Narrativa straniera Romanzi Mio signore, mio carnefice
 

Mio signore, mio carnefice Mio signore, mio carnefice

Mio signore, mio carnefice

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Difficile per Zahra, giovane libanese, volersi bene quando i primi a non darle affetto sono stati i genitori: il padre, severo e inflessibile, sempre pronto a biasimarla, e la madre, che per anni si è servita di lei, bambina, per coprire i suoi incontri clandestini con l’amante. Difficile per lei amare il proprio corpo e provare piacere quando quel corpo è stato usato e poi abbandonato e ora fa di lei una donna “immorale”. Stretta in una morsa tra la famiglia soffocante e un matrimonio sbagliato che non le ha aperto la tanto sperata via di fuga, Zahra trova se stessa e la libertà nella Beirut devastata dalla guerra civile. E questo grazie all’incontro con un cecchino, uno degli uomini senza volto che dall’alto dei tetti decidono in maniera arbitraria dei destini altrui. È nel rapporto con quel “dio della morte” che Zahra riscopre paradossalmente la vita. È in quella relazione clandestina, iniziata come violenza e continuata come ossessione irrinunciabile, che conosce l’amore e la speranza nel futuro. Ma potrà essere solo una pace fragile, segnata com’è dal senso di colpa e dall’incubo dei tempi. Attraverso la sua protagonista, emblema di ogni donna oppressa ma anche di ogni vittima della follia della guerra, Hanan al-Shaykh ci regala un ritratto indimenticabile dell’innocenza distrutta dalla violenza.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mio signore, mio carnefice 2013-07-14 13:00:25 ALI77
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    14 Luglio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA STORIA DI ZAHRA

Questo romanzo racconta la storia di Zahra, una giovane ragazza libanese con una vita molto difficile, è poco sicura di se stessa, della propria femminilità e non riesce a volersi bene.
Ha un infanzia molto complicata i genitori sono i primi che non le danno affetto, il padre era il classico capo famiglia autoritario e la madre la “usava” come copertura per i suoi incontri clandestini con l’amante.
Ma la vita non le sorride, dovrà affrontare ogni giorno delle battaglie sia interiori che con il mondo esterno non sempre facili da superare.
Le varie esperienze che le succedono faranno sì che lei si chiuda in se stessa e che abbia difficoltà a confidarsi con qualcuno .
Viene molestata in primo luogo dallo zio, che crede un amico a cui scrive lunghe lettere, ma quando decide di andare in Africa a trovarlo e di stare un mese da sola con lui, rimase delusa dal suo atteggiamento che non é affatto quello che ci si aspetta da un parente.
Anche un amico di suo fratello, sposato, la importuna diventa la sua amante e la fa abortire addirittura due volte e per sfuggire a queste continue umiliazioni decide di sposare un uomo che non ama e che nemmeno conosce . Crede così di poter ricominciare daccapo una nuova vita.
Meijd, il marito di Zahra a sua volta non è felice, da sempre ha vissuto la povertà e crede che sposando una ragazza ricca che appartiene ad una famiglia illustre del paese, possa avere il suo riscatto sia sociale che con la vita.
Ma il rapporto non durà e per entrambi questo sarà un periodo bruttissimo ,la guerra che scoppierà in Libano cambierà la vita di Zahra, le darà una svolta inaspettata.
Per la prima volta si innamorerà veramente di un uomo, quando credeva di non poter provare amore per qualcuno , quando meno se lo aspetta succederà e forse così dopo molto tempo potrà vivere.
Non vado avanti in quanto le sorprese della vita di Zahra di certo non finiscono qua, anzi il finale non ve lo immaginereste mai, quando sono arrivate alle ultime pagine ho dovuto rileggerle varie volte perché non ci volevo credere.
Ora, cercherò di spiegarvi quali aspetti mi hanno indotto a leggere il libro e alcune cose invece, che non mi sono affatto piaciute.
Credo sia sempre giusto leggere delle storie di persone con diverse culture, di paesi lontani che magari non riuscirò mai a visitare però è difficile capire alcune volte cosa ti possa succedere, noi qui abbiamo la nostra libertà , i nostri ritmi, orari, appuntamenti e se non avessimo tutto questo?? Se non potessimo avere la stessa libertà di scelta ma dovessimo essere costretti a fare delle cose che non vogliamo o vivere come qualcuno altro ci dice???
Zahra credo abbia avuto una grande forza a riuscire ad andare avanti nonostante tutto quello che le succede, credo che le donne abbiano sempre una marcia in più.
Nel corso della storia, non c’è una solo voce narrante ma questa cambia moltissime volte e ogni capitolo è diverso dall’altro, e in più ci sono dei flashback continui che distraggono e disorientano il lettore.
Forse l’autrice avrebbe dovuto dare un dato temporale preciso una data di riferimento e magari ogni capitolo dovrebbe essere sottotitolato tipo” Zahra in Africa” oppure “Il matrimonio di Zahra” e cosi via.
In più un’altra cosa che proprio non mi è piaciuta è la copertina ma cosa centra???? Una donna col velo dietro le sbarre ma Zahra non va in prigione o non viene segregata forse interiormente ha un forte disagio ma questa immagine è fuorviante rispetto al contenuto.
Nonostante questo il libro è un buon romanzo, molto scorrevole in alcuni punti e in altri forse dispersivo ma comunque è una testimonianza forte della condizione della donna.
Ho comprato questo libro dopo aver visto un’intervista fatta all’autrice che è del Libano e che ora non vive più lì, i suoi libri sono stati censurati nel suo paese per le tematiche trattate. Dopo questo io sono convinta del fatto che la libertà di stampa vada preservata e sia giusto dare voce anche a persone o a situazioni che non riusciremmo altrimenti a conoscere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri libri di Hanan al-Shaykh
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri