Narrativa straniera Romanzi Ricordi dormienti
 

Ricordi dormienti Ricordi dormienti

Ricordi dormienti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Con parole che sembrano scritte sulla superficie dell'acqua, tra sogno e ricordo, Modiano traccia quell'itinerario sentimentale che tutti percorriamo a ritroso alla ricerca di noi stessi. Un giorno, sul lungosenna, Jean perde l'equilibrio: dalla riva del presente precipita in un vortice di ricordi che credeva perduti. Anche se il tempo ne ha sfumato i contorni, a Jean tornano in mente numeri di telefono inventati, fermate del metrò, dediche scritte con l'inchiostro blu. Ma i dettagli più irrisori sono indizi per ritrovare le donne che Jean ha incontrato e che ora, come spettri evanescenti, eludono la sua presa nel labirinto della memoria. Nelle piante le gemme dormienti rimangono a riposo anche per diversi anni – fino a cento nella quercia – e si schiudono un giorno, per caso. Ai ricordi di Jean succede la stessa cosa: il titolo di un libro intravisto su una bancarella del lungosenna basta a destare le immagini di un passato che credeva di avere smarrito. Come trasportato da una nuvola di impalpabile malinconia, Jean ritorna così alla Parigi della sua giovinezza, alle passeggiate della domenica pomeriggio, agli incontri nei caffè all'alba, agli arrondissement deserti nel caldo d'agosto. Scene, dettagli, parole che scortano il protagonista ad appuntamenti con fantasmi in bianco e nero, lo investono di paure dimenticate, lo seducono con fughe da porte secondarie e dedali di strade parigine in cui nascondersi. La geografia dei luoghi si fonde con i ritratti sfuggenti di donne dal fascino sibillino: Martine, Mireille, Geneviève, Madeleine, la signora Hubersen, una ragazza di cui Jean omette il nome perché coinvolta in un misterioso delitto. E proprio come se avessero commesso un crimine in preda a un raptus emotivo, i ricordi del narratore – che a volte sembrano tanto coincidere con quelli dell'autore – non implorano né oblio né perdono, bensì l'impunità immeritata che il tempo garantisce anche ai più feroci assassini. Ma non c'è una legge dei ricordi a sancirne la prescrizione: in questi casi non resta che rinviarli al giudizio inappellabile della nostalgia.

Recensione della Redazione QLibri

 
Ricordi dormienti 2018-11-13 05:28:37 siti
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    13 Novembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Risvegli quotidiani

"Souvenirs dormants", il titolo in lingua originale non viene tradito ma solo tradotto e permette proprio una lettura di questo breve, emblematico, potente lavoro del Nobel francese tutto giocato su due dimensioni vitali per l’essere umano: il ricordo e il sogno. Spesso, capita a tutti noi, soprattutto quando i giorni accumulatisi in anni si sono adagiati in un’identità che faticosamente abbiamo costruito e della quale mancano i particolari, perché offuscati da un ricordo non nitido, non oggettivo, non reale ma trasfigurato da pericolose sovrastrutture che ci hanno complicati, le due dimensioni si mescolano, si confondono e determinano nuove verità. Il tutto in fondo rimane misterioso, come la nostra esistenza, fatta di relazioni importanti ma costellata di comparse. Persone che abbiamo appena incrociato, in periodi brevi della nostra vita, incontri fugaci, apparentemente insignificanti che prepotentemente tornano in altre stagioni della vita, nel sogno, nel ricordo, nella rimembranza non casuale ma cercata o più semplicemente attraverso un ennesimo, fortuito incontro. E così, possiamo ripercorrerla la nostra esistenza incastonandola anche in una perfetta geografia: luoghi e ambienti che con la loro fisicità, con la loro presenza, richiamano il ricordo senza però mantenerlo, conservarlo o sigillarlo, poveri custodi di un effimero transitorio che è libero, passeggero, difficilmente intrappolabile. La geografia del ricordo in questo scritto è quella degli spazi esterni di Parigi, quei luoghi che già Modiano ha riesumato in altri suoi romanzi imprimendogli una forte potenza evocatrice, l’universo delle comparse è invece tutto al femminile in un andamento a ritroso che copre la vita di un uomo a partire dal suo debutto da giovincello nei misteri di Parigi. E ora, da vecchio, Parigi è popolata di fantasmi e il narratore si confonde con l’autore e la consapevolezza dell’errore insito nel proprio vissuto amareggia per la sua fuggevolezza:”se potessimo rivivere alle stesse , negli stessi luoghi e nelle stesse circostanze ciò che abbiamo già vissuto, ma viverlo molto meglio della prima volta…”.
Splendida lettura, ve la consegno con grande convinzione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
le altre opere di Modiano
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ricordi dormienti 2018-11-19 15:23:08 Mian88
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    19 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Souvenirs dormants

«Per me Parigi è disseminata di fantasmi, numerosi quanto le stazioni del metro e tutti i relativi puntini luminosi che si accendevano quando capitava di premere i tasti sul tabellone dei cambi di linea»

Quante volte nella vita notiamo un dettaglio, anche inusuale o inaspettato, che ci riporta alla mente ricordi dei tempi che furono, ricordi che nemmeno pensavamo di aver accumulato? Quante volte da un semplice dettaglio o da un piccolo oggetto la nostra mente torna indietro e ci mette di fronte al pensiero a un frammento della nostra memoria che è capace di mettere in discussione il nostro io, la nostra immagine negli anni costruita e impostata dagli avvenimenti, dai fatti, dalle circostanze? Ed è proprio partendo da questo espediente che il Nobel per la letteratura francese crea e ci propone il suo “Ricordi dormienti”. Il ricordo e il sogno, sono gli elementi alla base dell’opera, un elaborato che tenendo come costante l’identità costruita, aggiunge la componente di un ricordo non nitido, irreale, trasfigurato. Ricordo e sogno, quindi, si mescolano, si trasfigurano, si confondono, portano a nuove interpretazioni, nuove verità, nuove prospettive.
E a far da cornice alla dimensione intima della memoria vi sono i luoghi. Luoghi misteriosi, luoghi rarefatti, luoghi che abbiamo visitato nella nostra vita e che credevamo di conoscere prima che mille e mille comparse mettessero in discussione queste certezze. Perché basta incrociare una persona anche per un breve periodo della nostra esistenza o anche soltanto per un attimo in un binomio perfetto di causalità in quel che è un fortuito incontro per rievocare l’immagine, una immagine che la nostra mente ha custodito ma che è propria di un istante perché non possiamo trattenerla, in alcun modo. Immagini che sono ricordi, immagini che sono fantasmi di un passato rarefatto, immagini vissute in gioventù ma rievocate in età adulta. Immagini fugaci in cui autore e narratore si fondono e confondono nella consapevolezza di un tempo ormai giunto al suo termine.

«[…] Nel corso degli anni 1963 e 1964, sembrava che il vecchio mondo stesse trattenendo il fiato un’ultima volta prima di crollare, come tutte le case e i palazzi dei sobborghi e della periferia che stavano per essere demoliti. Noi che eravamo molto giovani abbiamo avuto la possibilità di vivere nelle vecchie scenografie per qualche mese ancora. Nell’albergo di rue Monge ricordo l’interruttore a forma di pera sul comodino e le tende nere che ogni volta Geneviève Dalame chiudeva con un gesto brusco, le tende della difesa passiva che dai tempi della guerra non erano ancora state sostituite»

Unica pecca che ho riscontrato in questo lungo racconto è nella sua seconda parte in quanto Modiano muta completamente oggetto, personaggio, caso. Questo fa parte sicuramente dell’essenza dei “ricordi dormienti” e per questo è lineare e conforme a quella che è la linea narrativa e a quella che è l’idea del narratore, eppure, tende a mettere un poco in confusione il lettore che giunge all’epilogo, a sua volta molto particolare, con quella sensazione di insicurezza, di sfuggevolezza dell’essenza del testo.
Il tutto in quel di Parigi e con la penna erudita e pregiata che l’autore vincitore del Premio Goncourt sempre ci dona e destina.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vita in parole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Stelle minori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
I tredici passi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divino amore
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Il cuoco dell'Alcyon
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Tutto sarà perfetto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Bugie e altri racconti morali
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ninfa dormiente
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il sussurro del mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La scuola
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al Tayar
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri