Dettagli Recensione

 
Al limite della notte
 
Al limite della notte 2011-06-01 11:05:08 alan smithee
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
alan smithee Opinione inserita da alan smithee    01 Giugno, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

attrazione fatale

Storia di un "amour fou" coltivato piu’ che concretizzato, l’ultima opera di Cunningham raffigura la crescente “attrazione fatale” di un realizzato (almeno in apparenza) gallerista quarantenne della Grande Mela per un giovane prestante ragazzotto furbino, dalle idee un po’ confuse, almeno in apparenza.
Fin qui capirai la novita’… ma a complicare la vicenda c’e’ il fatto che il giovane risulta nientemeno il fratello della moglie, da sempre sogno proibito e segreto del nostro protagonista… . Wow che brivido, che novita’ piccante!!!
Personalmente ritengo che la rappresentazione di una borghesia annoiata e insicura, dedita a spacciare forme di rappresentazione d’arte alternative spesso di pessimo gusto per capolavori, abbia davvero stancato. Ricordo l’imbarazzo provato nel vedere una delle ultime opere cinematografiche del pur grande Woody Allen ( l’insulso Vicky Christina Barcellona) che per temi trattati e vacuita’ di contenuti mi ricorda molto lo stile di questa vicenda tutto sommato solo pruriginosa.
Certo, e’ pur vero che finche’ esiste un ceto dominante disposto a farsi imbambolare da questi fatui mercanti d’arte, vicende come queste sono almeno una naturale conseguenza di questa noia esistenziale dilagante.
Ben gli sta allora al fin troppo cauto protagonista il giochino ricattatorio programmato dal genero birichino!
Certo rimane la professionalita’ di base di uno scrittore raffinato, con un romanzo forse scritto fuori tempo o prematuramente demode’.
Provate in piu’ ad affrontare subito dopo questo libro (come ho fatto io senza un calcolo preciso) un’opera densa e matura come Liberta’ di Franzen e confermatemi se quest’ultimo non sgretola senza pieta’ le potenzialita’ del primo, lasciando solo un senso di vuoto, smarrimento, inutilita’…Se e’ questo il senso del romanzo di Cunningham, allora e’ perfettamente riuscito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso