma al narrato e che con la sua unicità definisce i caratteri e i connotati del vivere quotidiano e del costante abitare. Già in “Confessioni di una leonessa” ciò veniva messo in evidenza, in quello che era uno scritto che riguardava la caccia ma che al tempo stesso riguardava il quotidiano relazionarsi in un universo di disuguaglianze e istinti primordiali.
Questa volta Couto torna a interrogarsi sulla sua Africa ma in modo diverso. Tutto ha inizio da una città, la città natale che nel 2019 viene devastata da un ciclone tropicale. Questo primo aspetto è l’elemento che più consente al lettore di iniziare a interrogarsi perché è da qui che lo scrittore si sposta su quelle che sono le inefficienze dei governanti africani.
Ed ancora si sposta sull’anima di quei luoghi che sono dotati di forza straordinaria. Con quei crepuscoli senza fine, con una memoria senza tempo che sembra essere scolpita in una operazione dolorosa che riguarda un intero popolo.
Sono infiniti i luoghi del ritorno. Sono luoghi imposti da dittatori sanguinari e da, spesso, assenza di coordinazione e legalità.

«In nome della sicurezza mondiale sono stati imposti e mantenuti al potere alcuni dei dittatori più sanguinari di cui si abbia memoria.»

In una completa assenza di legalità. In una completa abnegazione dei problemi sociali e una diseguaglianza che non tarda ad emergere e manifestarsi. Quasi come se esistesse un autismo dal resto del mondo verso questo continente silente eppure urlante.
Che ruolo può avere in questo contesto la convivenza civile? Che ruolo può avere in questo contesto la parola, la libertà, l’esistenza? Che ruolo può avere la morale? Può questa essere la letteratura?
Parole quelle presenti tra queste pagine che ci ricordano chi siamo ma che soprattutto ci ricordano che tutti possiamo fare. Recuperando le storie di chi abbiamo accanto, custodendole. Ricordando i passati, dei vinti ma anche delle minoranze. Rivivendo un territorio sin dalle sue origini. Più semplicemente ancora, costruendo e contribuendo a costruire quello che può essere un mondo migliore. Per tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bestiario sentimentale
Melancolia
Il generale e il giudice
L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa