Dettagli Recensione

 
Uomini e topi
 
Uomini e topi 2019-03-19 08:54:17 Valerio91
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    19 Marzo, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'INCOMUNICABILITÀ DEGLI UOMINI

Avevo una paura matta di cominciare la mia esperienza con John Steinbeck da “Furore”. “E se non mi piace?” dicevo a me stesso, pensando che poi mi sarei dovuto sciroppare un bel mattoncino che avrei fatto fatica a finire (ma che avrei certamente finito, se ho finito Anna Karenina, posso finire tutto). Non mi linciate per questa ultima parentesi, sono gusti.
Tornando a Steinbeck, mi sono detto che avrei dovuto cominciare con qualcosa dalla mole un po’ più ridotta, come faccio un po’ con tutti gli autori; dunque ho deciso di acquistare “Uomini e topi” e cominciare da questo. Conclusione? Non vedo l’ora di leggere Furore, ragazzi, e credo che non vedrò l’ora di leggere tutto quello che questo autore ha scritto. Non so se questo libro sia perfetto come asserisce Nick Hornby, ma posso tranquillamente dire che sia un gioiello di rara bellezza. I motivi? Bene, vi farò un elenco: personaggi caratterizzati alla perfezione, ambienti che nella mente del lettore prendono praticamente vita con descrizioni che non risultano ostiche né inutilmente lunghe, dialoghi assolutamente efficaci. Ma andiamo oltre. Steinbeck riesce a regalarci uno spaccato d’umanità che secondo me altri autori non sarebbero in grado di mettere insieme nemmeno con un libro di mille pagine: il messaggio passa forte e chiaro, il pensiero dell’autore ci arriva forte tramite analogie che lui non spiega esplicitamente ma che sono più che chiare.
Devo dire che alcuni tratti mi sono sembrati un po’ crudi, ma è dovuto alla mia sensibilità soprattutto quando ci sono di mezzo cani e cagnolini. Non ci sono torture, state tranquilli, né violenza gratuita. Ogni cosa in questo libro ha il suo perché, la sua spiegazione, e ci rendiamo conto che per quanto triste da leggere era comunque necessario scriverla.
Il messaggio che mi è arrivato più forte è l’incomunicabilità fra esseri umani. Per quanto possiamo conoscerci a fondo spesso non riusciamo a capirci; spesso veniamo fraintesi; spesso veniamo accusati di fare cose che non sono neanche lontanamente nei nostri pensieri ma che il pensiero comune ha contribuito a far diventare verità incontrastabili. Sono tanti i personaggi che, a un occhio superficiale, possono apparire in un modo; ma basta essere disposti ad ascoltare per capire che oltre la facciata può esserci molto di più. Emblema di questo aspetto sono i personaggi dello stalliere di colore e della signora Curley, senza dimenticare uno dei due protagonisti: Lennie. Non posso essere certo che questo aspetto volesse essere messo in risalto intenzionalmente da Steinbeck, ma a me questo messaggio è arrivato in maniera prepotente insieme a quello più esplicito dell’incapacità di stare al mondo; dell’impossibilità di vivere insieme ad altri, per alcuni uomini particolari. È un argomento controverso, che Steinbeck porta alla nostra attenzione.
Ci sono cose che un uomo deve fare. Probabilmente.

I protagonisti di questa storia sono George e Lennie, due braccianti che lavorano stagionalmente nei ranch. Il primo è un uomo sveglio, intelligente e gran lavoratore; il secondo è un uomo grande e grosso, scemo ma innocente e semplice come un bambino, che nelle sue intenzioni non vorrebbe far mai male a una mosca ma che a causa della sua mole si ritrova anche a uccidere topi che tiene nel palmo della mano, per accarezzarli. All’inizio di questa storia sono in fuga dall’ultimo ranch in cui hanno lavorato, a Weed, proprio perché Lennie voleva accarezzare il soffice vestito di una ragazza che viveva lì. Non aveva altre intenzioni, solo accarezzare la morbidezza di quel vestito. Ma, come dicevamo, l’incomunicabilità è una piaga e quello che appare viene quasi sempre considerata verità. Dunque George e Lennie scappano e cominciano a lavorare in un altro ranch, dove fanno amicizia con gli altri lavoratori e si scontrano con Curley, manesco figlio del loro datore di lavoro e marito di una donna piuttosto controversa, che sembra essere lì appositamente per portare guai. Ma George e Lennie non contano di stare lì per molto; hanno un sogno che perseguono con tutte le proprie forze: avere un posto tutto loro in cui vivere una vita tranquilla, coi frutti della propria terra; vogliono solo essere liberi e non doversi spaccare la schiena per qualcun altro. Una vita semplice: stare di fronte a una grande stufa e ascoltare il ticchettio della pioggia. Badare ai conigli, come direbbe Lennie.
Il tempo che trascorreranno in questo ranch porterà alla luce tante di quelle cose, che davvero non so dire come l’autore ne sia stato capace in così poche pagine.
Davvero un capolavoro, probabilmente.

“«Beh, Curley è abbastanza manesco,» disse lo scopino con aria scettica. «Non mi è mai sembrato giusto. Poniamo che Curley salta addosso a uno grosso e gliele suona: tutti a dire quant’è in gamba Curley. Ma poniamo che fa la stessa cosa e viene suonato: allora tutti a dire che quello grosso doveva menare uno della sua stazza, e magari lo aggrediscono tutti insieme. Non mi è mai sembrato giusto. È come se Curley non desse scampo a nessuno.»”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

siti
19 Marzo, 2019
Ultimo aggiornamento:
19 Marzo, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Entusiasmo contagioso ma Anna Karenina non te la perdono ancora! Ciao Vale.
Conosco poco il celebre autore. "Furore" però mi è assai piaciuto. Vedo che anche questo libro ti ha decisamente soddisfatto.
Bel commento Valerio, complimenti. Anch'io voglio iniziare a leggere Steinbeck e avevo fatto la tua stessa riflessione e partire proprio da questo romanzo. Dopo aver letto la tua recensione non vedo l'ora!
Steinbeck VA letto! Senza se e senza ma! Io per una breve stagione (tra i 20 e 23 anni cioè millanta anni fa) avrei letto solo Steinbeck e Remarque. Poi sono rinsavito, ma continuo a considerarlo uno dei migliori scrittori americani. Non c'è suo scritto che non mi sia piaciuto fosse un romanzo o un racconto ha sempre catturato la mia attenzione. Tralasciando il masterpiece "Furore" ti segnalo in particolare "La valle dell'Eden" (monumentale e di tragicità biblica), la divertente antologia de "I pascoli del cielo", lo storico "La Santa Rossa" (sul corsaro Morgan) e il crepuscolare "L'inverno del nostro scontento".
In risposta ad un precedente commento
kafka62
20 Marzo, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Concordo con Franco Antonio. Aggiungerei anche tra i capolavori di Steinbeck, per il suo indimenticabile finale, "Al Dio sconosciuto".
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
21 Marzo, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Laura!
Sì, lo so, la Karenina in pochi me la perdonano :D

Vale.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
21 Marzo, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio,
sì, mi è piaciuto moltissimo; probabilmente la migliore lettura del 2019 finora, un gradino sopra "Opinioni di un clown" di Böll. "Furore" lo leggerò prima possibile!

Vale.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
21 Marzo, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Chiara,
grazie mille! Quando un libro ti colpisce è molto più facile scriverne una recensione efficace, e sono contento di averti dato una spinta! Non vedo l'ora di sapere che ne pensi!!

Vale.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
21 Marzo, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao FrancAntonio,
purtroppo tra le miriadi di libri che avevo in coda, il momento di Steinbeck è arrivato soltanto ora. Ma con questo "battesimo" metterò nella mia lista dei desideri tutte le sue opere. Tutte, nessuna esclusa. Comincio a segnarmi tutti i titoli che mi hai citato e, oltretutto, vorrei dire: ma quanto cavolo è bello già solo il titolo di "L'inverno del nostro scontento"?

Vale.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
21 Marzo, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Giulio,
mi segno anche questo, grazie!

Vale.
12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna