Dettagli Recensione

 
Il cerchio
 
Il cerchio 2015-08-06 17:17:29 Anna_Reads
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    06 Agosto, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cos'hai da nascondere?

Il Cerchio – Dave Eggers, 2013

Seconda opera in cui mi imbatto di Dave Eggers e di nuovo un lavoro ricco di spunti e riflessioni.
Con il pretesto di raccontare la storia di Mae, l’autore ci accompagna attraverso una lunga ed appassionante meditazione sulla nostra vita reale e virtuale.
La giovane Mae, dopo la laurea ed alcuni lavori poco soddisfacenti, approda al “Cerchio”, grazie all’aiuto dell’amica Annie, che è già un “pezzo grosso” della dinamica e prestigiosa organizzazione.
Di che cosa si occupi il Cerchio non è poi così chiaro. Diremo genericamente di “servizi”.
Mae comincia, più o meno, come addetta al call-center, ma ovviamente con uno stipendio con qualche zero in più. E il privilegio di lavorare al Cerchio. Qui non solo tutto è nuovo, luccicante ed ipertecnologico. Ma è anche concepito e realizzato per far sentire a proprio agio il lavoratore. Aree verdi, parchi, divertimenti, feste a tema, negozi bio, la possibilità di fermarsi a dormire se si fa tardi. Ma non su un divano letto in ufficio. In un alloggio delizioso, certi di trovare nell’armadio abiti nuovi e lussuosi del proprio gusto e della propria taglia, nel frigo le bevande preferite e il necessario per prepararsi la colazione la mattina dopo.
Tutto gratis, obviously.
Mae, pur abbagliata da cotanto splendore, all’inizio fatica un po’ a integrarsi. Il suo papà è ammalato di sclerosi multipla, l’assicurazione sanitaria dei genitori non gli permette un’assistenza adeguata...
Fastidi.
Che il Cerchio risolve. Basta chiedere.
Ma Mae ancora non capisce.
Erroneamente si convince che lavorando sodo e mantenendo un rendimento eccellente svolga il suo lavoro al Cerchio.
Ma non è così.
Ben presto Mae riceve un “richiamo” ufficiale. Perché non partecipa agli eventi? Perché non commenta (con faccine sorridenti o corrucciate) le iniziative? I prodotti? Le persone? I film? Perché sente il bisogno di fare lunghe remate in canoa senza produrre neanche una foto da condividere con gli altri? Perché lavora lì già da due settimane e nessuno ancora conosce la “playlist” delle sue canzoni preferite?
A questo punto Mae capisce davvero e si immerge anima e corpo nello spirito del Cerchio.
Sedotta (invero molto facilmente) dai lineari ragionamenti di Bailey (co-fondatore del Cerchio), che si basano sull’elementare assunto che «se non sei trasparente, cos’hai da nascondere?», Mae accetta di andare in giro con una telecamera al collo, di postare opinioni su qualunque argomento e di condividere ogni cosa affinché niente vada perso.
E l’esempio di Mae viene seguito da molti, a partire da alcuni politici che fanno della “trasparenza” una bandiera. E, come corollario, si piazzano telecamere ovunque (se non hai niente da nascondere, che problema c’è?) in un crescendo rossiniano che talvolta sfiora il ridicolo, altre il grottesco, altre ancora il dramma.
In tutto questo, alcuni personaggi come i genitori di Mae, l’ex fidanzato Mercer, e un misterioso personaggio che non spoilero, provano a far riflettere la ragazza su quello che sta avvenendo.
Che il mondo reale si stia trasformando nel paradiso degli “smanettoni sfigati”.
Che le raccolte di fondi non si realizzino con denaro, ma con “smile”.
Il tutto verso un mondo distopico governato da felicità, correttezza e trasparenza.
Perché «TUTTO QUELLO CHE SUCCEDE DEV’ESSERE CONOSCIUTO.»
Bello è?
Chiudo con uno scambio a distanza fra Mae e Ty, il fondatore del Cerchio (con sindrome di Asperger che molto poco velatamente “cita” Mark Zuckerberg):
Ty: «Mae, tante delle cose che ho inventato, onestamente, le ho inventate per divertimento, per la voglia perversa di vedere se funzionavano o no, se la gente le avrebbe utilizzate. Voglio dire che era come tirar su una ghigliottina nella pubblica piazza. Non ti aspetti che mille persone si mettano in coda per ficcarci dentro la testa.»
Mae: «Io voglio essere vista. Io voglio una prova della mia esistenza.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il Mondo Nuovo - Huxley
1984 - Orwell
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri