L'argine L'argine

L'argine

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Aprile 1945. Frazchì è un bambino che vive a Cotignola, nella bassa ravennate, ai piedi dell'argine del fiume Senio dove il fronte della guerra si è bloccato ormai da mesi. Là sua è una corsa contro il tempo: deve portare a ingravidare Ninetta, la capretta di famiglia, prima che la fame prenda il sopravvento e le bombe degli Alleati radano al suolo ciò che resta del paese. Insieme a Ninetta, però, Frazchì deve portare con sé anche il peso di un segreto pericoloso. Marina Girardi e Rocco Lombardi, fondendo due stili opposti, pittorico e vibrante il primo, cupo e graffante il secondo, ci restituiscono la complessità dello sguardo di un bambino che si trova di fronte all'orrore e alla violenza della guerra, ma anche alla straordinaria resistenza di una comunità che - in pieno assedio nazifascista - ha saputo offrire rifugio e salvezza a centinaia di perseguitati.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'argine 2016-05-16 07:58:20 Mian88
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    16 Mag, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cotignola

1945. Cotignola. Il piccolo Frazchì viene incaricato dai genitori di attraversare l’argine per far si che la capretta Ninetta, unica ricchezza della famiglia, possa accoppiarsi. Ed è in questo sentiero di minacce fasciste, ebrei nascosti e spie tedesche che il testo si snoda. La voce narrante è l’ormai adulto protagonista di questo viaggio, un uomo già nonno che racconta al nipote di quegli anni bui che sono stati quelli del Secondo Conflitto Mondiale. Il ciglione di cui si parla è quello del fiume Senio, che nasce in Toscana per buttarsi nel Reno passando per la realtà cotignolese.
L'opera può essere analizzata mediante due prospettive; da un lato quella dei capi, del fronte della guerra che non avanza, degli Alleati che non passano, degli aerei che bombardano, della paura indotta e dalla voglia di libertà, dall’altro dal punto di vista della resistenza intesa quale unico mezzo per combattere la violenza, per ribellarsi ad un regime che tutto vuole tranne che tutelare la vita.
Interessante la realtà storica, il periodo narrato va infatti dal novembre 1944 fino all’ultima offensiva del 9 aprile 1945, stallo che si concluse con l’entrata delle truppe britanniche neozelandesi, avvenuta il giorno successivo in una Cotignola spettrale, rasa al suolo, cancellata dai bombardamenti aerei e dalla paura. Indeterminabile il contributo di Vittorio Zanzi, macellaio antifascista che ricopriva il ruolo di commissario prefettizio garantendo asilo ai bisognosi. Basti pensare che ben 41 ebrei ed innumerevoli altri sfollati, rifugiati politici etc sono stati accolti in quei 145 giorni di agonia. Non è dunque solo il racconto della Guerra, delle fucilazioni, dei partigiani, ma anche e proprio quella della voglia di vivere, del rispetto dell’esistenza dell’individuo stesso.
Un graphic novel che si avvalora e caratterizza per la fusione di due stili diversi eppure perfettamente coesistenti tra loro, quello di Marina morbido, dai colori leggeri, fiabeschi, dall’impatto acquerellabile, infantile nella parte riservata alla narrazione presente, e quello di Rocco, duro, marcato, scuro, cupo, ed atto cioè a mostrare al lettore dell’irrompere di quella violenza volta a distruggere la quotidianità, la pace dell’ordinaria esistenza umana. Sogno e realtà.
Un elaborato che avvolge per la semplicità della sua storia, per la verità della stessa e per la cura e la dedizione di illustrazioni magistralmente riuscite.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Sepolcro in agguato
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lucy davanti al mare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Le avventure di Cipollino
Il ragazzo contro la guerra
Bambini perfetti
Cosplay girl
Di impossibile non c'è niente
Le domande di Emma
Uno spazio senza tempo
Anomalya
La seconda avventura
Il cinema
La notte delle malombre
Le belve
La bambinaia francese
Trilogia delle ragazze
Casa Lampedusa. Semplicemente eroi
Orzowei