Dettagli Recensione

 
Portami a casa
 
Portami a casa 2012-03-14 09:58:33 Carlo Turco
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Carlo Turco Opinione inserita da Carlo Turco    14 Marzo, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Leggerezza senza futilità

Judd Foxman, protagonista e narratore del romanzo, si trova a dover affrontare il lutto per la morte del padre in un momento della propria vita particolarmente difficile, a causa del naufragio del proprio matrimonio.
Nonostante che il defunto fosse tutt’altro che osservante e praticante, per rispettarne le ultime volontà la commemorazione si svolgerà secondo il rito ebraico della Shivà: per sette giorni consecutivi i quattro figli – una femmina e tre maschi, tra i quali Judd è in posizione mediana – assieme ai rispettivi coniugi o compagni, soggiorneranno con la madre nella casa paterna, tornandovi da diverse località degli Stati Uniti, per osservare il lutto e ricevere le visite di condoglianze di amici e conoscenti.
Tutta la narrazione si svolge attorno a questi due punti focali. Da una parte, cioè, l’inattesa abitazione coatta dei componenti di una famiglia da lungo tempo incontratisi soltanto sporadicamente e brevemente e, dall’altra, lo sfascio di un matrimonio cui Judd non intende rassegnarsi per quanto ineluttabile gli appaia. Attraverso l’alternanza tra una cronaca delle sette giornate svolta in termini diaristici e l’evocazione di ricordi e riflessioni su eventi presenti e remoti, il narratore riesce a intrecciare in termini funzionali particolarmente efficaci ed avvincenti le storie familiari di più antica data, la cocente crisi coniugale, il confronto - non di rado anche assai virulento - di caratteri, storie, e dinamiche personali, ed anche la riemersione nostalgica di rapporti sentimentali che, radicati nei tempi e negli spazi dell’adolescenza, tornano a proiettarsi nell’attualità.
Si tratta di una lettura particolarmente brillante e gradevole, sorretta dal mestiere dell’autore, che affronta estesamente i temi delle perdite, dei lutti, dei passaggi di età, senza inclinare alla drammatizzazione e senza pretese di profondità . In effetti, anche se il titolo italiano riprende una frase e un momento significativo della narrazione, il titolo originale del romanzo - This is Where I Leave You (Qui è dove ti lascio) - esprime in termini assai più appropriati il senso complessivo della storia e del modo in cui è raccontata.
La chiave fortemente ironica, aliena da sentimentalismi e spesso dichiaratamente anticonvenzionale, contrassegna una scrittura che non di rado, anche grazie alla vivacità dei dialoghi, si fa decisamente esilarante, pur senza escludere momenti di riflessione più acuta e matura. Le vicende si caratterizzano per andamenti e sviluppi che – anche quando prevedibili o addirittura attesi – riescono, almeno per qualche aspetto o particolare, a presentare elementi di sorpresa, contribuendo così a tenere sempre avvinti la curiosità e l’interesse del lettore.
In breve, dunque, il romanzo appartiene al novero delle letture caratterizzate dalla leggerezza, ma senza scadere minimamente nella futilità e, quindi, senza indurre affatto nel lettore la sensazione di aver sprecato del tempo per qualcosa da poco. Al contrario, anche questo è un libro che, alla fine, si chiude con un certo rammarico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Autori come John Irving, Shalom Auslander
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Bene , finalmente qualcuno che conosce Tropper !
Io ho letto Dopo di lei e ho in casa Tutto puo' cambiare.
Leggero' senz'altro anche questo.
Leggero , brillante e non banale Tropper, concordo.
In risposta ad un precedente commento
gio gio 2
14 Marzo, 2012
Ultimo aggiornamento:
14 Marzo, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
davvero??? allora lo agguingo in wl!

bella rece:)
In risposta ad un precedente commento
gracy
14 Marzo, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Questo libro è da almeno 2 anni nella mia libreria, mi sa che a breve lo metterò in lettura.

14 Marzo, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Consigliato a chi ha letto Auslander? Ok, lo tengo presente! ;-)
Complimenti per la recensione!

Ciao,
Amalia
In risposta ad un precedente commento

14 Marzo, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
cUbb...ma è lo stesso Tropper che mi avevi consigliato tempo fa?!
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
14 Marzo, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
@ Amalia
Si si e' lui !
Io ho letto solo DOPO DI LEI e ho in casa un altro titolo .
In inverno leggo roba piu' pesante, in primavera estate amo scritture piu' frizzanti.
Questo sembra bello, non l'ho letto .
Scrive bene TRopper, quando vuoi una pausa non banale e' perfetto.
Almeno Dopo di lei era cosi', romantico , divertente, ben scritto . Una bella commedia.
Mi sta venendo voglia di leggere quello che ho a casa...Lo sto conservando :-)
In risposta ad un precedente commento

14 Marzo, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
@Cub
Lo leggo! Portami via, poi, è invitante!
:-)
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri