Gioventù Gioventù

Gioventù

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Dopo Infanzia, il secondo capitolo della trilogia di Copenaghen, grande classico della letteratura danese oggi riscoperto e acclamato a livello internazionale. La piccola Tove è cresciuta in fretta: costretta ad abbandonare la scuola molto presto, a quattordici anni compie i primi passi nel mondo del lavoro. Indossato il vestito buono e infilato il grembiule in cartella, di prima mattina si presenta a casa della signora Olfertsen, che l’ha assunta come domestica. Durerà soltanto un giorno, e sarà la prima di una serie di esperienze mortificanti. Lasciata l’abitazione dei genitori, la ragazza si sistema in una stanzetta fatiscente; la notte dorme col cappotto addosso e deve sottostare a una padrona di casa nazista, ma quei pochi metri quadrati sono solo suoi. Insieme all’emancipazione arrivano nuove amicizie, vita notturna, e la scoperta degli uomini, con cui vive degli incontri maldestri e mai veramente desiderati. Lei ha fame d’altro: di poesia, di amore, di vita vera. Mentre l’Europa scivola nella guerra Tove, determinata nel perseguire la sua vocazione poetica, va per la sua strada, lungo il difficile cammino verso l’indipendenza. Uno sguardo sempre più affilato, una personalità sempre più definita: costantemente in bilico tra una libertà appena conquistata e lo spaesamento che questa comporta, comincia a delinearsi il tipo di adulta che diventerà.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gioventù 2023-01-23 16:24:59 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    23 Gennaio, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Destino ineluttabile

Tove si congeda dall’ infanzia ed entra nel mondo lavorativo, prima come domestica, poi all’ interno di una cucina, luoghi inospitali per la sua creatività letteraria, che vorrebbe abbandonare e che le restituiscono qualche sporadico incontro. Lavora per mantenersi, non ha potuto proseguire gli studi, un praticantato in attesa dei diciott’anni e di un impiego stabile e ben remunerato.
La famiglia le sta stretta, una rotta stabilita, genitori ingabbiati nella reciproca intolleranza, ignari della sua essenza, che la proiettano in un lavoro stabile, auspicando fidanzamento e matrimonio, una madre insoddisfatta e inconsapevole del pensiero altrui, un padre riflessivo in perenne precariato lavorativo.
Tove aspira all’ autonomia e attende la maggiore età per esercitarla, fatica a scrivere poesie, gravata dal peso della quotidianità, vorrebbe condividere il proprio gusto letterario con un’ anima affine, frequenta i coetanei con leggerezza, un cuore che desidera altro.
È cosparsa da una fragilità evidente, acerba della vita e dei sentimenti. un mondo nel quale fatica a riconoscersi, le sole persone di suo interesse paiono vecchie e malate, vive in un ambito famigliare diverso, stanco, invecchiato, consumato dagli anni, in cui sta crescendo, fatica a interessarsi delle parole altrui, i ragazzi che frequenta non la amano e vivono in superficie, l’ infanzia unico spicchio di tenerezza.
Crescere significa pubblicare i propri componimenti così che altri li possano leggere, un percorso oscuro, tortuoso, laborioso, una gioia che la spinge ad alzarsi e a guardare avanti.
Crescere rafforza il desiderio di amare, l’ uomo che sposerà sarà diverso, non necessariamente giovane e bello ma amante della poesia.
Crescere è confrontarsi con …”il volto brutale e maleodorante della morte”… che un tempo considerava un sonno pietoso, stretta alla vita e alla salute della propria giovinezza, per il resto…” giorni fragili, confusi, solitari”….
Crescere sono i suoi diciotto anni, una stanza tutta per se’, scrivere a macchina, un lavoro che la riempie di calma e di speranza, il sogno di un riconoscimento editoriale.
Poi inizieranno i giorni dell’ impiego all’ ufficio valute, Hitler invaderà l’ Austria, l’ oscurità cadrà sul mondo intero...
La pubblicazione del suo primo libro di poesie la allontanerà dall’ anonimato, un nome stampato sulla copertina, soggettività oggettivata, non più la stessa, non più sola, ma c’è …’ una certa pena e fragilità per una ragazza che si guadagna il pane da sola “… e una dose di rabbia verso il modo in cui è cresciuta, la propria ignoranza, la lingua parlata, la mancanza totale di istruzione e di cultura.

…” Non si vede alcuna luce in fondo a questa strada. E vorrei tanto godermi il tempo che ho, anziché dover sempre venderlo. Il mio libro entrerà nelle biblioteche e forse comparirà nelle vetrine dei libri. Alcune persone lo compreranno e lo leggeranno. Magari lo passeranno ai loro famigliari, magari lo presteranno, magari lo presteranno agli amici” ….
….Stasera voglio stare sola con il libro, perché non c’è nessuno che capisca davvero che miracolo sia, per me…

Il secondo volume della trilogia di Copenaghen si congeda dal solco della tradizione e dall’ infanzia per aprirsi alla vita, luci, ombre, realtà, sogno, una commistione tra un microcosmo di banale quotidianità e il desiderio di poetare.
Tove ricerca conferme, respira la propria unicità’ e il cambiamento ma staziona ancora in una terra di mezzo, aspira all’ indipendenza, economica e artistica, sospinta dal sacro fuoco della creatività, lotta contro un mondo maschile ostile e dominante, stereotipi anacronistici e tradizioni obsolete, sullo sfondo ombre belliche e catastrofici rivolgimenti.
Immersa nella definizione di se’ coltiva i desideri di una giovane donna, il matrimonio, i figli, una casa, una poetessa dai tratti molto comuni.
La Ditlevsen, una vita tormentata da dipendenze e fallimenti matrimoniali, definita l’ Ernaux danese del novecento, nelle proprie memorie affronta l’ esperienza empirica e rivela la propria essenza, un linguaggio asciutto con tratti intensi di una poetica del cuore e della mente, un flusso di coscienza fragile che rimarca l’ amore per la vita e l’ emozione incomparabile della scrittura in una solitudine gratificante.
Quando verrà pubblicata la prima raccolta di poesie “ Anima di fanciulla”, oltre a una …”felicità solenne, mai vissuta in precedenza”… sarà sormontata da una sorta di sbalordimento e di ritrosia nel leggere il proprio nome stampato sulla copertina, nel transito da lettrice a scrittrice, ed è come se, per la prima volta, si vedesse con gli occhi di un’ estranea, o semplicemente diversi, quelli di una giovane artista che finalmente ha realizzato il sogno d’ infanzia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gioventù
Infanzia
Nuoto libero
Gli anni
Le inseparabili
Abbandono
Chiamate la levatrice
Un pollastro a Hollywood
Fuga da Bisanzio
Operatori e cose
Primo sangue
Voglio sappiate che ci siamo ancora
Niente paura
Guarda le luci, amore mio
Greenlights
Ad occhi aperti