Narrativa straniera Romanzi Sulla riva del mare
 

Sulla riva del mare Sulla riva del mare

Sulla riva del mare

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il sessantacinquenne Saleh Omar è un mercante di mobili di Zanzibar, richiedente asilo in Inghilterra. Come un Sindbad dei giorni nostri, Saleh lascia una terra dove il genio del male si è incarnato in governanti ladri pronti a ogni forma di moderna violenza politica: campi di concentramento, armi e uno stuolo di cortigiani. Al suo arrivo a Londra, all’aeroporto di Gatwick, Saleh mostra un visto non valido, rilasciato in patria da un suo parente e acerrimo nemico, Rajab Shaaban Mahmud. A Saleh è stato consigliato di fingere di non capire una parola di inglese, per cui l’assistente sociale che ha preso in carico il suo caso si trova costretta a chiedere la consulenza di un esperto di kiswahili, uno dei dialetti dell’Africa orientale: per ironia della sorte, l’interprete è Latif Mahmud, il figlio di Rajab, l’avversario di Saleh. L’uomo ha tagliato ogni ponte con la sua famiglia di origine dagli anni ’60, quando ha chiesto asilo come rifugiato in Inghilterra, dove vive nella nostalgia della sua terra. Saleh si trova ora faccia a faccia con Latif in una cittadina inglese sul mare. Entrambi rifugiati, con un’origine e un destino ad accomunarli.



Recensione della Redazione QLibri

 
Sulla riva del mare 2022-02-26 18:46:38 Laura V.
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    26 Febbraio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Voci da isole d’Africa

“[…] L’uomo da cui ebbi l’oud-al-qamari era un mercante persiano del Bahrain che era venuto nella nostra regione con i musim, i venti monsonici, lui e centinaia di altri mercanti dall’Arabia, dal Golfo, dall’India e dal Sind, e dal Corno d’Africa. Lo facevano ogni anno da almeno mille anni. […] Essi portavano con sé i loro beni e il loro Dio e il loro modo di vedere il mondo, i loro racconti e le loro canzoni e le loro preghiere […]”.

È una sorta di fine e antica poesia quella di cui appare intrisa gran parte della narrazione racchiusa tra le pagine del romanzo “Sulla riva del mare” dello scrittore africano naturalizzato britannico Abdulrazak Gurnah, ripubblicato in Italia sul finire dello scorso anno da La nave di Teseo.
Nativo del lontano arcipelago di Zanzibar, nell’Oceano Indiano di fronte alle coste della Tanzania, Gurnah, classe 1948, è pressoché fresco di Premio Nobel. È la quinta volta che, per la Letteratura, il prestigioso riconoscimento dell’Accademia di Svezia approda in terra d’Africa e soltanto la seconda che lo si assegna a un autore africano dalla pelle nera (il primo fu il nigeriano Wole Soyinka negli anni Ottanta); una rappresentanza indubbiamente ancora troppo esigua rispetto a quella di altri continenti, che si spera possa però divenire più consistente poiché da lungo tempo il mondo letterario africano è ricco di interessanti e straordinarie voci meritevoli d’attenzione.
Questo libro ne testimonia appieno la vitalità e il valore, consacrando il continente nero come scrigno di storie affascinanti che attendono solo di essere ascoltate al di là del Mediterraneo e degli oceani. Un romanzo dai toni delicati e i contenuti grevi, denso di vicende che si intrecciano inconsapevolmente tra loro sullo sfondo di una Storia troppo spesso traditrice, ingiusta, spietata. L’ultrasessantenne mercante di mobili, che fa sua un’altra identità per poter partire in cerca di asilo, non immagina di ritrovare all’estero un più giovane conterraneo, non certo sconosciuto, con il quale condividere la medesima condizione di rifugiato. La casualità dell’incontro permette il confronto e l’incastro dei tasselli di un puzzle infelice e drammatico, mentre a poco a poco emerge ed esplode tutta l’amarezza di chi vive la realtà dell’emigrazione e, nel contempo, tutto ciò che l’esilio, volontario o meno, comporta.

Gurnah ci conduce pertanto nella sua Zanzibar, da cui lui stesso in passato, al pari delle due voci narranti, si vide costretto ad andare via. La sua si rivela fin da subito una prosa fluida e pacata, ben capace di conquistare il lettore trasportandolo di colpo dalla riva del mare di una piccola città inglese a quella “di un caldo oceano verde” battuto dai venti monsonici, i musim, che portano da secoli uomini e merci. Ed ecco, dunque, che l’abile penna dell’autore consente di leggere tra le righe anche la storia profumata di spezie di quell’angolo d’Africa della costa orientale, dove elementi arabi e persiani si mescolarono con il sostrato originario locale dando vita a una cultura molto particolare, quella swahili, che evoca antichi e duraturi rapporti con l’Oman e rotte persino al di là della zona del Golfo; e, naturalmente, essa non tralascia di fare i conti col colonialismo che, se da un lato concedeva istruzione e a scuola esaltava la resistenza alla tirannide, dall’altro non esitava a incarcerare “gli autori dei pamphlet a favore dell’indipendenza”. A tal riguardo, riflessioni molto significative pesano come macigni sulla coscienza sporca dell’Occidente, la cui partenza nei decenni scorsi fece posto al dispotismo e alla corruzione dei governi postcoloniali.
Un gran bella pubblicazione che sussurra, dice e urla moltissimo a chi abbia cuore per ascoltare. Nell’ultima parte, forse, si accavallano troppe vicende secondarie che, a tratti, sembrano confondere e discostarsi da quella principale, rischiando di far perdere alla narrazione tutta la bellezza precedente, sebbene risultino anch’esse infine funzionali alla comprensione dello svolgimento dei fatti. Di pregio i colti riferimenti letterari, a partire da quello all’indimenticabile scrivano di Melville, assurto a simbolo di una umanità sconfitta, ma che ancora conserva dignità, coraggio e forza per esclamare, dinanzi al male dell’esistenza, “I would prefer not to”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...a chiunque ami l'Africa e voglia scoprirne i suoi mondi.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sulla riva del mare 2022-04-10 14:10:03 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    10 Aprile, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Melodia d’autore

Una dolce melodia risuona nella delicata prosa di Abdulrazak Gurnah, recente premio Nobel per la letteratura, scrittore africano naturalizzato inglese cantore di un angolo di continente ( Zanzibar ) con evidenti contaminazioni mediorientali e reduce da un passato di colonizzazione, voce pacata e poetica espressione di cultura, saggezza, profondità.
In un’ Inghilterra rifugio di un’umanità in fuga da una terra percossa da governi fragili e persecutori, senza presente e futuro, l’ anziano protagonista del romanzo, Saleh Omar, mercante di mobili, oggi vive la mezza vita di uno straniero in una terra aliena con i timori e l’ agitazione che sente attorno a se’ mentre cammina nelle vie della piccola città di mare in cui è approdato.
Il passato ha le sembianze di un angolo di terra molto lontano sulle rive di un caldo oceano verde, quella porzione di Africa orientale dove risuona la lingua kishwahlili, in se’ conserva le innnumerevoli voci del passato, la fragranza dell’ out-al-qamari, il soffio dei musim, i venti monsonici, immagini trasferite nel presente grazie a una presenza ignara di quello che è stato, Latif Mahmud, un rifugiato come lui che a sua volta si è costruito una vita in questa terra, in fuga dal passato e da una famiglia a pezzi, che lo ha riconosciuto grazie al nome che porta, di un nemico e di un padre, un nome falso ma necessario a salvargli la vita.
Oggi Saleh Omar è un uomo privo d’identità, lasciato a marcire e umiliato, uno strumento all’ interno delle belle storie di altri, ma qualcuno deve farsi carico della sua vita, il recupero della propria storia passa attraverso il riconoscimento, una maschera che cade facendo riemergere ricordi dolci e crudeli.
Ha Inizio una narrazione duale, una trama complessa con radici lontane, un rapporto di odio e di malinformazione, il rimescolio di voci e di tradizioni, di popoli e di culture contaminate e diverse, storie di mercanti e di marinai, di uomini e di famiglie divise, spezzate, di lotte intestine e di perdite, di colonizzatori che un giorno se ne sarebbero andati lasciando caos e violenza insieme alla fine del loro impero.
La narrazione si copre delle fragranze e della melodiosa presenza di una terra nostalgicamente lontana, ma anche del dolore e della sofferenza di un passato violento con il gusto un po’ amaro della meschinità e della vanità personale e una critica a un occidente che non ha saputo che colonizzare e dimenticare.
Di fronte a lui un uomo colto che non si è concesso all’ odio e alla vendetta, il cui sorriso sembra esprimere calma e rassegnazione, che si è costruito una vita altrove, lontano dalla propria terra da più di trent’anni, poeta e insegnante di letteratura, che ricorda un padre rassegnato nella sua futilità.
In questi lunghi momenti la ricostruzione di un intreccio dalle radici lontane stravolge il presente in una nuova versione che ridefinisce i rapporti e cancella le ombre, la frequentazione e la curiosità ispirano la voglia di ritornare in un luogo e in un tempo che si è lascati alle spalle, di sentire il racconto della controparte, di trovare un po’ di sollievo. Intanto il “ nemico “ continua il lungo racconto e confessa le proprie colpe, un destino favorevole e avverso nel cuore di una verità da rivelare, una confessione necessaria che non chiede l’ assoluzione dei propri peccati

D’ altronde … “ è un posto triste il paese della memoria, un deposito buio con pavimenti marci e scale arrugginite dove a volte si passa il tempo frugando tra cose abbandonate “…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore