Narrativa straniera Racconti Tira fuori la lingua. Storie dal Tibet
 

Tira fuori la lingua. Storie dal Tibet Tira fuori la lingua. Storie dal Tibet

Tira fuori la lingua. Storie dal Tibet

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

Uno scrittore cinese con alle spalle un matrimonio fallito parte per il Tibet. Durante i suoi vagabondaggi assiste alla sepoltura celeste di una ragazza morta di parto, divide la tenda con un nomade diretto a una montagna sacra a chiedere perdono per aver avuto rapporti sessuali con la figlia, incontra un orafo che tiene appeso alla parete di una caverna il corpo della sua amante incartapecorito dal vento, ascolta la storia di una giovane lama morta durante un rito di iniziazione. Nell’aria rarefatta dell’altopiano il confine tra realtà e finzione narrativa si assottiglia fino a immergere il protagonista in un mondo così diverso da tormentarlo anche in sogno. Messo clamorosamente all’indice in Cina nel 1987 e soltanto ora pubblicato in Italia, Tira fuori la lingua ha costretto Ma Jian all’esilio, rendendogli impossibile ancora oggi pubblicare nel suo paese.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tira fuori la lingua. Storie dal Tibet 2015-07-09 20:16:03 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    09 Luglio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Voci dal Tibet

Testo scritto nel 1987 dal cinese Ma Jian, risultato non gradito al governo tanto da causarne l'esilio e l'imposizione di distruzione di tutte le copie in commercio.
Ma cosa conterranno mai di tanto scabroso questi cinque racconti ambientati in Tibet?
E' sufficiente leggere poche righe per comprendere che il Tibet narrato da Ma Jian è lontano dal clima di serenità, magia, silenzio; lontano dai profumi di una natura incontaminata, dai colori della terra e della vegetazione; lontano dai riti millenari, dalla ricerca di crescita spirituale, dal misticismo assoluto.
I volti e le storie esprimono dolore, ribrezzo, malvagità, mettendo in luce le contraddizioni, le piaghe taciute, le miserie di un'umanità perduta e abbandonata a se stessa, lontana dagli occhi dell'Occidente, relegata ad un isolamento geografico, politico e sociale.

Storie di vita forti, a tal punto cariche di intensità da viaggiare sulla linea sottile tra realtà e leggenda, talora nitide talora avvolte nelle nebbie delle valli tibetane.
Notevole l'effetto lirico di un'ottima penna, capace di catturare sguardi, pensieri, volti emaciati, gesti brutali, ritratti di quiete, di disperazione o di sottomissione.

Uno scritto pubblicato in Italia solamente nel 2008, ma utile per far luce su una terra ammantata da un fascino misterioso, una terra spesso dimenticata o poco conosciuta in tutte le sue molteplici sfumature.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tira fuori la lingua. Storie dal Tibet 2011-04-21 10:06:28 ludo94
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ludo94 Opinione inserita da ludo94    21 Aprile, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un Tibet che non ti aspetti....

Questo libro, scritto da Ma Jian, ripercorre le esperienze raccolte da un giovane scrittore cinese, che, divorziato dalla moglie, decide di intraprendere un viaggio in Tibet alla ricerca di se stesso. Questo viaggio, però, presenterà al protagonista una terra magica e al tempo stesso ostile, ben lontano dall' immagine stereotipata di un paese governato dalla pace dei sensi e dalla meditazione. Ma Jian contrappone una descrizione dettagliata, quasi maniacale dei luoghi in cui si svolge la vicenda, che ci offre il panorama di un paese in bilico tra realtà e fantasia e le storie narrate, piene di perversione e violenza. La crudeltà di queste storie è costata molto all' autore: la vendita di questo libro è stata proibita in Cina e tutte le copie sono andate bruciate.
A mio parere, il libro ha un messaggio ben chiaro, poichè esso vuole farci capire che non bisogna fermarsi al primo sguardo, che non ci si deve far abbindolare dalle leggende e che la vera conoscenza deriva anche dall' esperienza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mastro Geppetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sconosciuta della Senna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri