Narrativa straniera Romanzi Il sogno di Ryosuke
 

Il sogno di Ryosuke Il sogno di Ryosuke

Il sogno di Ryosuke

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Tre giovani alla deriva, tre vite che non sanno bene che direzione prendere, stanno per sbarcare su una piccola e sperduta isola dell'arcipelago giapponese, l'isola di Aburi. In particolare Ryōsuke langue in una profonda crisi esistenziale: senza fiducia in se stesso, vive alla giornata ancora incapace di riprendersi dalla morte del padre. Dopo un tentativo di suicidio, decide di fare luce sui motivi che, anni prima, spinsero suo padre a togliersi la vita a sua volta. Si trasferisce così sull'isola dove dovrebbe risiedere il miglior amico del padre, l'unico che può spiegargli i veri motivi di quel gesto. Aburi è una piccola isola un po' misteriosa, dalla natura rigogliosa e ancora selvatica, abitata da una piccola comunità chiusa e scontrosa con i forestieri. Ma è anche famosa per le sue capre selvatiche. Qui Ryōsuke scopre che il sogno del padre era proprio produrre il formaggio dal latte di questi animali così particolari: il figlio decide di portare a termine il progetto paterno ma il suo sogno si scontra con i tabù locali e suscita la rabbia degli abitanti dell'isola... Dopo "Le ricette della signora Tokue", il nuovo romanzo di Sukegawa è una storia di maturazione dolce e profonda.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
Il sogno di Ryosuke 2022-08-12 03:55:06 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    12 Agosto, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il viaggio della consapevolezza

Un viaggio sulla piccola isola di Aburi, ai confini dell’ arcipelago giapponese, in compagnia di una fragilità che insegue l’ ombra del suicidio paterno.
In questo luogo poco popolato e con tradizioni consolidate, tre giovani inconcludenti ( Ryosuke, Kaoru, Tachikawa ) accettano un lavoro a termine, una terra di pesca, di bovini e di capre ( pinza ), immersa nello splendore della natura selvaggia, gli stranieri trattati con sospetto e ritrosia.
Ryosuke, il protagonista, un ex cuoco sopraffatto dall’ impulso suicida, vive lo sbiadito ricordo del padre in un innato senso di sconfitta, nauseato da un mondo ostile e dalla propria inconcludenza, con una certa ritrosia a parlare di se’.
Il suo tentato suicidio sfocerà in una improvvisa voglia di vivere, chiedendosi la ragione di un tentativo siffatto e che cosa a suo tempo, quando era ancora bambino, aveva spinto il padre al suicidio, vittima del suo stesso sentimento.
La fine scongiurata svelerà un nuovo inizio, la permanenza sull’ isola di Ryosuke e dei suoi due compagni di viaggio, un lavoro duro durante il giorno, la sera un tempo in cui riflettere sul vero motivo della propria permanenza, ricercando nel volto di uno sconosciuto ( Hashi ) le parole della madre, un uomo indispensabile per definire il passato e proseguire nei giorni a venire.
Da lui Ryosuke attende una risposta su quello che è stato , il presente un complicato cammino alla ricerca di se’, la vita sull’ isola ostile, di certo non un posto per giovani.
Il tempo svelerà un’ attrazione irrinunciabile per quella porzione di terra e per le sue bellezze naturali, Ryosuke si nutrirà del legame con Hashi, spinto dal desiderio di riuscire laddove il padre aveva fallito, produrre il formaggio di capra nonostante l’ ostilità dei pochi abitanti e le condizioni climatiche avverse.
Un viaggio di scoperta e di crescita, di condivisione e di appartenenza, perché ritornare su un passato nefasto se il presente ha ancora da essere scritto, in fondo l’ isola conta relativamente se paragonata al valore della propria esistenza e quando i giorni scorrono pensando a ciò che si è perso.
Ryosuke vorrebbe portare a compimento quello che il padre aveva lasciato, realizzarne la memoria e riscattarne il sacrificio, ma i pericoli e le delusioni incombono e c’è sempre quel demone interiore che lo tormenta. Dove si trova lo spirito paterno, l’ io che crede di essere esiste veramente o è solo l’ illusione della propria presenza?
Un senso di fallimento lo sovrasta, Hashi gli e’ amico e guida paterna indicandogli l’ importanza delle sconfitte e la fortuna del fallimento mentre la perseveranza può generare scoperte inattese e, quando tutto pare perduto, creare legami insospettabili e una nuova armonia, un senso profondo di condivisione con se stessi e il mondo.
Un romanzo di formazione tardiva che possiede la leggerezza di dialoghi fitti e irriverenti, l’ attesa e il silenzio pensato di certa cultura giapponese, tratti ed elementi della tradizione locale, il recupero di immagini della memoria, sprazzi di bellezza assoluta immersi nella vaporosa luce di una natura che tutto sovrasta e ricopre.
L’ individualismo e il pessimismo cedono alla condivisione e alla costruzione di un senso, per se stessi e per la memoria degli scomparsi, un sogno che a un certo punto pareva dissolto, il presente un amalgama in cui tutti gli elementi si fondono.
La prosa nel fluire del racconto acquisisce piena consapevolezza, le descrizioni si fanno poetiche, le riflessioni profonde, la voce interiore richiama il senso di appartenenza, l’ uomo parte di un sistema armonico, quella vita a lungo abbandonata a se stessa finalmente rivestita di un senso.


…Oltre quel gusto vide il muso di Hanako. Anche i saltelli di Puno gli vennero alla mente. Gli occhi lucidi e splendenti della maestra, e la borsa da postino di Toshiba, e i volti e le parole di Hashi, di Tachikawa e di Kaoru gli tornarono alla memoria e sparirono di nuovo, uno dopo l’ altro. E anche i giorni passati a trasferirsi da un posto all’ altro con sua madre. Lo sfocato volto sorridente di suo padre. Chiuse gli occhi e si strofinò la faccia con un gesto rapido. Allora si rese finalmente conto che stava piangendo. Il pezzato gli si avvicinò piano.Gli si strusciò addosso. Ryosuke lo abbracciò stretto….

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Quel tipo di ragazza
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso