Narrativa straniera Romanzi La riva del silenzio
 

La riva del silenzio La riva del silenzio

La riva del silenzio

Letteratura straniera

Autore

Editore

Casa editrice

Un giovane prigioniero di guerra nordcoreano, Yohan, viene mandato via nave in Brasile perché si ricostruisca una vita dopo gli orrori di un conflitto che ha finora poco interessato la letteratura. Grazie all’abilità manuale di cui ha dato prova al campo, viene assegnato come aiutante alla bottega di un sarto giapponese, a sua volta emigrato spaesato. Interlocutore silenzioso, il sarto trasmette a Yohan, insieme alla sua arte, anche la malinconica serenità raggiunta negli anni. I due tacciono su un passato drammatico: il lettore viene a conoscere quello del ragazzo tramite una serie di flashback che rivelano con parole scarne gli orrori della guerra, dello sradicamento e della prigionia, mitigata solo dalla compagnia di un amico più sfortunato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La riva del silenzio 2017-01-23 14:13:23 Pelizzari
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    23 Gennaio, 2017
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Impalpabile

E’ uno stile che a tratti sembra una poesia. Evocativo, al punto da far passare in secondo piano la trama. Il sarto ed il suo silenzio leggero, colmo di gentilezza, di saggezza e di empatia, ti lasciano addosso una sensazione di malinconia. In questo vuoti di parole, comprendi quanto il silenzio può essere evocativo e quanta profondità d’animo possono avere le persone silenziose. Piccole gemme sono i due ragazzi di strada brasiliani. Per tutto il resto, penso che resterà nella mia memoria come un libro impalpabile e lo dimenticherò molto velocemente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
La riva del silenzio 2014-11-06 14:30:58 C.U.B.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    06 Novembre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cacciatori di neve

La guerra ruba vite, o le deturpa soltanto nella migliore delle ipotesi; talvolta sono vite risparmiate, ma incarcerate.
Così e' la storia di Yohan, un giovane nord coreano prigioniero di guerra in un campo americano. Termina il conflitto e si schiudono le recinzioni, Yohan viene imbarcato con destinazione Brasile, una lettera di presentazione e un'opportunita' per ricominciare .
Una piccola sartoria gestita da un anziano giapponese dalle mani miracolose, la luce che irradia gli scaffali ordinati di stoffe e rocchette, due scrivanie e vecchie macchine da cucire a pedali.
Sono rammendi, cuciture e pezze su abiti lisi che la gente non butta, sistema.

La mescita di memorie di bambino, della reclusione al campo e della nuova esperienza sudamericana ha un fluire alternato ed armonioso, passeggia il libro con cadenza di passi nudi, la consistenza di una goccia di pioggia su un cappello di panno mentre lei chiude gli occhi e china la testa verso un raggio di sole.
Il romanzo non vuole essere un pugnale che sprofonda nei ricordi di guerra o di prigionia ma piuttosto un pennello che ripensa agli attimi di salvezza : una misera coperta condivisa, il sapore di una macchia di cioccolato sulla camicia sgualcita, un passo di danza con un'infermiera mentre il cielo di Natale e' punteggiato di neve.
Scrittura di frasi brevi e leggiadre, esule da ogni variante di ostentazione nella forma o nel contenuto, La riva del silenzio e' un elogio al sussurro, una lettura breve e scorrevole ambientata in un contesto che dirotta verso un'umile pace dei sensi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore
La riva del silenzio 2014-10-24 03:17:53 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    24 Ottobre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La tragedia in controluce

“La riva del silenzio” è un luogo non ben identificato del Brasile: lì l’autore Paul Yoon traghetta Yohan, giovane nord-coreano che una nave allontana dal paese natio dopo l’esperienza di prigionia in un campo americano.
Con sé Yohan reca un passato disseminato di orrori bellici (“Aveva visto un fiume incendiarsi, senza capire come potesse succedere una cosa del genere”): ciononostante affronta il nuovo capitolo della sua vita grazie a Kiyoshi, il silenzioso sarto giapponese che con il giovane profugo instaura un rapporto essenziale e verace (“Si appoggiò al muro e pensò a quell’uomo che non conosceva ma senza il quale non poteva immaginare i tre anni che erano trascorsi”).

Nella nuova realtà Yohan ha naturalmente problemi di lingua, ma – paradossalmente – questa difficoltà gli giova: intesse rapporti elementari con Bia e Santi (“Fu allora che vide i ragazzini. Erano due, un maschio e una femmina. Erano apparsi sulla scogliera alle porte della città e procedevano verso di lui nel prato dall’erba alta”), scruta collina, mare e città nelle luci del mattino, affronta passeggiate notturne sui tetti, attende l’arrivo periodico della nave…
In questa nuova dimensione silenziosa Yohan osserva i gesti del sarto, che verosimilmente nasconde un proprio dramma, e così affiorano i ricordi: del campo di prigionia con il compagno cieco Peng (“Guardò le estremità della sciarpa ondeggiare dietro il giocoliere bendato. Immaginò foreste. Cime svettanti. Un fiume. Una mano sul suo gomito. Peng”) e con gli americani (“Una volta Yohan aveva giocato a carte con i medici… Era un gioco chiamato poker…”), del rapporto con il padre nella fattoria prima del conflitto (“Quell’anno era giunta la notizia della resa del Giappone. Poi era giunta la notizia che la Corea era stata divisa, tagliata in due da una linea di confine”).

La particolarità di questo romanzo risiede nella scelta narrativa, originale rispetto allo stuolo di romanzi che assumono i canoni della rappresentazione esplicita e spesso oscena (non in senso etico, bensì estetico) e del desiderio di sorprendere a ogni costo. Qui parlano le immagini semplici ed efficaci, qui – coerentemente con la storia e i personaggi - la parola viene sostituita da percezioni basilari e da sentimenti ingenui e fondamentali.
Sulla “riva del silenzio” il lettore deve intuire una storia tragica raccontata senza sensazionalismi e senza l’ansia di scandalizzare: ed è per questo che la storia di Yohan e di Kiyoshi ti entra nel cuore. Silenziosamente.
Nella quarta di copertina vengono riportate alcune affermazioni (Kirkus Reviews: “Momenti di vita ordinaria che diventano incantati. Una gemma di perfezione rara”) che – so benissimo - hanno la funzione di esercitare quello che nel marketing si chiama “effetto civetta”. Eppure in alcune di esse, come in quella di Lauren Groff, mi ritrovo: “Le frasi di Paul Yoon sono belle e sorprendenti. Una scrittura lucida, tersa ed evocativa per un romanzo lieve e insieme straordinariamente profondo”.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri