Dettagli Recensione

 
Ferrovie del Messico
 
Ferrovie del Messico 2023-04-17 06:31:43 marialetiziadorsi
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
marialetiziadorsi Opinione inserita da marialetiziadorsi    17 Aprile, 2023
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Affascinante!

Un gioiellino questo romanzo di Gian Marco Griffi candidato al premio Strega per la sua grazia, la leggerezza, la sottile ironia che lo pervade insieme a momenti di puro lirismo.
Non si tratta di un romanzo “facile”, arriva da una piccola casa editrice e difficilmente lo si troverà promosso sui mezzi di comunicazione più popolari sui libri. Merita però sicuramente di essere avvicinato dal lettore più appassionato e che cerca sempre qualcosa che lo porti fuori dalla consuetudine, anche nel narrare storie. E proprio qui il vero lettore trova pane per i suoi denti. Niente facile retorica, nessuna storia strappalacrime, nessun bisogno di trovare stranezze per affascinare.
Ferrovie del Messico è il classico romanzo corale che potrebbe essere senza fine tale è la capacità narrativa dell’autore. La vicenda è di estrema semplicità. La storia si svolge ad Asti e vede il milite della Guardia nazionale Repubblicana ferroviaria Cesco Magetti, tormentato dal mal di denti che mai risolverà per la sua paura del dentista, che riceve l’assurdo ordine di preparare in una settimana una mappa dettagliata delle ferrovie del Messico. Ovviamente il protagonista non sa da dove cominciare. Inizia quindi la sua ricerca, con capitoli che talvolta tornano indietro nel tempo con lunghi flashback per approfondire le storie di alcuni personaggi che il protagonista incontra nel corso del suo difficilissimo tentativo di trovare un libro che dovrebbe aiutarlo nella compilazione della mappa. Lo troverà? Gli servirà? Riuscirà nell’intento? Questo lo lascio al lettore. Anche se in fondo non è in questo il vero scopo e il senso del libro.
La galleria di personaggi incontrati è infatti il cuore del libro. Ciascuno con la sua particolarissima storia viene narrato dalla penna agile e leggera dell’autore che ce li rende umani e vitali regalandoci quando un momento di comicità ed un sorriso, quando pagine di vera commozione. E ne nasce la perfezione di un romanzo narrato da tutti coloro che il protagonista incontra.
Altro punto di forza è l’infinita capacità narrativa dell’autore. Il romanzo infatti termina quando l’autore decide di farlo finire, ma potrebbe ancora proseguire, le storie si avvicendano e legano perfettamente una all’altra. E in fondo in fondo al lettore dispiace lasciare una storia in grado di stupirlo e portarlo con sè in mondi e storie che trascinano nel loro divenire.
Consigliato? Senz’altro, a veri lettori. Felice della sua candidatura allo Strega. Completamente meritata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Maria Letizia, le caratteristiche di cui parli, "grazia, leggerezza, sottile ironia, lirismo" , sono tutti 'ingredienti' che apprezzo molto. La mia titubanza semmai è quella di affidarmi a un autore nuovo italiano, considerate le delusioni su libri anche molto elogiati. Il tempo a nostra disposizione non è illimitato e ogni libro mediocre che leggiamo toglie il posto a un libro bello.
Condivido in pieno il tuo pensiero, anche a me non piace perdere tempo e soldi in libri che non mi piacciono. E sono d'accordo al 100 per cento sugli autori molto elogiati. Non voglio risultare blasfema per qualche autore molto sopravvalutato facendo nomi.
Il mio libraio quando me lo ha proposto mi ha detto: "questo è per lettori veri, se non lo leggi tu...".
Quindi se ami trovare qualcosa di ricercato e un po' diverso dal solito medio livello del premio Strega provaci. Altrimenti lascia stare.
Grazie, Maria Letizia, per l'incoraggiamento.
Ciao Maria Letizia, grazie per il tuo parere, sono contenta che ci sia un libro valido tra i candidati al premio. Io ho letto "La sibilla. Vita di Joyce Lussu", di Silvia Ballestra, posso dire che meriterebbe il premio, naturalmente lo consiglio.
Grazie, lo leggerò
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Eredi Piedivico e famiglia
I giorni di Vetro
Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono