Dettagli Recensione

 
Come vento cucito alla terra
 
Come vento cucito alla terra 2023-09-02 14:07:46 lapis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    02 Settembre, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ago e filo

Ago e filo per cucire la vita, per salvarsi, per emanciparsi.

A cucire sono mani femminili, le mani delle prime donne chirurgo nell’Inghilterra di inizio Novecento. Guardate con diffidenza, se non ostilità, esercitano fuori dagli ospedali tradizionali, operando solo povera gente che non può permettersi i “dottori veri”. Ma al fronte anche quelle mani di serie B potrebbero servire. La Grande Guerra rappresenta allora per loro l’occasione di dare vita a un primo ospedale militare tutto femminile, di dimostrare il proprio valore, di fare qualcosa per cambiare la società.

A cucire sono anche mani maschili, le mani dei soldati tornati invalidi dal fronte. Sono uomini smarriti, incapaci di immaginare il proprio futuro, di riconoscersi in quei corpi, straziati e mutilati, che non possono più tornare al fronte a combattere. È in questo contesto di dolore e disillusione che qualche volontario ha l’idea di proporre tra le corsie d’ospedale l’arte del ricamo, per provare a ricucire anime ferite.

“Non c'era poi molta differenza tra cucire un corpo e ricamare per salvare ciò che di umano era sopravvissuto dentro.”

Ago e filo, per Ilaria Tuti, diventano fantasia e parole. Con questi strumenti di ricamo, l’autrice friulana va a confezionare una bellissima storia in cui si intessono in un unico ordito due filoni narrativi, entrambi ispirati a fatti realmente accaduti. Non si tratta però di un romanzo storico, le lotte per l’emancipazione femminile e la Prima Guerra Mondiale vengono ben raccontate ma sono solo lo sfondo alla vita, alle scelte e ai sentimenti dei personaggi. Fluida, coinvolgente ed espressiva, la scrittura arricchisce le pagine di emozioni. Il coraggio di donne spaventate ma risolute che hanno deciso di rischiare tutto per inseguire un sogno. La forza e il dolore di uomini a pezzi, convinti di non avere più nulla e che invece in quello strano mondo femminile riescono a ritrovare una speranza. Ci si accorge allora che, al di là dell’ambientazione storica, il romanzo parla della difficoltà, universale e attualissima, di affrancarsi da pregiudizi e catene sociali, di accettare la diversità e i cambiamenti che il destino ci mette di fronte, di trovare il proprio posto nel mondo. Vivere è cucire.

“Anche la sutura, come il ricamo, è un atto d’amore. È come l’amore, no? Unisce e risana”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I giorni di Vetro
Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono
Una piccola pace