Dettagli Recensione

 
La Malnata
 
La Malnata 2023-04-22 04:40:16 siti
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
siti Opinione inserita da siti    22 Aprile, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Operazione editoriale

Piccola storia della piccola Italia fascista, storia ambientata a Monza ai tempi della guerra in Etiopia, un piccolo universo umano opportunamente dicotomizzato in buoni e cattivi: i borghesi prepotenti, fascisti e sciupafemmine, i poveri, popolani e antifascisti, portatori di un’etica familiare positiva basata sull’amore e sul rispetto reciproco. In mezzo a questi due mondi una ragazzina che funge da cerniera, è Francesca Strada, la figlia di buona famiglia che incontra i Malnati, due ragazzini quattordicenni che trascorrono il loro tempo sul Lambro in compagnia della Malnata, Maddalena, tacciata dalla piccola comunità rappresentata come portatrice di sventure, una piccola strega, riconoscibile anche dal viso segnato da un angioma che dalla tempia scende al collo. Francesca e la Malnata diventano amiche tra alterne vicende e la maledizione della seconda ricade sulla prima la quale viene contaminata dalla cattiva frequentazione fino ad un epilogo risolutivo che giunge a sciogliere una brutta faccenda anticipata dal prologo e lasciata presagire al lettore.

Rimasta vaga sulla trama, onde evitare di sciogliere quei pochi nodi che rendono la lettura vivace ma prevedibile, mi esprimo sulla qualità dell’operazione editoriale messa in atto: è evidente che la capacità di scrittura della giovane autrice sia stata purtroppo oltremisura esaltata e finalizzata, un esordio letterario cui seguirà una serie televisiva e un’uscita contemporanea in traduzione in trentadue lingue. Non ho letto un capolavoro e ciò mi lascia perplessa, la scrittura è a tratti ingenua, casserei del tutto l’orribile episodio del primo flusso mestruale, affinerei la caratterizzazione psicologica, inserirei qualche anacronia e migliorerei l’ambientazione, farei lievitare la storia con un nutrito numero di pagine in più, tutte necessarie e smetterei di pensare ai romanzi come a prodotti da immettere nel mercato. Auguro alla scrittrice un percorso più autonomo e indipendente da queste logiche sperando che nel frattempo non la danneggino. Il romanzo verrà letto e apprezzato ma spero che il nuovo canone letterario possa nutrirsi di altro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
romanzi di formazione, non consigliato a chi apprezza le opere letterarie
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Libri come questo sono letture che evito d'istinto. E, Laura, con quanto rilevi, mi confermi nella mia convinzione.
Già il titolo non mi piace assolutamente. Il resto mi pare guazzi tra i 'luoghi comuni' di certa Italietta. Certo che c'è da augurarsi "che il nuovo canone letterario possa nutrirsi di altro" . Mi pare purtroppo che molta produzione recente della nostra editoria si muova invece in quell'acqua lì. E si tratta di testi con buon riscontro di vendite.
Personalmente avverto l'esigenza di libri che abbiano un respiro diciamo 'internazionale' .
In risposta ad un precedente commento
siti
27 Aprile, 2023
Segnala questo commento ad un moderatore
Ti capisco Emilio.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I giorni di Vetro
Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono
Una piccola pace