Dettagli Recensione

 
Io, Partenope
 
Io, Partenope 2018-03-03 16:34:06 catcarlo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    03 Marzo, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un addio minore

‘Io, Partenope’ è l’ultima opera firmata del suo autore, uscita postumo e in maniera affrettata: non si sa se diano più fastidio la moltiplicazione delle pagine attraverso il carattere grande e i margini esagerati o gli errori nel testo che vanno dai banali refusi ortografici a ripetizioni di concetti a distanza di pochi capitoli che una rilettura attenta avrebbe di certo evitato. Ciò detto, si tratta pur sempre di un libro di Vassalli: ci sono il suo stile nel raccontare, semplice eppure coinvolgente, nonché la capacità di illustrare il presente degli italiani nello specchio di una storia di quattro secoli fa. Entrando in scena di persona durante il prologo, lo scrittore piemontese narra la vita di Giulia di Marco, povera contadina molisana che, dopo un’infanzia e un’adolescenza difficili (viene venduta dalla madre a un anziano mercante), giunta a Napoli si fa terziaria francescana scoprendo per caso un nuovo modo di pregare che implica l’estasi mentale e fisica. Il successo crescente ingrossa le fila degli adepti, ma mette in movimento i meccanismi repressivi della Chiesa controriformista: la donna e i suoi più stretti collaboratori vengono trascinati davanti al tribunale dell’Inquisizione, che si mostra interessato soprattutto al ruolo che, nella faccenda, riguarda il corpo fino all’inevitabile abiura pubblica. A questo punto la narrazione si stacca dalla realtà storica e, al contempo, si conclude la sezione più interessante che può essere considerata una sorta de ‘La chimera’ in tono minore e con meno sfumature, ad esempio i toni anticlericali sono più netti, ma efficace nel descrivere le piccolezze degli uomini che perseguono i propri interessi. La vera Giulia passò il resto dei suoi giorni a Castel Sant’Angelo, quella del romanzo viene invece ripescata dal cardinal Carafa, vescovo partenopeo, che la inserisce fra i suoi dipendenti il che le consente di fare la conoscenza con Gian Lorenzo Bernini, l’autore della nuova Roma e pure di quell’’Estasi di santa Teresa’ che pare ispirarsi assai alla comunione con Dio della protagonista. Malgrado ci sia una bella rievocazione della città barocca che fa il paio con la Napoli della prima parte e siano vari gli spunti che si riflettono sull’attualità – dal ‘puttanesimo’ impersonato da Costanza Bonarelli allo stesso Bernini che esce pulito da un brutto affare di ricatti e violenze grazie alle protezioni altolocate – il racconto perde mordente non riuscendo davvero a incidere in profondità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono
Una piccola pace
Gente in Aspromonte