Dettagli Recensione

 
Pic
Pic
 
Pic 2019-03-17 16:39:24 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    17 Marzo, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il sogno di viaggiare

Pic è il ragazzo più nero che si si sia visto nella sua scuola, e quando glielo fano notare dà una bella alzata di spalle e pensa che non ci sia niente di strano. Vive nel North Carolina degli anni '40 in un ambiente profondamente razzista, isolato e con pochi contatti con l'esterno. Pic è felice pensa che nessuno si diverta tanto come lui a starsene seduto col cane sui gradini di un emporio scalcinato e vedere chi passa, a rompere la ragnatela di un ragno o semplicemente a stare in compagnia col nonno. Poi, il nonno muore e la sua vita ha una virata che grazie al suo ottimismo e alla sua curiosità e gioia di vivere gli aprono davanti opportunità inimmaginabili. Una notte suo fratello Slim: la pecora nera della famiglia, quello che se ne è andato a New York per fare fortuna e ha abbondonato i suoi torna e gli chiede di avere fiducia in lui. Pic gliela concede, si lascia caricare sulle sue spalle, e mai se ne pentirà. Quella fuga nella notte è l'inizio di un viaggio, forse per noi banale, ma per un ragazzino ingenuo e più piccolo della sua età è una continua scoperta. Il viaggio su un grosso autobus lo affascina e lo sconvolge allo stesso tempo. Da qui vede la sua prima città, scopre che c'è un confine passato il quale anche lui: un ragazzo nero, diventa un persona come le altre e può scegliere dove sedersi e con chi interagire. Sceso dall'autobus solo pochi giorni per farsi inebriare dalla gande mela. e poi di nuovo in strada per una nuova avventura: questa volta verso la California e con pochi soldi in tasca. Passaggi in autostop, lunghe scarpinate per Pic non altro che un sogno realizzato che neppure sapeva di avere.
Mi è piaciuto molto questo racconto, peccato che si sia per così dire interrotto bruscamente con un arrivo frettoloso alla destinazione e nessuna altra informazione. Ma forse trattandosi di una cronaca di viaggio, così doveva finire.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Viaggio in Russia
Verso le isole luminose. Tahiti, Tuamotu, Marchesi
Cerchi infiniti. Viaggi in Giappone
Le voci di Marrakech
Fuori dal nido dell'aquila
Diario d'Irlanda
In viaggio con Erodoto
La bellezza del Giappone segreto
Una città o l'altra. Viaggi in Europa
Viaggi
Il Mediterraneo in barca
Pic
E quel che resta è per te
Viaggi con Charley
Marocco, romanzo
Bagliori a San Pietroburgo