Sette Sette

Sette

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

C'è una nuova droga sul mercato. Si chiama Alice e permette a chi la assume di rivivere il sé dei trent'anni, dei venti o perfino dei dodici. Chi non vorrebbe riprovare l'entusiasmo, le certezze, la sensazione di onnipotenza della giovinezza? Ci sono rulli di legno che vengono dal passato e portano incise le canzoni indimenticabili del presente, e forse anche del futuro. E poi ci sono dèi alieni che hanno perduto la fede, e realtà parallele dove la rivoluzione sociale è avvenuta davvero. 7 è un romanzo in sei quadri appesi sulla stessa parete, che insieme li contiene e ne illumina la posizione nello spazio e nel tempo. E i personaggi di queste storie, come surfisti temerari, cavalcano le onde per ritrovare quella parte di sé che crede ancora nel futuro, che ha ancora la possibilità di cambiare e di incidere sul destino con una nuova creazione originale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sette 2021-08-30 06:51:05 topodibiblioteca
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    30 Agosto, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il simbolismo del 7

Il “Sette” è considerato il numero della filosofia e dell’analisi, ma anche quello della solitudine e della completezza, compare inoltre numerose volte nella spiritualità cristiana. Partendo da questo simbolismo l’autore francese Tristan Garcia costruisce un’opera che percorre i sentieri filosofici dell’umanità attraverso un libro che solo apparentemente potrebbe svelarsi come una raccolta di racconti (ovviamente 7!), ma che in realtà può sicuramente considerarsi un romanzo completo, costituito da sette tessere differenti che si ricompongono agli occhi del lettore solo progressivamente. Difficile ricondurre il libro ad un genere specifico in quanto nei vari capitoli sono presenti elementi distopici, surreali, fantascientifici, che si riuniscono però in una rappresentazione della realtà. Una realtà che si manifesta con le caratteristiche dei nostri tempi in quanto è presente internet, la globalizzazione, lo scontro sociale tra classi, la tendenza della società a chiudersi in sé stessa per timore verso il mondo esterno.

Pertanto si tratta di una realtà impietosa, che in qualche modo ci fa sentire con le spalle al muro, nella quale gli individui cercano rifugio e protezione in paradisi artificiali rappresentati da una droga che fa regredire la mente agli anni della propria gioventù. Oppure nella necessità di credere in qualcosa di trascendentale, come ad es nell’esistenza degli extraterrestri, o in un nuovo Messia che possa alleviare la sofferenza vissuta.
La realtà del “filosofo” Garcia si cristallizza agli estremi perché sono gli estremi, i contrasti, a rappresentare il grado di sofferenza, di patologia, di una società, come nel caso della bellezza divina di una modella che viene ripagata dall’inevitabile contrappeso di un volto sfigurato (“ecco perché esistevano i ricchi e i poveri: il senso del mondo stava o in alto in alto o in basso in basso…...Quelli che sgobbavano in fondo alla piramide e quelli che troneggiavano in cima”). Di fronte alle tante inquietudini sociali, alle tante asimmetrie, ecco che la lotta di classe, la rivoluzione permanente, tornano a caricarsi di un significato importante, l’ideologia politica non muore mai e Garcia ce lo mostra impietosamente.

L’autore si diverte a disorientare il lettore, gettando semi di piante differenti e mostrando una varietà narrativa che solo successivamente si ricompone nella visione unitaria del protagonista dell’ultimo capitolo, il settimo, baciato dal destino, da un dono che al tempo stesso può diventare una condanna che trova sfogo nella letteratura, nel bisogno di raccontarsi: “ ...mi pareva di essermi liberato dei ricordi, di aver dato loro una forma narrativa soddisfacente, giocando sulle sottili differenze fra letteratura e realtà, e di aver rivelato il principio di tutto il mio lavoro e il segreto della mia esistenza”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La vita altrove
Le botteghe color cannella
Lieto fine
Che cosa fa la gente tutto il giorno
Le cose che abbiamo perso nel fuoco
Winesburg, Ohio
Un giorno come un altro
Bestiario sentimentale
Melancolia
Il generale e il giudice
L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote