Narrativa italiana Letteratura rosa Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli
 

Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli

Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Superati i quaranta un uomo diventa interessante, una donna zitella. Ma Teresa Papavero non se ne cruccia, ha ben altre preoccupazioni. Dopo avere perso l'ennesimo lavoro in circostanze a dir poco surreali decide di tornare a Strangolagalli, borghetto a sud di Roma nonché suo paese nativo, l'unico posto dove ricominciare in tranquillità. E invece la tanto attesa serata romantica con Paolo, conosciuto su Tinder, finisce nel peggiore dei modi: mentre Teresa è in bagno, il ragazzo si butta dal terrazzo. Suicidio? O piuttosto, omicidio? Il maresciallo Nicola Lamonica, il primo ad accorrere sul luogo, è abbastanza confuso al riguardo. Non lo è invece Teresa che, dotata di un intuito fuori del comune, capisce alla prima occhiata che qualcosa non va. Il fatto è che non le crede nessuno. Tantomeno Leonardo Serra, l'affascinante quanto arrogante poliziotto arrivato per indagare sulla morte del giovane. A peggiorare la situazione la misteriosa scomparsa di Monica Tonelli, una delle ospiti del B&B che Teresa ha aperto nella casa paterna con la complicità di Gigia, la sua amica del cuore. Tutto il paese è in subbuglio perché la sparizione della donna viene addirittura annunciata nel famoso programma "Dove sei?" e a indagare sulla Tonelli arriva proprio l'inviato di punta, Corrado Zanni. Per Teresa davvero un periodo impegnativo, coinvolta in indagini dai risvolti inaspettati e perseguitata dalle ombre del passato: la scomparsa della madre e il burrascoso rapporto col padre, il noto psichiatra Giovan Battista Papavero. E così, tra affascinanti detective, carabinieri di paese, reporter d'assalto e misteriosi sconosciuti, Teresa si trova risucchiata in una girandola di intrighi, in un susseguirsi di imprevedibili colpi di scena. Tanto a Strangolagalli non succede mai niente!

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli 2019-11-12 15:00:45 Clangi89
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Clangi89 Opinione inserita da Clangi89    12 Novembre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cosa succede se dici Strangolagalli?

Cosa succede nel piccolo paese laziale di Strangolagalli in una calda stagione estiva che sta per cominciare?
Teresa Papavero, quarantenne single, non ha mai realizzato il lavoro di psicologa in ambito criminale, non è pertanto diventata una profiler come il celebre papà. Tutt'altro, la donna di colori vivaci e sgargianti, dalla battuta pronta e sagace e da una memoria sopra le righe, si è barcamenata in lavori dalla call center, alla commessa di un sexy shop per tornare sulle orme del paese natio, Strangolagalli, per rifugiarsi ed avviare con un'amica il B&B "Papavero e Capperi". Una vita che all'apparenza non ha molto di speciale ma che maschera tristi eventi di abbandoni. Teresa venne infatti abbandonata dalla madre, non si sa perché né per come, un giorno se ne andò di casa.
Proprio mentre la nostra protagonista pensa di aver fallito su tutti i fronti ecco che qualcosa nel paesello inizia a succedere, uno strano suicidio in cui la Papavero è stranamente partecipe nascosta in quell'appartamento del giovane uomo e questa presenza non passerà inosservata dietro le quinte di questa morte.
In paese tutti si agitano e non manca l'arrivo di Leonardo Serra, poliziotto affascinante ma non manca nemmeno un altro evento oscuro: sparisce una donna straniera che aveva dormito nel famoso ed unico B&B di Strangolagalli.
Scrittura simpatica, leggera, ricca di dialoghi tra i personaggi coloriti che ben rendono l'idea della vita di un paese di provincia, dal prete al sindaco, dall'estetista alla bibliotecaria ai carabinieri, fino all'arrivo delle telecamere dei cronisti e l'avvento di curiosi. Il paese è letteralmente preso d'assalto!
Le telecamere portano un'altra novità, questa volta legata alla nostra protagonista. La Papavero si scontra con sentimenti che credeva di aver archiviato addirittura da 20 anni e rischia perfino di essere ammazzata perché indaga e non si accontenta di briciole, anzi, ostinatamente segue il suo intuito. Si salva e nel salvarsi affiorano domande e risposte che la sua mente pungente non manca di rielaborare.
Non ci si può non affezionare alla Papavero che ispira simpatia, tenerezza, regala sorrisi tra aggeggi sexy, improponibili gonne colorate e chincaglierie che addobbano l'immagine di una donna insicura ma forte allo stesso tempo. Assistiamo alle riflessioni sul sentimento degli abbandoni subiti ed alle conseguenze di disagio. Il rapporto con il padre che tutto sa e per tutto spara sentenze. Il giallo è il filo conduttore di una serie di intrecci e di personaggi.
Un racconto piacevole, una lettura distensiva che vien voglia di scoprire fino in fondo in compagnia di Teresa e dei colpi di fulmine e di scena. Forse le indagini, il lato della cronaca nera e dei fatti pesanti che si verificano, passano in secondo piano ma penso che questo sia voluto dalla scrittrice per mantenere un livello di narrazione che oscilla tra la commedia, il dramma, l'ironia ed il sentimento.
Lo consiglio a chi, magari come la sottoscritta, dopo alcune letture impegnative, vuole dedicarsi a pagine distensive, dal sapore italiano della vita di provincia che improvvisamente si trova sotto i riflettori della cronaca. Una detective autodafé che dispiace abbandonare al termine del libro con un finale... Forse aperto a nuove e prossime avventure!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli 2018-12-01 18:33:29 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    01 Dicembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La splendida Teresa Papavero

Chiara Moscardelli, dopo aver scritto Volevo essere una gatta morta, torna in libreria con Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli. Un libro frizzante, ironico, sardonico, che si divora in un attimo, con il massimo divertimento.
Racconta la storia di Teresa Papavero, una donna di quarant’anni, che per questo si considera una zitella, una laurea in psicologia, un master in criminologia, profiler mancata, con una particolare capacità, per cui:
“Lei stessa aveva condotto delle ricerche sulla sua strana capacità mnemonica e si era imbattuta nell’ipertimesia, l’attitudine a ricordare dettagliatamente ogni giorno della propria vita. Ricordava anche il momento esatto in cui aveva svolto quelle ricerche, spinta dalle continue insistenze di una persona. Corrado Zanni, appunto. Ma era venuto fuori che esistevano ventuno casi documentati in tutto il mondo. Troppo pochi perché lei potesse rientrare nel novero.”
Continuamente rimproverata dal padre, famoso psichiatra, è profondamente insicura, anche a causa dell’abbandono di sua madre, quando lei era solo una bambina. Ha un’amica del cuore, Luigia, dett Gigia:
“era bella Luigia, così dolce, sensibile.”.
Dopo aver abbandonato il lavoro, un po’ strano e precario, in un sexy shop, cerca di trovare il suo posto nel mondo a Strangolagalli, ovvero:
“Esiste un piccolo borgo dal nome bizzarro, situato alle pendici dei monti Ernici e nei pressi della valle del fiume Liri, dove il tempo sembra essersi fermato. Quel borgo si chiama Strangolagalli. (…) Era un piccolo centro abitato da duemilaseicento anime e avvolto da un alone di leggenda: eppure tutto sembrava contraddirne le origini misteriose. La bibliotecaria, il medico di base, il farmacista, la parrucchiera, erano gli stessi di sempre . “
Teresa cerca anche una propria sicurezza sentimentale quando va a cena con Paolo, il quale però quando lei è in bagno si getta dal balcone. Suicidio o omicidio? Nessuno le crede, meno che mai l’affascinante Leonardo Serra,
“anfibi, jeans, maglietta blu con una piccola scritta gialla sul lato destro della manica, CK, Calvin Klein; calzettoni a righe gialle e blu. Mastica in continuazione gomme e liquirizie, chiaro sintomo di uno che sta cercando di smettere di fumare, ma non ci riesce. (…) E solleva un sopracciglio quando qualcosa non lo convince.”
Quando poi anche Monica Tanelli, cliente del B&B amministrato dalla stessa Teresa, scompare, gli eventi precipitano. Inoltre dopo questa scomparso arriva anche a Strangolagalli Corrado Zanni, che lei stessa vent’anni prima aveva conosciuto molto bene, e per lei l’ecatombe è completa.
Un bel giallo giovanile, ironico e divertente. Un libro ricco di colpi di scena, di intrighi, colorato, avvincente e fantasioso. Una prosa leggera che spesso fa affiorare un simpatico sorriso sul volto di chi legge. Non è un libro romantico, molto spassoso, però. Fa ridere e fa riflettere e non è poco. Una bella commedia giallo-rosa, di gran talento e fascino indiscusso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato chi ha amato Chiara Moscardelli, Volevo essere una gatta morta.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri