Festa di famiglia Festa di famiglia

Festa di famiglia

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


È quasi Natale. A Milano, in un ristorante di piazza Novelli già addobbato a festa, la proprietaria si prepara ad accogliere le ospiti abituali del giovedì. Andreina, Carlotta, Gloria e Maria Sole: quattro amiche, quattro giovani donne che ogni settimana si concedono quel momento di chiacchiere e confidenze. Due single, due in coppia, tutte alle prese con i dubbi del cuore: relazioni che le rendono felici a metà, uomini che dopo grandi dichiarazioni e doni preziosi si sono volatilizzati, oppure sono entrati in modalità-pantofola e pensano che il desiderio di ogni donna sia un robot da cucina. Quella sera, le attende un compleanno da festeggiare. Ma anche una confessione imprevista: Andreina aspetta un bambino. Proprio lei, soddisfatta della sua vita da single impegnata nel lavoro, ora deve affrontare una scelta d'amore che la coglie impreparata. «Che non ti venga mai in mente di fare un figlio senza avere un marito», le ripeteva sempre sua madre, per risparmiarle quanto era capitato a lei in un'epoca in cui una situazione simile era causa di scandalo e grandi sacrifici per una ragazza. Andreina appartiene a una nuova generazione di donne, più emancipate e disinvolte, eppure di fronte a quella decisione si sente smarrita. Forse la risposta è già nel suo cuore, in quell'angolo buio in cui ha imparato a nascondere i sentimenti. Una cosa è certa: qualunque sia la sua scelta, le amiche le saranno sempre accanto, come una famiglia.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.9
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuto 
 
2.7  (3)
Piacevolezza 
 
2.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Festa di famiglia 2018-04-20 17:25:34 Virè
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Virè Opinione inserita da Virè    20 Aprile, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una buona autrice stavolta deludente

Dopo un po' di anni di lontananza, ho preso in mano nuovamente un libro di questa autrice, che in passato mi ha affascinato parecchio, con libri come Vicolo della Duchesca, 6 Aprile '96, Rosso Corallo, Vaniglia e Cioccolato ed altri. Le sue opere sono molto simili tra loro per struttura narrativa, personaggi e spesso anche trama. La narrazione alterna capitoli del presente a capitoli del passato; ritroviamo sempre protagoniste femminili, spesso generazioni di donne di cui viene raccontata la vita travagliata, tra dolori ed amori irrealizzabili.

Nonostante questo i suoi personaggi sono donne così determinate e carismatiche, che non possono non suscitare ammirazione e grande empatia oltre che simpatia, la trama risulta avvincente e il modo in cui l'autrice descrive i sentimenti porta a gradire i suoi libri, a maggior ragione se letti a distanza di tempo l'un dall'altro.

Fatta questa premessa, Festa di famiglia ha purtroppo visto venir meno tutto quanto appena detto.

Siamo a Milano e questa volta troviamo come protagoniste quattro amiche, diversissime tra loro eppure molto legate e pronte a sostenersi a vicenda di fronte alle difficoltà della vita. C'è l'avvocato di successo, concentrata sul proprio lavoro, che passa da una storia all'altra senza volersi legare a nessuno; la donna ricca di nascita, che non lavora, sposata con il fidanzatino di sempre, proprio come voluto dalla propria famiglia; l'eterna fidanzata alle prese con i problemi della nuova convivenza ed infine, quella su cui l'autrice si sofferma di più, la ragazza dal passato difficile sopraffatta da un amore travolgente.

Le premesse per un buon romanzo ci sono tutte, così come appare dai primi capitoli, in cui ritroviamo il gioco tra passato e presente tanto amato dalla scrittrice. Ben presto però il racconto prende una piega diversa, diventa scontato, con episodi risolti semplicisticamente e narrati senza alcun coinvolgimento, senza approfondire reazioni, soluzioni e nemmeno sentimenti. Le quattro protagoniste vengono presentate all'inizio, ma i loro caratteri e le loro emozioni non sono elaborati, ma lasciati lì a rappresentare ciascuno lo stereotipo che incarna. Probabilmente l'autrice temeva che, soffermandosi troppo su ciascuna di esse, avrebbe dato vita ad un volume di migliaia di pagine, o più semplicemente ha esaurito le idee per qualcosa di nuovo. Qualunque sia il motivo, ne viene fuori un libro anonimo, con poco mordente, fin troppo scontato e molto poco coinvolgente.

Un ritorno ad una buona autrice decisamente deludente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Festa di famiglia 2018-01-08 10:03:32 ornella donna
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    08 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una famiglia al femminile

La famiglia è al centro di questo ultimo romanzo di Sveva Casati Modignani: Festa di famiglia.
La famiglia con le sue turbolenze, gli anacronismi, le esigenze di cambiamento. Una famiglia un po’ particolare, tutta al femminile. Infatti al centro del romanzo ci sono quattro protagoniste, quattro amiche che ogni giovedì sera si ritrovano in un locale di Milano, dove una sala è a loro riservata, dal nome affascinante: “Ottocento”. Le quattro si chiamano: Andreina, Carlotta, Maria Sole e Gloria. Sono unite da un vissuto differente, ma molto solidale. E’ un inno all’amicizia e alle donne, alla loro forza, alla loro tenacia, alla loro capacità di creare il bello anche e soprattutto dal difficile. E’ un
“qualcosa alla Sex and the City”,
e questo è forse l’unico suo lato negativo in un testo brillante, veloce, che si legge in breve tempo.
Si confrontano due generazioni di donne. Quelle che:
“Che non ti venga mai in mente di fare un figlio senza avere un marito”,
come intima la madre di Andreina; e quelle venute successivamente: proprio come Andreina che fa un figlio con un uomo “felicemente sposato”, di nome Bill, ma innamorato perso di lei. E poi c’è Gloria: anche lei in crisi perché il suo uomo per il compleanno le ha regalato un “Bimby” per cucinare. Carlotta è l’avvocato di successo, innamorata persa di un chirurgo estetico con moglie e tre figli, che l’ha appena abbandonato dopo che lei gli ha confessato di amarlo. Maria Sole ha un figlio e un marito, che le confesserà presto un segreto destinato a rivoluzionare qualsiasi equilibrio. Di qui il via ad una serie di avventure fantastiche con le quattro attrici.
Un libro commovente, ironico, scritto con grazia e sensibilità. Si superano i tradimenti, si sciolgono le inquietudini sentimentali, si raccontano brevi amori eterni con grazia e leggiadria. Una buona lettura, dal sapore oltremodo natalizio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Festa di famiglia 2017-10-27 19:47:48 ALI77
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    27 Ottobre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

AMICIZIA TRA DONNE

Pia Mantovani, la proprietaria di un noto ristorante a Milano, apre il nuovo libro di Sveva Casati Modignani che questa volta pubblica un racconto breve ma molto intenso.
E’ attraverso Pia che conosciamo le quattro donne che sono le protagoniste del romanzo: Carlotta, Gloria, Andreina e Maria Sole.
Le donne sono solite riunirsi il giovedì sera e cenare assieme nel locale della Mantovani, questa è l’occasione per aggiornarsi sulle rispettive vite e diventa un appuntamento imperdibile per le quattro giovani.
L’autrice ci parla di tutte e quattro le donne, anche se si sofferma di più su Andreina e ce la fa conoscere attraverso un vero e proprio racconto dall’infanzia fino ai giorni nostri. Come è abitudine della Casati Modignani, la narrazione fa un salto nel passato e ci racconta la vita della madre di Andreina e di come è nata e cresciuta la figlia.
Andreina rivela alle sue amiche di aver scoperto di essere incinta, ma Bill il padre del bambino, è sposato e abita dall’altra parte del mondo. E’una storia impossibile, sbagliata e che non ha alcun futuro in quanto sembra che l’uomo abbia un matrimonio felice.
La donna è piena di dubbi e non sa come affrontare questa situazione da sola, non crede sia corretto rivelare a Bill quello che le sta accadendo, come era successo anche per lei, infatti Andreina non ha mai conosciuto il suo vero padre.
La sua vita non è stata facile, da piccola ha vissuto con i suoi zii, perché sua madre dal sud si è trasferita al nord per lavorare e dare un futuro più felice alla figlia. Ma Andreina ha sofferto molto la sua mancanza e si è sentita sola e fuori posto nella casa dello zio. Si è chiusa in se stessa e non riesce ad aprirsi e a innamorarsi veramente di qualcuno e ad esprimere i propri sentimenti.
Mentre poi conosciamo anche le altre ragazze, c’è Gloria che è fidanzata da una vita con Sergio e da un anno ha deciso di convivere assieme a lui, ma il loro rapporto è diventato abitudinario e ripetitivo e la donna ha dei forti dubbi sulla sua relazione.
Carlotta,invece, è una donna che è dedita solo al lavoro è un avvocato in carriera che però ha deciso di non avere delle relazioni serie, ma solo delle avventure e crede che l’amore non esista.
Maria Sole, è l’unica delle quattro ad essere veramente felice e appagata, ha un marito e un figlio e sembra avere un rapporto solido e tradizionale.
In realtà ogni donna ha una storia personale molto diversa ma in un certo modo loro sanno che nonostante tutto possono contare l’una sull’altra, come una vera famiglia.
Queste quattro donne mi hanno ricordato moltissimo la famosa serie “Sex and the city” e in alcuni punti mi sembrava che fossero proprio loro, questo mi ha un po’ fatto storcere il naso, non perché non ami la serie tv (che è tra le mie preferite), ma piuttosto perché l’idea dell’autrice non è stata così originale.
Devo dire anche che Sveva ha un modo di raccontare la storia che ti sa coinvolgere e ti affascina ed è riuscita a trovare il giusto equilibrio per dare alle quattro donne, la stessa importanza nel libro e a rendere interessanti le loro storie.
Le quattro protagoniste del romanzo sono delle donne autentiche, che ci vengono presentate con i loro difetti e i loro pregi, affrontano le delusioni e le paure con coraggio e soprattutto nel corso del libro, trovano la forza per reagire e per andare avanti, perché insieme ce la possono fare.
La loro amicizia è l’unica cosa certa della loro vita, è un porto sicuro nel quale rifugiarsi.
A parte Maria Sole che non lavora, le altre tre sono delle donne in carriera e realizzate e con una vita sentimentale poco appagante e non esaltante.
Questo richiama molto le basi della letteratura chick lit, che io amo molto e nella storia ho trovato molti riferimenti a questo genere.
Non mi è piaciuta di certo la scelta dell’autrice di descrivere delle donne che avessero un’ ottima posizione lavorativa e una vita professionale molto appagante, non considerando la situazione di crisi che c’è oggi, questa cosa non l’ho trovata molto realista e in linea con quello che noi tutti stiamo vivendo.
Sembra quasi che l’autrice abbia voluto far cadere l’attenzione più sulla situazione personale e affettiva delle donne, lasciando così poco rilievo al loro lavoro che sembra non essere un argomento così importante e , a mio avviso, viene trattato con troppa “leggerezza”.
La parte finale mi è sembrata frettolosa e secondo me c’erano le basi per scrivere molte più pagine di questa storia, non mi ha entusiasmato come si risolvono le vicende delle quattro donne.
La cosa, invece, che più ho apprezzato è lo stile dell’autrice che possiamo trovare in tutti i suoi libri e che sa coinvolgere il lettore e lo porta per mano a scoprire l’intera storia.
Un testo ben scritto, intenso, ricco di colpi di scena, molto scorrevole e che si legge in poco tempo, consigliato a chi crede nell’amicizia vera che può superare ogni ostacolo e che questa possa essere un legame tra le persone e che possa anche aiutarle ad affrontare la vita di tutti i giorni.
Un libro ideale come regalo di Natale visto che nel testo si respira l’aria natalizia e anche il colore della copertina richiama i colori di questo periodo dell’anno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gli altri libri di Sveva Casati Modignani
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dove c'è fumo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La morte mi è vicina
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sotto il falò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La famiglia Aubrey
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.7 (3)
Corpus Christi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri