A bocce ferme A bocce ferme

A bocce ferme

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Un cold case per i Vecchietti del BarLume. Un vecchio omicidio mai risolto, avvenuto nel fatidico 1968, si riapre per una questione di eredità. Muore nel suo letto Alberto Corradi, proprietario della Farmesis, azienda farmaceutica del litorale toscano. Alla lettura del testamento, il notaio ha convocato anche la vicequestore Alice Martelli, perché nelle ultime volontà del defunto è contenuta una notizia di reato. Erede universale è nominato il figlio Matteo Corradi, ma nell’atto il testatore confessa di essere stato lui l’autore dell’assassinio del fondatore della fabbrica, suo padre putativo. Il 17 maggio del 1968 Camillo Luraschi, capostipite della Farmesis, era stato raggiunto da una fucilata al volto. Le indagini non avevano trovato risultati, forse perché il clima politico consigliava di non scavare troppo. L’imbroglio nella linea di successione obbliga alla riapertura dell’inchiesta. Matteo Corradi non potrebbe, infatti, ereditare ciò che il padre ha ottenuto mediante un delitto. Alice Martelli, la fidanzata (eterna) di Massimo, in questo caso non può fare a meno dell’archivio vivente di pettegolezzi costituito dai quattro vecchietti, che erano stati coinvolti tutti in modi diversi nel Movimento. Le indagini si svolgono, come al solito, tra la questura e il BarLume di Pineta dove Aldo, nonno Ampelio, Pilade Del Tacca del Comune, il Rimediotti (detti anche i quattro «della banda della Magliadilana») dissipano gli anni della loro pensione, vanamente contenuti dal gestore Massimo, costretto a esorcizzare con la logica le ipotesi dei senescenti occupanti della sala biliardo del bar. Da dove passano storielle toscanacce di ogni genere. L’inchiesta si imbatte in svolte e nuovi delitti obliquamente diretti a occultare. E scomoda, in stolidi playback, i ricordi del Sessantotto nella zona. Finché – tra dialoghi alla Ionesco o da signor Veneranda, battute micidiali in polemica tra i vecchietti e tra loro e il mondo, perle di saggezza buttate lì nel lessico più scostumato e inattuale – si fa strada l’unica maschera triste di tutto il palcoscenico, Signora la Verità.

Recensione della Redazione QLibri

 
A bocce ferme 2018-07-08 15:00:37 ornella donna
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    08 Luglio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un omicidio cinquantenne

Tornano i cari e spiritosi vecchietti del Bar Lume, con A bocce ferme di Marco Malvaldi. La serie è iniziata nel 2007, e questo è il settimo della serie. Di lui, autore, mi ha colpito una dichiarazione che ha reso, in cui afferma che:
“Parrà turpe, ma a lui devo la tranquillità economica. (Camilleri Andrea, ndr.). Se Camilleri scrive e vede, consente a uno o due giovani all’anno di provarci. Ho sfruttato la sua traccia. Oggi scrivere gialli è comodo. Passa per una operazione culturale. Per me che sono tifoso, stargli accanto è come giocare nel Torino.”
I protagonisti a latere di questo libro sono quattro arzilli vecchietti: Aldo, Ampelio, Pilade e il Rimediotti, meglio conosciuti come “I quattro della Banda della Maglia-di-lana”. Frequentano e quasi “vivono” nel Bar Lume, di proprietà di Massimo, nipote di Ampelio, e di Tiziana. Massimo è spesso insofferente e sarcastico nei confronti dei quattro:
“Abbi pazienza, Massimo, ma stai diventando insopportabile. Tratti male chiunque. Finchè lo fai con tuo nonno e con quegli altri con cui hai confidenza pace. Ma non è che puoi mandare in culo le persone solo perché ti chiedono una centrifuga.”
A mediare c’è Marco Pardini, detto Marchino:
“balconista ufficiale del BarLume da un paio di anni. Del perché un cristone di un metro e novanta con una vistosa collezione di muscoli in bellavista sia soprannominato Marchino, le ipotesi valide sono due. “.
Un’indagine difficile, compiuta da Alice Martelli, vicequestore nonché fidanzata di Massimo, chiama in causa come testimoni proprio i quattro. All’apertura del testamento di Alberto Corradi, proprietario di una importante azienda farmaceutica del luogo, si apprende come quest’ultimo si dichiari colpevole di aver ucciso il padre putativo della stessa, tale Camillo Luraschi, da lui stesso adottato. La notizia è sconvolgente, anche perché a Matteo Corradi nominato erede universale non può spettare qualcosa che risulta essere frutto di un omicidio. Però l’omicidio dopo cinquant’anni è caduto in prescrizione. E allora? Le indagini si complicano ulteriormente con la violenta morte di Ubaldo Giaccherini, operaio in pensione, che dichiarava di possedere importanti informazioni riguardo al passato. Tutto ciò è misterioso, perché i quattro conoscevano bene Alberto, e non sono convinti della sua confessione, per cui:
“quella era la domanda cruciale. Quella che le ripassava nel cervello da un paio di giorni, fastidiosa come un pulmann che va nella direzione giusta ma è strapieno, e tu non sai se è il caso di salirci o di aspettare quello dopo.”.
L’indagine prosegue, tra svolte e depistaggi, con un occhio rivolto al passato. Ad un passato, il ’68, complicato e difficile, che spesso non si vuole ricordare, che.
“era il momento della protesta studentesca. E qui siamo accanto a Pisa. (…) Novantamila persone, di cui cinquantamila studenti universitari. Un testone enorme su di un corpo rachitico, come diceva il Nardi. Un assetto squilibrato. E infatti quello successe, si perse l’equilibrio.”
Un giallo differente dal solito, un giallo che alla trama, decisamente classica del genere, affianca un clima ironico e spiritoso, che travolge il lettore. La vena comica ed umoristica percorre incessante tutto il libro, affiancato dall’uso sparso del dialetto toscano, che farcisce e condisce amabilmente le battute dei quattro vecchietti. Una trama intrigante e complessa tra chiacchiere da bar, pettegolezzi di provincia e derisioni da compagnoni. Una bella e stimolante lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto i precedenti sei libri di Marco Malvaldi, con protagonisti i quattro vecchietti del BarLume.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
A bocce ferme 2018-08-30 16:55:28 luvina
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
luvina Opinione inserita da luvina    30 Agosto, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il BarLume e il '68

Malvaldi con i romanzi della saga del Bar Lume è sempre una garanzia. Non si è smentito nemmeno con questo ultimo capitolo, a mio avviso anche più interessante degli altri.
Alla lettura del testamento di Alberto Corradi, proprietario dell’azienda farmaceutica Farmesis, avviene un colpo di scena: lo stesso Corradi si autoaccusa dell’omicidio del padre putativo avvenuto nel lontano 1968. Da qui si dipana tutto l’intreccio giallo che non svelerò per ovvi motivi e che verrà risolto brillantemente da Massimo il “barrista” e dalla sua compagna il vicequestore Alice Martelli.
Quello che differenzia quest’ultimo romanzo dagli altri è l’anno nel quale avviene il primo omicidio il 1968; quello fu l’anno d’inizio delle rivolte studentesche e operaie dalle quali scaturirono poi i bui anni ’70, è anche l’anno della fantasia al potere ma l’omicidio in sé non ebbe nulla di politico come poi si scoprirà ma è molto interessante rivivere nelle parole di Ampelio l’occupazione dell’Università di Pisa o nei ricordi dei “vecchietti” i volantinaggi nelle fabbriche.
In quest’ultimo capitolo c’è una maggior caratterizzazione del personaggio di Pilade Del Tacca che darà una mano notevole alla soluzione e poi si scoprirà anche il nome del padre di Massimo.
Libro scritto molto bene, con venature intimiste, sempre divertente ed intelligente “Essere triste- è brutto. Essere triste quando tutti credono che tu sia felice, che tu abbia tutto per essere felice- è peggio”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Isola di neve
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
M. Il figlio del secolo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo giro della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La coda del diavolo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'idiota
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I colori dell'incendio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quinto comandamento
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza e la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non fare domande
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri