Saggistica Fumetti La terra, il cielo, i corvi
 

La terra, il cielo, i corvi La terra, il cielo, i corvi

La terra, il cielo, i corvi

Saggistica

Editore

Casa editrice

Tre uomini, un russo, un tedesco e un italiano, in fuga da una prigione russa alla fine della Seconda guerra mondiale. Non si capiscono tra di loro, ma soprattutto si riveleranno molto diversi da come appaiono. Il lento disvelamento dei loro segreti, mentre il tempo per mettersi in salvo si riduce sempre di più, porterà alla scoperta della verità più imprevedibile per uno di loro. Una storia interamente all'acquerello.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Sceneggiatura 
 
4.5  (2)
Disegno 
 
5.0  (2)
Originalità 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Sceneggiatura*
Disegno*
Originalità*
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La terra, il cielo, i corvi 2022-06-05 15:49:10 Pelizzari
Voto medio 
 
4.3
Sceneggiatura 
 
4.0
Disegno 
 
5.0
Originalità 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    05 Giugno, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Incomunicabilità

Un italiano, un russo ed un tedesco. Sembra l’inizio di una barzelletta, ma non la è. E’ uno strano aggregato di anime, che si ritrovano in fuga. E’ uno strano miscuglio di lingue, che comporta incomprensioni, incomunicabilità, ma, nei momenti essenziali, stranamente anche intesa. Mi ha fatto uno strano effetto leggere questo fumetto proprio in questo periodo. Mi sono piaciuti molto gli espedienti grafici che subito ti proiettavano nel passato, flashback che hanno irrobustito la storia. La grafica è eccellente, perché riconosci il passato, il presente, il freddo, la gioia, la serenità, anche solo dai colori. I commenti in certi punti sono pura poesia. In altri punti non servono, basta il disegno. Avrei preferito dei sottotitoli alle espressioni in lingua, ma forse il non metterli era un modo per farti entrare di più dentro la storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
La terra, il cielo, i corvi 2022-02-09 08:27:40 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.7
Sceneggiatura 
 
5.0
Disegno 
 
5.0
Originalità 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    09 Febbraio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tre uomini in fuga... dalla guerra

“Comincia come una barzelletta. Di quelle che si raccontano giù, al crotto dei platani davanti a un piatto di semuda e zincarlin, e vino fresco di cantina. Ci sono un italiano, un russo e un tedesco. Non si conoscono. Non si piacciono. Non si capiscono”.
E la storia è proprio questa, come la sintetizza, con queste poche parole, Attilio Limonta, voce narrante della storia. Durante un durissimo inverno di guerra, tre uomini si trovano uniti da un destino beffardo. Fuchs, sergente della Wehrmacht riesce a fuggire dal gulag sovietico dov’è prigioniero. nelle isole Solovetskji, sul mar Bianco. A lui, durante le primissime fasi dell’evasione, si unisce Attilio, alpino della 2^ Divisione, Corpo d’armata italiano in Russia. I due prendono prigioniero un soldato sovietico (Vanja) a cui nessuno dei due, per diverse ragioni, riesce a sparare. I tre non si comprendono e si odiano a vicenda, ma sono costretti a convivere e collaborare per aver salva la vita in un ambiente ostile ove le minacce non provengono solo dal clima terribile, ma dai soldati degli eserciti contrapposti che sparano a vista. La meta è a sud, dove, forse, per il tedesco e l’italiano ci potrebbe essere la libertà. E per il russo?
La lunga marcia nella neve, le difficoltà, l’inevitabile comunanza, affratelleranno i tre uomini, almeno provvisoriamente. Perché se pure nasceranno simpatie reciproche (o comunque, comprensioni) non sarà possibile appianare le loro differenze e diffidenze reciproche ben più profonde. Alla fine, forse, in circostanze diverse, sarebbero pure potuti diventare amici, ma la guerra non fa sconti a nessuno e, prima o poi, si dovranno confrontare con la realtà che li rende avversari uno dell’altro…

Teresa Turconi e Stefano Radice sono una coppia, nel lavoro e nella vita. Lei abilissima, poetica sceneggiatrice e lui un mago delle matite. Si sono conosciuti collaborando a “Topolino”, poi, hanno spiccato il volo e stanno producendo meravigliose graphic novel dove alla bellezza delle immagini si miscelano storie toccanti, emozionanti; storie nelle quali anche poche frasi ben scritte riescono a far palpitare il cuore, a emozionare.
In questa opera le immagini la fanno da padrone, perché nella sterminata steppa russa, perennemente innevata, le parole sono spesso di troppo. Quando, poi, come nelle circostanze, i tre protagonisti nemmeno parlano la stessa lingua, ma idiomi totalmente diversi gli uni dagli altri di cui capiscono solo poche parole, ogni colloquio serio è impossibile. Però spesso basta uno sguardo, un gesto, perfettamente cristallizzato nel disegno, per spiegare situazioni, per palesare sentimenti.
Non si tratta di una storia originalissima, la collaborazione forzosa tra uomini, con la sola motivazione della sopravvivenza, ha ispirato romanzi e film, ma l’intensità di questo connubio tra immagini e testo, rende l’opera unica nel suo genere, profonda, commovente. Lungi dal cedere a un sentimentalismo edulcorato, il racconto grafico non nasconde i lati negativi di ciascuno dei personaggi. I frequenti flashback ci fanno scoprire il passato, non proprio esaltante di Attilio,. La guerra stessa mette in luce il lato peggiore di ognuno di loro, ma proprio per questo ce li rende più umani, più vicini a noi.
L’unico punto negativo della storia lo si potrebbe individuare nella volontà di scrivere in lingua originale le battute di Fuchs e Vanja (senza neppure una traduzione in nota), e, quindi, per chi non conosce russo e tedesco, di lasciare delle caselle vuote negli scarni dialoghi dei fuggitivi. Ma forse pure in questo sta la forza del racconto: non si deve, obbligatoriamente, capire tutto per entrare in sintonia col narrato che anche nelle incomprensioni trova la sia ragion d’essere.
Decisamente consigliabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Nonostante tutto
Due figlie e altri animali feroci
Sono ancora vivo
Cinzia
La guerra di Catherine
Jonas Fink. Una vita sospesa
Green Manor
La terra, il cielo, i corvi
Sempre pronti
Taglia e cuci
Niente da perdere
Pelle d'uomo
Stelle o sparo
La tettonica delle placche
Non è te che aspettavo
Non stancarti di andare