Dettagli Recensione

 
L'architettrice
 
L'architettrice 2020-05-20 14:37:30 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    20 Mag, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Volti di donne della storia

Se c’è una caratteristica che contraddistingue sempre e immancabilmente Melania Gaia Mazzucco è la profonda intensità, mixata al grande lavoro di ricerca, che caratterizza ogni sua fatica.
Siamo nel 1600, Plautilla Briccio, una giovane forse non dotata di una particolare grazia e di una conturbante bellezza, è la figlia di Gionanni Briccio, a sua volta figlio di materassaio. Tuttavia, ella è dotata di un grande spirito di osservazione, occhi attenti e una curiosità innata che fanno la differenza. Ha un carattere forte, determinato ma ha anche un naturale spirito di apprendimento; assorbe le conoscenze del padre, le fa proprie, le custodisce. Accetta, cioè, di essere avviata all’arte della pittura, alla scienza, all’architettura. Come spesso accade resta vincolata al nome di famiglia, un nome, nel suo caso, di umili origini, circostanza che se sommata all’esser donna, la penalizza non poco. Sarà proprio questa sua indole combattiva a permetterle di arrivare ad essere la prima architettrice di Roma.
Quello che ci viene rappresentato dall’autrice è il volto di una donna moderna intrappolata negli schemi e nei dogmi del tempo passato, una donna che non si arrende di fronte alle avversità. È il volto del sacrificio, è il volto di un personaggio che ha faticato a trovare posto nella storia a causa della propria natura di donna e a causa delle proprie modeste origini. Ancora più complesso, se ci pensiamo bene, è stato raggiungere un traguardo così ambito in una fase storica all’interno della quale al gentil sesso non era riconosciuta o semplicemente contemplata alcuna forma di parità al genere maschile. Attorno al suo volto oscilla un caleidoscopio di personaggi che per mezzo della loro voce parlano di tematiche a noi vicine quali la possibilità di un riscatto, il desiderio di un futuro diverso e costruibile ove impedimenti e razzismi, ostacoli precostituiti e schemi mentali rigidi, sono assenti.
Un romanzo forte, stratificato, intenso. Un elaborato che riporta alla luce un personaggio storico caduto nell’oblio, un elaborato la cui vera forza è la narrazione. Nonostante, infatti, le oltre 568 pagine, lo scritto è caratterizzato da una penna fluida, rapida, precisa ma anche accattivante. Un componimento che è un piacere, un arricchimento e un approfondimento leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Maria mi hai veramente incuriosito, ottima recensione.
Fede
In risposta ad un precedente commento
Mian88
21 Mag, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Fede anche tu che come me ami il romanzo storico e ancor più i personaggi femminili nella storia, non potrai che amare questa vicenda e i volti che riporta alla luce. Non vedo l’ora di conoscere la tua opinione in merito :-)
Così è piaciuto anche a te! Brava la Mazzucco, super documentata dalla penna ricca e versatile. A me gli Intermezzi, solo quelli, mi davano leggermente fastidio... Per il resto mirabile
Bella recensione, invitante...
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono
Una piccola pace
Gente in Aspromonte