Dettagli Recensione

 
L'occhio del male
 
L'occhio del male 2017-04-02 16:38:38 ornella donna
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    02 Aprile, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'invisibile maledizione dell'occhio di Joyce Caro

Joyce Carol Oates è una scrittrice molto prolifica ed in corsa per il Premio Nobel per la letteratura. Ora esce, con l’editore Bompiani, L’occhio del male. Sono quattro racconti dai toni assai cupi. In ognuno di essi spicca il lato “visivo” della storia, all’interno del quale si narra sempre di relazioni affettive malate. Nella prima qualcosa non va in un occhio di un personaggio, la prima moglie di un noto scrittore; nella seconda si parla di stalking, quindi il tema rimanda allo spiare, a vedere nascosto, qualcuno, senza essere visto; nella terza è importante che la vittima abbia visto l’assassino e si rammenti di lui; nella quarta qualcuno abusa di una bambina, un parente, che non viene mai scoperto, mai visto come nel giorno della sua brutale morte. In pratica vi è la giovane moglie di un accademico di Berkeley, una studentessa di New York, un ragazzo associato ad una Fratellanza universitaria di Syracuse e una giovane donna imparentata con un ricco membro del Congresso americano. Tutti questi personaggi hanno in comune una particolare concezione dell’amore. Un amore che a volte deve finire, un amore che non si riesce a trattenere, un amore che confonde la mente e un amore che deve morire per permettere la nascita di un nuovo sentimento. “Ma nessun episodio era scatenato da qualcosa di così innocente e irrilevante. Nessuno era stato così sproporzionato.”
La brevità dei racconto rende la lettura piacevole, anche se al termine di ogni racconto si ha una sensazione di indefinito, di qualcosa lasciato in sospeso, nella particolare concezione dell’autrice secondo cui se è vero che un amore come nasce, lentamente, muore; dopo di che la sua morte lascia nella nostra anima un’impronta indelebile all’infinito. Una lettura “speciale”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Patrick Mac Grath, Follia, e Daphne Du Maurier, Rebecca, la prima moglie.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Masen'ka
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bestiario sentimentale
Il generale e il giudice
L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa
Paranoia