Dettagli Recensione

 
Vite che non sono la mia
 
Vite che non sono la mia 2019-01-08 15:55:03 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    08 Gennaio, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vite

Correva l’anno 2004, era il 26 dicembre in quel dell’hotel Eva Lanka in Sri Lanka. Emmanuel e Hélèn stanno trascorrendo quella che pensano essere la loro ultima notte insieme perché, a distanza di un anno dal loro primo incontro, la passione e il sentimento sono mutati, trasformandosi in un qualcosa di diverso dall’amore e evidenziando quelle diversità e inconcibilità caratteriali. Poi, il mattino. Il superare quel piccolo promontorio, l’apprendere di quel che è successo in quegli attimi e in quelle ore che loro si erano dedicati. Perché quello che l’uomo si trova di fronte dopo essersi di poco allontanato dalla struttura alberghiera è un qualcosa di tanto inaspettato quanto devastante: morte, distruzione, devastazione, dolore, perdita, caos, sono lo scenario che si apre ai suoi occhi dopo l’onda. Un terremoto di magnitudo 9,1 che ha colpito l’Oceano Indiano al largo della costa nord-occidentale di Sumatra e della durata di 8 minuti, a cui è seguito il maremoto da cui è stata determinata l’onda alta decine di metri che ha colpito e portato via con sé, sotto forma di immensi tsunami, tutto quel che ha trovato sul suo cammino, hanno causato desolazione, distruzione, feriti, vittime, sfollati. Senza alcuno risparmiare. Da questo momento hanno inizio le ricerche, Hélèn come tutti gli altri sopravvissuti iniziano a cercare i possibili superstiti, a tenere i contatti con il mondo esterno, e quella che prima era il dramma privato diventa evanescente per lasciar posto a quello che è il dramma collettivo.

«Ha chiuso gli occhi aspettandosi di essere stritolato da uno di quei relitti enormi e li ha tenuti chiusi finché il mugghio spaventoso della corrente si è calmato per lasciare spazio ad altro, grida di uomini e donne feriti, e allora ha capito che il mondo non era finito, che lui era vivo, che il vero incubo iniziava adesso»

«Questi normali inconvenienti che nella vita normale sono semplicemente seccanti, in simili circostanze straordinarie diventano insieme mostruosi e provvidenziali perché definiscono un compito da assolvere, danno una forma allo scorrere del tempo.»

I giorni passano rapidi, il tempo è un limbo, è ovattato, la dimensione del disastro è una dimensione parallela a quello che accade nel resto del pianeta. Poi, il ritorno a casa. La vita che riparte con quel retrogusto amaro per chi quella possibilità di vivere l’ha perduta. La vita, ancora lei, che torna a bussare alla porta della famiglia di Carrère con tutta la sua drammaticità e con una avversità, questa volta, tutta familiare perché oggetto della malasorte non è altro che la sorella di Hélèn, Juliette, a cui è stato diagnosticato un tumore al seno in metastasi ai polmoni. Ed è qui che entra in scena Étienne, compagno di quest’ultima e protagonista indiscusso di detta seconda parte del volume.
Lo scrittore, allora, non può far altro che osservare, osservare, osservare e poi, scrivere. Riportare con cura e con dovizia quei particolari che hanno caratterizzato lo scenario di morte in Indonesia, riportare quel coraggio e quella forza che ha toccato una esistenza condannata dalla malattia alla morte. L’autore, che nella prima parte dell’opera indossa i panni del giornalista – quando tale in verità sarebbe la convivente –, trasmette l’angoscia, la paura, quel senso di devastazione determinato dall’aver perso tutto, quel coraggio e ancora quella voglia di ricominciare, di credere in un nuovo domani, in un nuovo futuro. Nella seconda, si spoglia al contrario del suo io tendenzialmente narcisista e per primo si mette a nudo, con le sue paure, le sue fragilità, il suo bisogno di ricevere coraggio. A cornice di questa ulteriore sezione del componimento, il desiderio di giustizia. Il tutto con quel velo di distacco che permette a chi legge di analizzare e vivere sulla pelle le vicende.
Un elaborato dove il vero protagonista è la morte, dove le pagine trasudano di coraggio e di dolore, dove il lettore non può far altro che soffermarsi a riflettere e a interrogarsi sul nostro essere effimeri, sulle nostre priorità spesso futili, sulle verità di quel che ci circonda, su quel che abbiamo più caro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Maria, vedo che il libro non ti è dispiaciuto. Ma l'idea di accostarmi nuovamente a un testo di Carrere quasi mi fa venire l'orticaria.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
09 Gennaio, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ci credo Emilio, ho avuto difficoltà anch'io ad avvicinarmi a questo autore, soprattutto nulla prima parte di questo romanzo. Credo che aspetterò un bel po' prima di leggere altro di suo anche perché questa lettura ""molto allegra"" me la sono lasciata per il periodo Natalizio... Ho detto tutto! Ahahahah!
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore