Dettagli Recensione

 
Al contrario
 
Al contrario 2021-09-09 08:40:35 cesare giardini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    09 Settembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

1927: a Malavacata arriva il nuovo medico condotto

Giuseppina Torregrossa è una delle scrittrici che apprezzo di più. Non solo per una comunanza di interessi (è infatti medico come me), ma anche per le sue attività in campo sociale e soprattutto per il grande amore per la sua terra, la Sicilia, ed il suo stile ricco di espressioni dialettali. Lei stessa ha recentemente affermato (giugno 2021) in occasione del conferimento di una laurea honoris causa, di aver imparato il dialetto prima dell’italiano, e, citando DeMauro e Pirandello, che “il dialetto rimane la lingua degli affetti” ed “esprime il sentimento di una cosa, mentre la lingua il concetto di quella cosa”. Nel suo nuovo romanzo, l’autrice ci trasporta in un borgo dell’entroterra siciliano, uno spaccato di vita contadina, Montevacata: qui arriva da Palermo, e subito se ne pente, un nuovo medico condotto, il dottor Giustino Salonia, un uomo bizzarro, dal carattere difficile, gran sciupafemmine. Ha lasciato Gilda, la moglie, a Palermo ma sembra che poco gliene importi. Corre l’anno 1927, il dottore cerca casa e comincia ad ambientarsi nel nuovo paese. Conosce qualche paesano, il saggio Mimì, Ignazio un tuttofare infido, adulatore, e soprattutto il federale del posto, don Ettore, che cerca di farselo amico procurandogli abitazioni sempre più confortevoli fino a ricattarlo: se accetterà, pur controvoglia (il dottor ha idee politiche ben lontane dal fascismo) di fare il podesrà del paese, don Ettore gli cederà in affitto addirittura una parte di una residenza nobiliare del posto. Il dottore accetta, ingolosito dall’offerta, di svolgere mansioni non conformi ai suoi principi, come del resto in altre occasioni, ed è in questa caratteristica del personaggio la ragione del titolo del romanzo stesso. Non solo, c’è anche una ragione anatomica: il dottore è anche affetto da una rara malformazione congenita, il “situs viscerum inversus”, cioè la disposizione di alcuni organi (il cuore, ad esempio) al contrario. A poco a poco il nostro spopola nel paesino, riesce a conquistarsi il favore dei potenziali pazienti, pur tra litigi, incomprensioni, colpi bassi, tipici di un ambiente poco aperto al mondo esterno. La moglie lo raggiunge da Palermo, i figli aumentano, gli anni passano: ma ecco la guerra e la chiamata alle armi dei maschi del paese. Il dottore, poco incline alla vita familiare, parte subito volontario. Inizia qui la seconda parte del romanzo. Se il titolo della prima era “Nel tempo degli uomini”, quello della seconda è “Il tempo delle donne”. Si nota una sottile differenza: se il primo titolo evoca soprattutto fatti avvenuti “nel tempo” degli uomini, il secondo titolo mette in primo piano le donne. E sono le donne, rimaste sole, che dopo periodi di gelosie e di ripicchi, prendono in pugno la situazione, si organizzano, dal lavoro nei camoi alla gestione dei beni, e riescono a formare una società al femminile dove tutto sembra funzionare meglio e con rispetto reciproco. La guerra finisce, gli uomini tornano dal fronte, Gilda incontra un amore di gioventù e si leva quelle soddisfazioni che il marito non ha saputo darle. Il dottor Giustino, invece, ritornato pure lui, ha con sé un flacone con una innovativa e miracolosa polverina bianca (penicillina), sottratta a un ospedale da campo americano e capace di cambiare terapia e prognosi di tante malattie a quel rtempo difficilmente curabili.
1927-1945: quasi vent’anni di vicende in un mondo antico, quasi sperduto nell’entroterra siciliano. L’autrice ha saputo cogliere l’autenticità di questo mondo, ne ha esaltato i valori ancestrali, fatti di pazienza, coraggio, speranza. Lo stile, impreziosito da espressioni dialettali, è arguto nel descrivere i rapporti idilliaci o burrascosi tra i vari personaggi, ricco di annotazioni precise nel farci partecipi della bellezza di paesaggi incontaminati in angoli poco conosciuti della terra di Sicilia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi di Giuseppina Torregrossa.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bella recensione, invoglia alla lettura, ho in lista alcuni libri di questa autrice che ancora non conosco, mi sa che inzierò da questo....
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Eredi Piedivico e famiglia
I giorni di Vetro
Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono