Dettagli Recensione

 
Abbandono
 
Abbandono 2022-09-28 05:38:03 68
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    28 Settembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Verità da riscrivere

“ L’ abbandono “ è un romanzo in parte storico e documentaristico, prevalentemente autobiografico, una saga famigliare che vuole dare un volto all’ ombra che per tutta la vita ha inseguito Katherine, la protagonista, alias Elisabeth Asbrink.
Il testo restituisce un concetto di solitudine che non è malattia ma un sintomo che attraversa un secolo di storia e le vite di Rita, Sally e Katherine, nonna, madre e figlia, accomunate da un unico sentimento condiviso.
L’ autrice ricerca un significato nel proprio destino negato da storia, religione, migrazioni, guerre, persecuzioni, stermini, necessità, paura, sopravvivenza, un desiderio di verità che attraversa tempo e luoghi.
K. si trasformerà in una guerriera della vita, risalirà la corrente per non tollerare la dimenticanza, l’ accettazione di una menzogna, lo stato di oblio che attraversa i propri giorni.
Un viaggio con origini lontane, all’ inizio del’900, quando nonna Rita si innamorò di Vidal, un ebreo spagnolo sefardita, un apolide trapiantato dalla Spagna alla Grecia fino all’ Inghilterra.
A volte Rita pensava che sarebbe stato meglio non averlo mai incontrato, tra loro una menzogna che li avrebbe uniti e separati per anni, ( per evidenti motivi religiosi e di tradizioni famigliari da preservare ), un figlia, Sally, ignara dell’ esistenza del padre che sarebbe diventata un’ insegnante di inglese trapiantata in Svezia.
Un giorno all’ interno della loro famiglia la parola ebreo sarebbe stata invisa, impronunciabile, per Sally sinonimo di abbandono, le proprie origini tedesche negate per preservare il mimetismo della sopravvivenza, cambiando cognome e religione ( abbracciando il cristianesimo).
K. è nata nel 1965, i suoi genitori si incontrarono al consolato britannico di Goeteborg e si innamorarono, due vissuti di paura, di minaccia, due diverse strategie di sopravvivenza, l’abbandono come comune denominatore, quel sentimento pronto ad esplodere che scorre puro nelle vene della loro unica figlia.
K. rimarrà sola con Sally, una mamma amabile e brillante che nasconde una solitudine che sa di pianto, le sorelle altrove con il padre, il mondo sparito, solo lei è rimasta, davanti alla finestra della sua stanza a pensare a come sarebbe bello avere delle persone che le appartengono, un gregge, il suo gregge.
Ha solo undici anni ma è già una centenaria, continua a immagazzinare parole proibite, le rastrella dall’ ambiente circostante, quelle parole che non si possono pronunciare davanti alla mamma-nuvola.
Chi non vuole ricordare finisce con il perdere se stesso e allora non rimane che la menzogna, da sempre in famiglia ci sono due parole negate, ebreo e padre, la parola ebreo conserva un’ oscurità, un filo spinato costeggiato da guardie armate, una vergogna da nascondere e una minaccia incombente, ma c’è anche un desiderio di conoscenza, doveroso, irrinunciabile, è allora che la propria cristianita’ andrà in frantumi.
Un giorno K. si recherà a Salonicco in cerca dei segni del passato, rivedrà Rita a Londra e nonno Vidal nella sua Spagna, dove tutto ebbe inizio nel 1492 quando gli ebrei sefarditi furono cacciati per sempre dalla loro patria.
Lei, guerriera dei ricordi perduti, camminerà per le strade di Salonicco nel viaggio della memoria, attraverserà i cocci di una storia ovattata e dimenticata, calpesterà, come tanti, quelle lapidi bianche estratte da un cimitero violato e distrutto che sono state usate per ricostruire le bellezze artistiche della città.
In lei risuona una voce lontana … “ niente è più intatto di un cuore spezzato “…, un cuore aperto a tutto, che lascia entrare tutto.

..” E l’ imperdonabile? Anche l’ imperdonabile. Il cuore spezzato è grande. Può fare posto a un dirupo di perdono mai concesso, a un massiccio montuoso di no. Si espande attraverso il dolore. Come l’ universo. Come il mio cuore. E il mio cuore batte. Perché io sono K., sono Katherine, sono la Guerriera. Io non perdono “...

Un libro acuto e pensante, romanzato nella prima parte e con precise ricostruzioni storiche nella seconda, che si addentra nel cuore di un sentimento antisemita che ha origini lontane protratte nella modernità in una storia che si ricopre di omissioni e di menzogne.
Origine e identità, collegamento silente di una quotidianità sparsa un giorno destinata ad esplodere e, come sottolinea l’ autrice…
….” Un’ esplosione è collegata all’ altra, tutte portano a me, e io sono nata pronta a fuggire. Per questo scrivo “…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Sempre interessanti recensioni, Gianni.
Notati libro e autrice durante una delle mie periodiche consultazioni al catalogo Iperborea. Ora mi hai ulteriormente incuriosito.
In risposta ad un precedente commento
68
30 Settembre, 2022
Segnala questo commento ad un moderatore
Un testo interessante che sa coniugare trama e ricostruzione storica, sempre partendo da un sentimento condiviso che travalica il tempo…
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il mio sottomarino giallo
Un'estate
Le schegge
Perdersi
Dipendenza
Gioventù
Infanzia
Nuoto libero
Il ragazzo
Gli anni
Le inseparabili
Abbandono
Chiamate la levatrice
Un pollastro a Hollywood
Fuga da Bisanzio
Operatori e cose