Dettagli Recensione

 
Come d'aria
 
Come d'aria 2023-07-21 07:36:39 marialetiziadorsi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
marialetiziadorsi Opinione inserita da marialetiziadorsi    21 Luglio, 2023
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un confronto con la disabilità

Vincitore del premio Strega 2023, per quel che può valere, in Come d’aria l’autrice, Ada D’Adamo, racconta la sua storia con una figlia disabile molto grave e portatrice di una malattia genetica rara.
Ammalatasi di tumore metastatico Ada D’Adamo è morta quest’anno prima della proclamazione del premio al quale quindi era ormai predestinata.
E’ un libro che racconta il dolore questo, o meglio è un libro di dolore, secondo un filone già molto ricco. Il dolore può essere raccontato, può costituire uno sfogo da parte dell’autore che sente la necessità di metterlo su carta, può essere però anche sublimato e dar luogo ad altro, letterariamente più interessante. Qui ci fermiamo al racconto del dolore, sincero e che va rispettato, certo. Non riesco però a trovare traccia di grande letteratura. Alcuni dettagli stilistici mi hanno persino infastidito.
Fanno eccezione le parti nelle quali si parla di aborto nelle quali il racconto si fa orazione civile sicuramente di livello più alto.
Ma veniamo alla vicenda. Nonostante gli esami prenatali la disabilità di Daria, la figlia dell’autrice, non risultava, o forse qualcuno non ha saputo leggere correttamente gli esiti, chi lo sa. Smarrita di fronte ad un evento non previsto, l’autrice racconta il suo essere messa da parte già in ospedale all’atto della nascita, il suo sentirsi da subito isolata per qualcosa che nessuno voleva nominare e di cui nulla le veniva spiegato.
E questo senso di isolamento, di riprovazione da parte di chi non sa, di essere secondi, diversi, è un peso che si aggiungerà sempre a un altro peso.
Unica luminosa eccezione sono i bambini, che guardano con curiosità positiva a quella bambina diversa da loro.
Come sempre questi figli divengono totalizzanti, richiedono assistenza continua e pazienza infinita: cambiano del tutto la vita che diviene altro da prima. Eppure Daria, questo il nome, cresce ed è bella: forse, chissà, la sua disabilità non è stata notata proprio perché all’esterno non si nota molto.
Nel frattempo all’autrice viene diagnosticato un cancro al seno metastatico che la porterà alla morte quest’anno, ed ecco che ai problemi di salute della figlia la madre debba aggiungere i suoi.
Cerca Ada, cerca in internet, cerca altre madri, cerca gruppi nei quali confrontarsi. Non per cambiare la situazione, impossibile, ma almeno per capire, per condividere la disperazione.
Sullo sfondo le amicizie, il rapporto con il compagno/marito, e un passo più avanti il cancro e le preoccupazioni per l’avvenire.
Questo “Come d’aria” vuole essere uno sguardo nell’abisso dei sentimenti di una madre che si trova di fronte a ciò che non avrebbe mai voluto, che mette tutta sé stessa per fare ciò che può, che si sente sola di fronte alle difficoltà del quotidiano. Eppure finisce per esserne la cronaca, senza profondità.
Lo stile è essenziale anche se si avverte l’infinito dolore dietro le parole dell’autrice che cerca di razionalizzare la situazione. C’è una madre che si aspettava e ha desiderato tutt’altro, eppure ama quella figlia imperfetta che le ha portato via gli ultimi anni di vita.
Dispiace dover valutare un libro come questo che meriterebbe di essere letto come testimonianza, senza dover per forza esprimerne un giudizio.
Quindi sì, ne consiglio la lettura perché l’ascolto di un genitore di un figlio disabile è un grido al quale va prestata attenzione. Mi fermo però prima di dire che si tratta di grande letteratura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La vita di chi resta, di Matteo B. Bianchi
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ho visto la trasmissione del Premio Strega.
Non so, ma questo libro non mi attrae per nulla.
Era disponibile su Audible, da ascoltare in auto può andare. Comprare il libro non vale la pena.
Concordo con la valutazione e segno il titolo che citi nella, sezione "consigliato a chi legge".
Sono libri simili su dolori diversi. Ti aggiungo anche Storie che non si raccontano della Lattanzio. Tutti scritti con lo stampino.
In risposta ad un precedente commento
siti
24 Luglio, 2023
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Maria Letizia però il fatto che siano così tutti omologati me li allontana.
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Parole nascoste
Ricordatemi come vi pare
Il fuoco che ti porti dentro
Il dolore non esiste
Dare la vita
Come d'aria
Tempesta
Vecchiaccia
Stirpe e vergogna
Proust e gli altri
Una persona alla volta
I due palazzi
Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza